I PC Windows 10 con Snapdragon 845 non arriveranno prima della seconda metà del 2018

I PC Windows 10 con Snapdragon 845 non arriveranno prima della seconda metà del 2018

Nonostante l'imminente esordio di Snapdragon 845, i primi computer Windows on ARM utilizzeranno l'attuale processore di Qualcomm, lo Snapdragon 835. La nuova piattaforma non arriverà prima della seconda metà del 2018

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Sistemi
QualcommWindowsMicrosoft
 

La scorsa settimana Qualcomm ha tenuto il suo secondo Snapdragon Technology Summit, effettuando diversi annunci di grossa portata. Fra questi ha tolto i veli dai primi due PC Windows 10 con la Mobile Platform Qualcomm Snapdragon 835, HP Envy x2 e ASUS NovaGo e, ovviamente, anche dallo Snapdragon 845. Si tratta, quest'ultimo, del processore che verrà integrato sulla maggior parte degli smartphone top di gamma della prossima generazione, ma non solo.

I primi ultra-portatili con processore Snapdragon 835 arriveranno nel primo trimestre del 2018, ovvero proprio quando il processore successivo verrà implementato sui primi dispositivi mobile. Ma perché Qualcomm ha scelto tempistiche simili, con una tecnologia per Windows on ARM che non sarà l'ultima presente sul mercato? La risposta è semplice: l'emulazione x86 su ARM è una tecnologia nuova che è stata sviluppata e - soprattutto - testata sullo Snapdragon 835.

I PC Windows on ARM con Snapdragon 845 arriveranno certamente, è solo questione di tempo, tuttavia i produttori vogliono andare sul sicuro implementando una tecnologia che offre delle garanzie in termini di stabilità e affidabilità. Secondo quanto scrive Fudzilla citando il Vice Presidente Esecutivo di Qualcomm Cristiano Amon, i primi PC con Snapdragon 845 arriveranno nella seconda metà del 2018, quindi a distanza di almeno sei mesi rispetto ai primi con SD835.

Ricordiamo inoltre che lo Snapdragon 835 che verrà implementato sui notebook con Windows 10 non è la stessa SKU di quella che troviamo sugli smartphone. Qualcomm non ha ancora annunciato pubblicamente la Snapdragon 845 Mobile PC Platform, e anche la lista di compatibilità Windows Processor Requirements stilata da Microsoft comprende solo lo Snapdragon 835 come processori supportati. Insomma, la piattaforma mobile di ultima generazione non è ancora pronta per i PC.

Che senso ha un processore ARM su PC? Qualcomm e Microsoft hanno naturalmente parlato di sensibili e concreti vantaggi sul fronte dell'autonomia operativa grazie al basso consumo energetico della CPU e alla tecnologia big.LITTLE, che consente di implementare nello stesso package core diversi per le massime prestazioni o per l'efficienza energetica. Nei SoC sono presenti anche i modem, con Windows on ARM che sarà la base per nuovi computer "Always Connected".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Amorph14 Dicembre 2017, 17:37 #1
ma funzioneranno anche programmi normali o ne serviranno di specifici?
come prestazioni a che cpu mobile classica equivale?
Gyammy8514 Dicembre 2017, 18:41 #2
Originariamente inviato da: Amorph
ma funzioneranno anche programmi normali o ne serviranno di specifici?
come prestazioni a che cpu mobile classica equivale?


Dovrebbero funzionare tutti, è win 10 desktop, anche per i tablet con windows è così...
Lampetto14 Dicembre 2017, 20:40 #3
Mi sembra che Qualcomm stia certificando le DX12 sulle proprie GPU Adreno solo ora, mi piacerebbe sapere se saranno disponibili anche per 835..

Probabilmente la collaborazione Qualcomm AMD sulle GPU va in questa direzione...
paolodekki14 Dicembre 2017, 22:54 #4
Credo che per capire le prestazioni dovremo vedere soltanto dei benchmark a confronto con gli intel e amd di pari prezzo... staremo a vedere!
rockroll14 Dicembre 2017, 23:44 #5
Originariamente inviato da: paolodekki
Credo che per capire le prestazioni dovremo vedere soltanto dei benchmark a confronto con gli intel e amd di pari prezzo... staremo a vedere!


Il discorso "pari prezzo", ovvero confronto in base al prezzo, che in verità ho sempre sostenuto, qui non vale più tanto, perchè siamo in un ambito dichiarato in cui ha maggior valenza un confronto in base all'autonomia.
Se downcloccassimo gli x86 fino ad avere consumo paragonabile, cioè fino a renderli quasi inservibili, ne vedremmo delle belle...
pingalep14 Dicembre 2017, 23:54 #6
la prima versione no, ma la seconda tornata di questi tablet la prendo se non hanno prezzi folli. e sorpattutto se hanno hardware accessibile. che dopo un tablet morto e non riparabile senza rompere tutto desisto dall'acquisto
Cappej15 Dicembre 2017, 07:39 #7
Originariamente inviato da: Gyammy85
Dovrebbero funzionare tutti, è win 10 desktop, anche per i tablet con windows è così...


aspetta, è un po' diverso...

i tablet windows di adesso girano su processori X86 che, pur essendo degli Atom orridi, vecchi e voraci di energia (rispetto ad un ARM), non devono convertire i programmi, in quanto non hanno entrambi la stessa "architetture".

Con l'uso di ARM (architettura ARM appunto) Windows 10 (per ARM) non ha problemi, ma per far girare i software utilizzati fino ad adesso (dai vecchissimi ai più nuovi) effettua una conversione-emulazione interna da X86-to-ARM.

Sembra funzionare molto bene, ma son tutti b'oni a fare i fighi con i benchmark, fintanto non inizieranno a prendere passo, non sapremo mai la verità sulla reale qualità di utilizzo.

Intanto sia M$ che le case software più importanti tipo Adobe, stanno aggiornando le suite ad architettura ARM compatibile... tradotto, quando acquisterò una versione dei loro software (office, Photoshop ec..) potrò scegliere di averla direttamente in formato ARM così da non dover perdere risorse o "qualità" ( )per la conversione-emulazione.

Ai tempi, Apple, nella migrazione da CPU Motorola (Architettura RISC) a Intel (architettura X86), fece una cosa molto simile implementando "ROSETTA", un emulatore interno che convertiva i programmi e non andò poi così male.

Vedremo... di sicuro Intel non ne sarà felice, ma è anche vero che si è scavata la tomba da sola interrompendo la produzione e lo sviluppo di CPU-mobile a prestazione decenti... Evidentemente sono convinti di campare altri 50 anni a con le cpu desktop .. contenti loro...

tutto IMHO
Gyammy8515 Dicembre 2017, 11:28 #8
Originariamente inviato da: Cappej
aspetta, è un po' diverso...

i tablet windows di adesso girano su processori X86 che, pur essendo degli Atom orridi, vecchi e voraci di energia (rispetto ad un ARM), non devono convertire i programmi, in quanto non hanno entrambi la stessa "architetture".

Con l'uso di ARM (architettura ARM appunto) Windows 10 (per ARM) non ha problemi, ma per far girare i software utilizzati fino ad adesso (dai vecchissimi ai più nuovi) effettua una conversione-emulazione interna da X86-to-ARM.

Sembra funzionare molto bene, ma son tutti b'oni a fare i fighi con i benchmark, fintanto non inizieranno a prendere passo, non sapremo mai la verità sulla reale qualità di utilizzo.

Intanto sia M$ che le case software più importanti tipo Adobe, stanno aggiornando le suite ad architettura ARM compatibile... tradotto, quando acquisterò una versione dei loro software (office, Photoshop ec..) potrò scegliere di averla direttamente in formato ARM così da non dover perdere risorse o "qualità" ( )per la conversione-emulazione.

Ai tempi, Apple, nella migrazione da CPU Motorola (Architettura RISC) a Intel (architettura X86), fece una cosa molto simile implementando "ROSETTA", un emulatore interno che convertiva i programmi e non andò poi così male.

Vedremo... di sicuro Intel non ne sarà felice, ma è anche vero che si è scavata la tomba da sola interrompendo la produzione e lo sviluppo di CPU-mobile a prestazione decenti... Evidentemente sono convinti di campare altri 50 anni a con le cpu desktop .. contenti loro...

tutto IMHO


Considerando la recente partnership di amd con qualcomm sarebbe bello un tablet con win 10 e veghina come gpu
Zenida16 Dicembre 2017, 14:09 #9
Mi pare di capire che cmq sarà un SoC custom, quindi magari leggermente più potente della declinazione mobile e con un raffreddamento passivo migliorato che permetterà di spingere sul clock.

Se questo servirà a creare Portatili con un'autonomia prossima alle 24H come gli smartphone allora avrà un senso, altrimenti non sarà molto diverso da un Atom o celeron di fascia bassa.

Alla fine, il componente più energivoro è sempre lo schermo, poco cambiano quei miseri watt di differenza del SoC rispetto ad un Atom. Servirebbero degli schermi OLED, ma sarebbero così costosi da essere in contrasto con la filosofia di dispositivo entry level
Lampetto16 Dicembre 2017, 14:36 #10
Originariamente inviato da: Zenida
Mi pare di capire che cmq sarà un SoC custom, quindi magari leggermente più potente della declinazione mobile e con un raffreddamento passivo migliorato che permetterà di spingere sul clock.

Se questo servirà a creare Portatili con un'autonomia prossima alle 24H come gli smartphone allora avrà un senso, altrimenti non sarà molto diverso da un Atom o celeron di fascia bassa.

Alla fine, il componente più energivoro è sempre lo schermo, poco cambiano quei miseri watt di differenza del SoC rispetto ad un Atom. Servirebbero degli schermi OLED, ma sarebbero così costosi da essere in contrasto con la filosofia di dispositivo entry level


Riguardo i vantaggi, come l’autonomia come hai giustamente ricordato, possiamo aggiungere anche un’architettura più semplice del SoC e sheda madre incidono favorevolmente sui costi? Perché il vero vantaggio lo vedo qui.
Riguardo Intel hai ragione, ha abbandonato un settore che potrebbe diventare da numeri altissimi, ci hanno provato con ingenti investimenti e hanno tirato fuori anche buone soluzioni, ma se hanno abbandonato significa che il gioco non ne valeva la candela e i limiti di x86 riguardo efficienza energetica erano invalicabili, presumo, non credo lo abbiano fatto per farsi dispetto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^