Il futuro secondo Intel? Moltissimi oggetti in grado di dialogare

Il futuro secondo Intel? Moltissimi oggetti in grado di dialogare

Brian David Johnson, "futurista" degli Intel Labs, ci descrive come la tecnologia entrerà nelle nostre vite, prendendo una via diversa da alcune tracciate in passato

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Sistemi
Intel
 

La visione del futuro di Brian David Johnson potrebbe avere un certo peso nonché ripercussioni sulla nostra quotidianità fra qualche tempo. Prima di tutto, chi è Brian David Johnson? All'interno degli Intel Labs riveste il ruolo di Futurist & Principal Engineer, ovvero di mestiere fa l'"ingegnere futurologo" obbligato a tenere comunque i piedi nella realtà, in quanto deve mettere le basi a dispositivi realizzabili fra 10-15 anni.

L'approccio tenuto durante la sua relazione ci è piaciuto, in quanto ha smontato alcune visioni del futuro effettivamente troppo fredde ed estraniate dalla realtà rispetto a quanto ci si attende. Mr. Johnson ha dichiarato senza giri di parole di odiare l'immagine riportata sopra, dove si ritrae una persona che vive circondata da tre oggetti, uno dei quali in grado di fare tutto. "Estraniante, quasi una prigione", sempre citando l'ingegnere futurologo, orgogliosamente calvo "perché nelle storie di fantascienza ce ne sono tanti senza capelli".

Il futuro è invece l'evoluzione di questo. Tantissimi oggetti, una vita reale,  in cui la tecnologia sarà quasi invisibile nella maggior parte dei casi. Qui troviamo comunque un laptop, un tablet e altri oggetti che conosciamo già, ma la stanza è affollata di oggetti che fanno parte della nostra vita e in qualche modo ci rappresentano. Dove vuole arrivare con questo discorso?

Lo spunto viene da questa slide, che ritrae i trend degli ultimi anni e include quello a venire, Ubiquitous. La miniaturizzazione delle componenti tecnologiche e non solo le CPU e/o i SoC tenderà sempre più allo zero, inteso come dimensione in primis dei processi produttivi, estendendolo alle reali dimensioni delle unità elaborative. La conseguenza diretta sarà quella di poter integrare componentistica tecnologica in oggetti di uso quotidiano che, ad oggi, nemmeno ci immaginiamo.

Già ora siamo agli albori dei dispositivi indossabili, ma verrà il tempo in cui praticamente ogni cosa potrà essere dotata di un chip destinato a qualche funzionalità, ed in grado di interagire con il mondo circostante fatto da altri dispositivi con esso dialoganti. Mr. Johnson parla di spazi intelligenti, in cui tutti gli oggetti potranno integrare un mini computer, corpo umano incluso. Si tratta di una prima, grossolana introduzione a un tema più vasto, data in pasto a giornalisti vogliosi di saperne di più. Anche in questo caso aspetteremo l'IDF vero e proprio per approfondire le interessanti tematiche che si fanno largo quest'anno, che sembrano oggettivamente interessanti. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
opelio10 Settembre 2013, 13:10 #1
"Il futuro secondo Intel? Moltissimi oggetti in grado di dialogare"

Ed i cervelli umani completamente atrofizzati.
Bivvoz10 Settembre 2013, 13:55 #2
Se la miniaturizzazione porta anche un incremento delle prestazioni perché avere più di un dispositivo?
Cioè se io posso avere un dispositivo delle dimensioni di uno smartphone con le prestazioni di un desktop potrebbe diventare il mio unico dispositivo.
Quindi al massimo potrebbe interagire con la controparte di altre persone o con dispositivi fissi come cartelloni pubblicitari, banchi informazioni, ecc.

Il problema è che per quanto si è miniaturizzato negli ultimi anni il pc desktop resta ancora imbattuto.
Per certe utenze è sostituibile da un laptop o un tablet, ma non per tutti.
Quindi serve ancora più di un dispositivo, uno leggero e portatile e uno potente.

Poi c'è un altro ostacolo: anche se per assurdo riuscissero a miniaturizzare tutti i componenti di un pc in un bottone e a realizzare dispositivi di input come comandi vocali o che leggono i movimenti simil kinect, resterebbe sempre il display che non si può miniaturizzare o non si vede più nulla.
Forse quando inventeranno l'olodisplay alla guerre stellari
Ale199210 Settembre 2013, 13:58 #3
Originariamente inviato da: opelio
"Il futuro secondo Intel? Moltissimi oggetti in grado di dialogare"

Ed i cervelli umani completamente atrofizzati.


Vero! Però se il futuro portasse ad avere un solo dispositivo in grado di fare tutto e che sia anche portatile non sarebbe male. Mi lasci un pò perpplesso questa frase però:
..tutti gli oggetti potranno integrare un mini computer, corpo umano incluso..


Vorrebbero metter dei microprocessori dentro al corpo umano?? a che scopo???
Bivvoz10 Settembre 2013, 14:18 #4
Originariamente inviato da: Ale1992
Vorrebbero metter dei microprocessori dentro al corpo umano?? a che scopo???


Non è tanto dello scopo che mi preoccupo, quanto della strada che intendono intraprendere per infilare qualcosa dentro il corpo

A parte le battute, probabilmente si riferiscono a protesi e impianti installati per persone con disfunzioni.
Per esempio una mano artificiale comandata da un chip installato nel braccio o una cosa simile.
Xusertek10 Settembre 2013, 15:43 #5
Caspita!! quello che una volta era un film fi fantascienza adesso è il presente
AlPaBo10 Settembre 2013, 17:15 #6
Originariamente inviato da: opelio
"Il futuro secondo Intel? Moltissimi oggetti in grado di dialogare"
Ed i cervelli umani completamente atrofizzati.


La presenza di molti oggetti in grado di dialogare aumenta la quantità di stimoli sensori e intellettuali. L'aumento di stimoli sensori e intellettuali migliora le capacità del cervello (le demenze sono più frequenti in chi non ha studiato e in chi fa lavori manuali).

Originariamente inviato da: Ale1992
Vorrebbero metter dei microprocessori dentro al corpo umano?? a che scopo???


Ci sono già. Lo sai cos'è un pace maker, vero?
Bivvoz10 Settembre 2013, 17:52 #7
Originariamente inviato da: AlPaBo
La presenza di molti oggetti in grado di dialogare aumenta la quantità di stimoli sensori e intellettuali. L'aumento di stimoli sensori e intellettuali migliora le capacità del cervello (le demenze sono più frequenti in chi non ha studiato e in chi fa lavori manuali).


Scusa ma non credo che lobotomizzarsi ore su facebook migliora la capacità del cervello.

Certo il problema non è il dispositivo in se ma l'uso che si fa del dispositivo.
Resta però il fatto che certa gente stimolerebbe di più il cervello zappando l'orto che usando come usa uno smartphone o un tablet... almeno fa qualcosa di utile.

Una volta pensavo che internet fosse il canale che in futuro avrebbe diffuso la cultura, adesso mi rendo conto che sta diffondendo più l'idiozia e la disinformazione che la cultura.
fano10 Settembre 2013, 18:00 #8
[TEORIA DEL COMPLOTTO ON] Chip nei corpi umani? Li metteranno nel corpo di nascosto per spiarci![TEORIA DEL COMPLOTTO OFF]

A gli scherzi i chip nel corpo oltre a ri-creare "sensi" per invalidi (occhi, orecchie, nasi bionici) potrebbero avere senso anche per persone perfettamente sane... pensate che bello un computer nel cervello, lo schermo? A che serve? Avresti tutto nella tua mente come un ricordo o un sogno...

Vuoi cercare qualcosa su Wikipedia? Ti "ricorderai" di saperlo già... vuoi fare un videogioco tu sarai REALMENTE il protagonista (se muori però muori sul serio ), vuoi andare su X*mster o Y*oporn? Vabbeh lascio all'immaginazione cosa potrebbe succedere....

... o forse non è tanto bello? Vi ricordate "Johnny Mnemonic"?
Ale199210 Settembre 2013, 18:54 #9
Originariamente inviato da: Bivvoz
Non è tanto dello scopo che mi preoccupo, quanto della strada che intendono intraprendere per infilare qualcosa dentro il corpo

A parte le battute, probabilmente si riferiscono a protesi e impianti installati per persone con disfunzioni.
Per esempio una mano artificiale comandata da un chip installato nel braccio o una cosa simile.


Si giusto, sarebbe una buona cosa se finalmente si riuscisse a creare tutto ciò. In effetti al momento non mi era venuto in mente.

Originariamente inviato da: AlPaBo
La presenza di molti oggetti in grado di dialogare aumenta la quantità di stimoli sensori e intellettuali. L'aumento di stimoli sensori e intellettuali migliora le capacità del cervello (le demenze sono più frequenti in chi non ha studiato e in chi fa lavori manuali).



Ci sono già. Lo sai cos'è un pace maker, vero?


Si, so cos'è, solo non ci avevo pensato. Per il resto ti do ragione.

Originariamente inviato da: Bivvoz
Scusa ma non credo che lobotomizzarsi ore su facebook migliora la capacità del cervello.

Certo il problema non è il dispositivo in se ma l'uso che si fa del dispositivo.
Resta però il fatto che certa gente stimolerebbe di più il cervello zappando l'orto che usando come usa uno smartphone o un tablet... almeno fa qualcosa di utile.

Una volta pensavo che internet fosse il canale che in futuro avrebbe diffuso la cultura, adesso mi rendo conto che sta diffondendo più l'idiozia e la disinformazione che la cultura.


Parole sante! Credo che tutti i dispositivi vengano creati per essere utili a molti scopi e magari per semplificarci anche un po la vita, ma oramai vengono utilizzati nella maniera piu sbagliata possibile, sopratutto internet come hai detto tu.

Originariamente inviato da: fano
[TEORIA DEL COMPLOTTO ON] Chip nei corpi umani? Li metteranno nel corpo di nascosto per spiarci![TEORIA DEL COMPLOTTO OFF]

A gli scherzi i chip nel corpo oltre a ri-creare "sensi" per invalidi (occhi, orecchie, nasi bionici) potrebbero avere senso anche per persone perfettamente sane... pensate che bello un computer nel cervello, lo schermo? A che serve? Avresti tutto nella tua mente come un ricordo o un sogno...

Vuoi cercare qualcosa su Wikipedia? Ti "ricorderai" di saperlo già... vuoi fare un videogioco tu sarai REALMENTE il protagonista (se muori però muori sul serio ), vuoi andare su X*mster o Y*oporn? Vabbeh lascio all'immaginazione cosa potrebbe succedere....

... o forse non è tanto bello? Vi ricordate "Johnny Mnemonic"?


zappy11 Settembre 2013, 11:27 #10
Originariamente inviato da: Bivvoz
Una volta pensavo che internet fosse il canale che in futuro avrebbe diffuso la cultura, adesso mi rendo conto che sta diffondendo più l'idiozia e la disinformazione che la cultura.


sono assolutamente d'accordo. basta vedere wikipedia (che in teoria, in quanto "enciclopedia"...) e le discussioni che ci sono.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^