IBM, in arrivo il sistema di controllo SecureBlue

IBM, in arrivo il sistema di controllo SecureBlue

IBM presenta un nuovo sistema di protezione dati da inserire direttamente delle CPU

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:54 nel canale Sistemi
IBM
 

IBM ha annunciato nella giornata di ieri la realizzazione di una nuova tecnologia di protezione in grado di garantire maggiore sicurezza nei PC. Ad avvantaggiarsi di questo nuovo sistema saranno inizialmente i computer dedicati al settore medico e militare, oltre al sempre più strategico settore delle console.

La tecnologia, che prende il nome di SecureBlue, si basa di fatto sulla codifica di dati e chiavi crittografiche in maniera più semplice rispetto a quanto ad esempio farà Intel "LaGrande". Se questa infatti prevede il dialogo fra CPU ed un chip esterno, la nuova tecnologia SecureBlue prevede l'integrazione all'interno delle CPU di un piccolissimo modulo, che risulterebbe quindi fisicamente "affogato" nel processore stesso e non dipenderebbe quindi da hardware esterno dedicato.

Gli utilizzi, come anticipato, sono rivolti espressamente in quegli ambiti in cui la sicurezza dei dati risulti strategica, ma anche per combattere la pirateria legata ai giochi per console. Sembra che tra i clienti di IBM vi saranno Microsoft, Nintendo e Sony, a riprova dell'entusiasmo dei produttori intorno al nuovo nato IBM.

Fonte: CDRInfo

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CarmackDocet11 Aprile 2006, 11:59 #1

Sono impressionanti...

...le potenzialità di sviluppo e ricerca di IBM, un colosso davvero come pochi.
Login11 Aprile 2006, 12:00 #2
Se i prezzi dei giochi calassero nel tempo come calano in Giappone neanche ci sarebbe bisogno di secureblue...
Dix 311 Aprile 2006, 12:09 #3
Originariamente inviato da: Login
Se i prezzi dei giochi calassero nel tempo come calano in Giappone neanche ci sarebbe bisogno di secureblue...


lucusta11 Aprile 2006, 12:15 #4
mhm..
una licenza per i transistor del fritz chip nei processori..
che meraviglia........

meno male che ho ancora qualche processore libero da poter sfruttare!
Redvex11 Aprile 2006, 12:29 #5
Ormai ne esce una al giorno quasi, quando ci sarà qualcosa di concreto saranno gli utenti a decretare il successo o l'insuccesso di queste soluzioni
ronthalas11 Aprile 2006, 12:33 #6

pessimisticamente parlando

Nel momento in cui tutti metteranno in vendita soluzioni o processori "autenticati" in modo definitivo, ci saranno solo due sfide: accettare l'imposizione in nome della sicurezza (di chi ha i soldi), o iniziare a craccarli...
hibone11 Aprile 2006, 12:38 #7
oppure comprare i proci via ebay con generalità false ;P
Michelangelo_C11 Aprile 2006, 13:23 #8
Comprare su ebay? Sarebbe?
No perchè non credo che se AMD e Intel (e qualunque altro produttore di cpu come VIA) si mettono a produrre processori con integrato il chippettino bastardo su ebay si trovi qualcosa di alternativo... e anche craccare mi sembra impossibile in questo caso, se vogliono possono rendere impossibile qualsiasi tentativo, considerando che non c'è modo per nessuno di agire all'interno del processore e dei transistor.
Rubberick11 Aprile 2006, 13:53 #9
si ma voglio dire a che scopo? cioe' si fottono solo loro bloccando la copia... fanno la fine che ha fatto la nintendo per tanto tempo.. anzi ora come ora che la nintendo sta facendo uscire roba + interessante... se nn permettono la copia dei giochi vanno pesantemente a male...

la pirateria serve a tutti.. senza di quella le vendite originali faranno un declino...
jappilas11 Aprile 2006, 14:33 #10
un piccolissimo modulo, che risulterebbe quindi fisicamente "affogato" nel processore stesso

con buona pace di chi pensava di poter "craccare" facilmente anche questa protezione...
Originariamente inviato da: Rubberick]si ma voglio dire a che scopo? cioe' si fottono solo loro bloccando la copia... fanno la fine che ha fatto la nintendo per tanto tempo.. anzi ora come ora che la nintendo sta facendo uscire roba + interessante... se nn permettono la copia dei giochi vanno pesantemente a male...[/QUOTE]
vedi: da una parte ho l' impressione che si guardi solo al proprio piccolo mondo ( quello in cui "
PC ad uso militare e medico[/B] (dove quindi mezzi hw per la protezione dei dati sono utili se non attesi con ansia) e console (la cui blindatura non dovrebbe costituire novità e sorpresa, visto che i produttori vivono sulle vendite di giochi originali)
tirare in ballo la pirateria in questo topic è IMHO, un argomento estraneo che suona di pretesto (
[QUOTE]senza di quella le vendite originali faranno un declino

può essere, ma anche nel caso, a me non cambierebbe nulla, a te?
PS: non so se ci hai fatto caso, ma in post come il precedente si può ravvisare apologia di reato (giustificare o elogiare la pirateria, informatica e del materiale coperto da copyright in genere: attenzione, se passa qualcuno particolarmente fiscale)
PPS: non mi riferisco in particolare al tuo post, ma a tutti quelli dello stesso tenore che appena si parla di fritz, tcpa , drm, palladium (quello che ormai si può soprannominare il gran calderone, visto che non si sta mai a fare dei distinguo sugli scopi e le implementazioni specifiche), arrivano copiosi
Originariamente inviato da: hibone
oppure comprare i proci via ebay con generalità false ;P

se il motivo è mantenere l' anonimato, credo basti acquistarli in negozio pagando in contanti per non vincolare al tuo nome/indirizzo al numero d' ordine di un eventuale centro acca elle , o SD, o altro negozio on line...
di suo, un processore non ha registri che contengano le generalità del proprietario - un sistema TCPA conterrà al limite dati sensibili in forma crittata e le chiavi, ma esula dalle generalità da fornire all' acquisto (scuserai, ma ravviso una certa paranoia dilagante sull' argomento)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^