Epson e la startup Meta insieme per un progetto sulla realtà aumentata

Epson e la startup Meta insieme per un progetto sulla realtà aumentata

Un visore costituito da due display LCD abbinati ad una videocamera 3D per il tracciamento dei movimenti della mano: è questo il progetto di Meta e di Epson per la realtà aumentata, che prova a sfidare i Google Glasses

di pubblicata il , alle 16:38 nel canale Sistemi
GoogleEpson
 

Il tema della realtà aumentata pare essere particolarmente caldo, specie con l'annuncio di Google e del suo Project Glass che promette di portare tra il pubblico di massa un sistema per una visione mediata da un sistema di computazione.

A quanto pare, però, non sarà solamente il colosso di Mountain View ad esplorare le possibilità di questo nuovo paradigma tecnologico: la startup Meta ha infatti recentemente reso noto di essere al lavoro per sviluppare un sistema simile ai Google Glasses.

In realtà, almeno secondo le informazioni attualmente disponibili, il progetto di Meta sembra voler andare un po' oltre: la startup ha infatti iniziato a distribuire i primi developer kit del proprio sistema, che è costituito da una coppia di display dotati di un sistema di tracciamento tridimensionale per i movimenti della mano. Il prototipo è realizzato impiegando un dispositivo Epson Moverio BT-100, corredato di una fotocamera 3D a bassa latenza collocata sopra al ponte.

Coloro i quali hanno avuto modo di prendere contatto con il kit di sviluppo di Meta affermano che il sistema è in grado di tracciare il movimento di ciascun dito e di mostrare, in tempo reale, un piccolo alone colorato attorno ad essi come mostrato dal video pubblicato dalla startup.

Meta ha siglato un accordo con Epson per collaborare sulle tecnologie di realtà aumentata, con l'impegno di portare avanti il progetto per possibili applicazioni in campo multimediale, retail, gaming, di produttività e via discorrendo. Attualmente comunque, come mostrato anche nel video, l'approccio sembra essere abbastanza consumer-friendly, con il dispositivo di Meta che potrebbe essere uno strumento ideale nelle mani - anzi, sugli occhi - degli utenti afflitti da dipendenza da social media.

La versione finale del dispositivo dovrebbe comunque essere caratterizzata da un aspetto più accattivante, con vari progetti estetici attualmente in considerazione e più simili ad un normale paio di occhiali da sole. Rimane chiaramente ancora qualche ostacolo da superare, in primis l'autonomia operativa che il kit Moverio è in grado di offrire. Il dispositivo di Epson è infatti capace di operare per un arco di circa sei ore e le due compagnie stanno cercando di lavorare su questo aspetto considerando la possibilità di adottare display di tipo OLED che, oltre ad un inferiore consumo energetico, sono in grado di assicurare una migliore esperienza visiva.

Media sta pianificando di lanciare al più presto il proprio developer kit sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter per individuare sviluppatori visionari per applicazioni di realtà aumentata, esattamente com'è negli obiettivi di Google con il primo evento Glass Foundry pianificato per il 28 e 29 gennaio a San Francisco e per l'1 e 2 febbario a New York.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JackZR28 Gennaio 2013, 17:32 #1
Credo che ne passerà ancora un bel po' di acqua sotto i ponti prima di vedere commercializzato qualcosa di realmente indossabile come meta2

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^