Energia elettrica dal calore? Sì, grazie al suono

Energia elettrica dal calore? Sì, grazie al suono

Una ricerca ha trovato un modo per recuperare l'energia termica dissipata dai dispositivi elettronici e trasformarla in energia elettrica

di pubblicata il , alle 11:08 nel canale Sistemi
 

Il professore Orest Symko, dell'Università dello Utah, ha tenuto una relazione in occasione dell'Acoustical Society of America nel corso della quale ha illustrato il risultato di una ricerca che ha messo in luce la possibilità di ricavare energia elettrica direttamente dal calore, in modo semplice e agevole.

L'obiettivo di questa ricerca è trovare un metodo che permetta di recuperare quell'energia che viene dissipata dai sistemi elettronici sottoforma di calore. Il gruppo di ricerca ha quindi pensato di realizzare un particolare dispositivo, chiamato thermoacoustic prime mover che permette di generare una frequenza di risonanza proprio grazie al calore.

Questo dispositivo è realizzato impiegando due scambiatori di calore ed una pila di materiali contenuti all'interno di una struttura cilindrica. Questi materiali sono caratterizzati da una elevata superficie e sono disposti a "sandwich" tra gli scambiatori di calore. Quando il particolare cilindro è soggetto ad una variazione di temperatura, le lamine dei materiali vibrano emettendo una particolare frequenza.

La frequenza generata viene poi indirizzata verso appositi convertitori piezoelettrici. I convertitori piezoelettrici generano corrente elettrica dalla deformazione meccanica di un corpo. In questo caso la deformazione del corpo viene causata proprio dalla frequenza di risonanza generata dal thermoacoustic prime mover.

Attualmente il gruppo del professor Symko ha realizzato alcuni prototipi "da banco" in laboratorio, ma l'esercito USA, che ha finanziato la ricerca, ha già preso contatti per ricevere i primi prototipi di un dispositivo finito che possa trasformare in energia elettrica il calore disperso dal funzionamento dei radar. Il professor Symko inoltre sta valutando la possibilità di realizzare un dispositivo basato sugli stessi principi di quello appena descritto e che possa rappresentare una valida alternativa alle cellule fotovoltaiche.

E' inoltre abbastanza semplice intuire un'eventuale impiego di tale tecnologia, qualora dovesse entrare nella fase di produzione effettiva, nell'ambito computer, dove tipicamente vi sono numerosi dispositivi che generano, durante il funzionamento, una elevata quantità di calore. Si pensi, ad esempio, ai sistemi portatili dove risulterebbe anche relativamente semplice integrare un sistema di "recupero energetico" come quello qui descritto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

69 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bluknigth13 Giugno 2007, 11:11 #1
Mah, vorrei vedere quanta energia riescono a generare. non mi convince molto a dir la verità...
thegiox13 Giugno 2007, 11:14 #2
quindi ora i produttori avranno la scusa che più i componenti scaldano e meno consumano?
Firestormgdi13 Giugno 2007, 11:15 #3
fra ram, schede video, northbridge e cpu sono ormai dei forni i pc di oggi.
hibone13 Giugno 2007, 11:21 #4
uhm...
ci sono tutte le premesse per ridurre l'entropia dell'universo...
ahr ahr..
XSonic13 Giugno 2007, 11:21 #5
Fra non molto i desktop di casa avranno una batteria per l'accensione e il resto va da sé
Motosauro13 Giugno 2007, 11:22 #6
Originariamente inviato da: XSonic
Fra non molto i desktop di casa avranno una batteria per l'accensione e il resto va da sé


*

Al più una mezz'ora di cyclette giusto per tenere su la carica

Moto perpetuo, stiamo arrivando
Hitman07913 Giugno 2007, 11:28 #7
tecnologia acerba, certo ma è un'idea geniale, costruiranno centrali elettriche con più efficenza e quindi meno inquinanti...
nclabs13 Giugno 2007, 11:31 #8
Già discusso sul mio blog settimane fa...

http://nclabs.blogspot.com/2007/06/...e-diventer.html
Paganetor13 Giugno 2007, 11:33 #9
"settimane fa"? ma se è del 5 giugno e oggi è il 13?

diciamo 8 giorni fa... sborone!
_Menno_13 Giugno 2007, 11:34 #10
Originariamente inviato da: XSonic
Fra non molto i desktop di casa avranno una batteria per l'accensione e il resto va da sé
magari

non succederà mai perchè girano troppi soldi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^