Dropbox Project Infinite: l'accesso ai file online diventa più semplice

Dropbox Project Infinite: l'accesso ai file online diventa più semplice

Dropbox annuncia Project Infinite, una tecnologia che semplifica l'accesso ai file online rendendoli disponibili direttamente da desktop Windows o Mac, senza necessità di accedere al browser, né scaricarli necessariamente nell'hard disk/SSD.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 09:02 nel canale Sistemi
 

Dropbox ha recentemente presentato una nuova tecnologia, attualmente in fase di sviluppo, che consentirà di semplificare l'accesso ai file memorizzati nel proprio account di Dropbox tramite desktop Windows o Mac. Per raggiungere lo scopo, i gestori del popolare servizio cloud da un lato hanno reso non più necessaria la sincronizzazione tra i file memorizzati localmente sull'hard disk/SSD con quelli del proprio account cloud, dall'altro hanno reso facoltativo l'utilizzo del browser internet per accedere ai file archiviati in Dropbox.

I file saranno visibili in locale, come se fossero fisicamente presenti nei supporti di memoria del PC/Mac, ma di fatto, non occuperanno spazio sul disco. L'utente avrà la possibilità di scegliere se scaricarli o meno nel PC/Mac rendendoli disponibili, quindi, anche in modalità offline. Un meccanismo basato su segnaposti, in sostanza, che ricorda molto da vicino quello utilizzato con OneDrive e che viene introdotto avendo in primo luogo ben chiare le esigenze dell'utenza aziendale, senza escludere che tale tecnologia potrà essere impiegata, in futuro, anche in ambito consumer. 

Salvaguardare lo spazio occupato su disco dai file archiviati nel cloud è l'obiettivo a cui punta Dropbox presentando la nuova tecnologia: 

Con Project Infinite stiamo correggendo uno dei principali problemi che i nostri utenti hanno chiesto di risolvere. La quantità di informazioni create e condivise è esplosa, ma la maggior parte degli utenti lavorano ancora su dispositivi con limitata capacità di calcolo. Mentre i team possono archiviare terabyte su terabyte nel cloud, la maggior parte dei portatili dei singoli utenti possono memorizzare solo una piccola frazione di essi. Avere accesso sicuro a tutti i dati utilizzati dal team solitamente significa utilizzare il browser web, un'esperienza utente non ottimale. Project Infinite permetterà agli utenti di accedere facilmente ed in modo sicuro a tutti i file Dropbox dal desktop, indipendentemente dalla quantità di spazio che si ha a disposizione sull'hard disk

I file sincronizzati in locale (che occupano pertanto spazio su disco) saranno contrassegnati da una spunta verde, mentre i file disponibili (fisicamente) solo nel cloud, ma visualizzabili in locale, verranno identificati dall'icona di una nuvola. I benefici derivanti dall'utilizzo di Project Infinite che saranno sfruttati in primo luogo dai team di lavoro vengono sintetizzati in tre punti da Dropbox: 

  • Visibilità nel contesto: qualsiasi file di Dropbox, anche quelli memorizzati localmente, apparirà nel File Explorer di Windows e nel Finder di Mac OS X. Si potrà accedere ai medesimi senza necessità di una web app. Sarà inoltre possibile visualizzare le informazioni sulla dimensione del file, sulla data di creazione e di modifica tramite il file system, senza necessità di scaricare i file. 
  • Accesso in tempo reale. File e cartelle memorizzate nel cloud possono essere riorganizzate mediante semplici operazioni di drag and drop, direttamente dal desktop. Quando si ha necessità di visualizzare il contenuto del file, basta un doppio click sul medesimo.
  • Compatibilità universale. Project Infinite supporta l'accesso cross-platform ed è retrocompatibile con qualsiasi computer Windows 7 (e versioni superiori) e Mac OS X 10.9 (e versioni superiori). 
Come anticipato in apertura, Project Infinite viene attualmente messo a disposizione di un ristretto gruppo di team in ambito aziendale. Sarà ugualmente interessante conoscere l'evoluzione del progetto, per stabilre se, in ultima istanza, anche gli utenti consumer potranno beneficiare dell'utile tecnologia. Il team di Dropbox, per il momento, dà appuntamento a successivi aggiornamenti sullo stato di sviluppo di Project Infinite.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220427 Aprile 2016, 09:13 #1
Credo che hanno fatto esattamente come Onedrive, una cartella nel file explorer visualizzabile localmente senza bisogno di scaricarne il contenuto, quale sarebbe la novità?

O forse mi sfugge qualcosa?
Uncle Scrooge27 Aprile 2016, 09:33 #2
È esattamente come funzionava OneDrive su Windows 8/8.1.

Scommetto che adesso Microsoft si affretterà a reintrodurre tale funzione anche su Windows 10, dopo che l'avevano tolta per non meglio precisati "problemi di compatibilità" tra il disappunto generale
peitro27 Aprile 2016, 09:36 #3
Su Windows 10 one drive funziona.
ldetomi27 Aprile 2016, 09:42 #4
Come ha scritto "Uncle Scrooge" non è che su Win10 OneDrive non funzioni (ci mancherebbe altro) ma non è più disponibile l'ottima funzionalità di tenere i files solo online e non averne necessariamente una copia su HD. Era utilissima quella feature, speriamo la re-introducano
ziozetti27 Aprile 2016, 09:53 #5
Oilalà, finalmente!
Speriamo sarà disponibile primo o poi anche per gli account gratuiti.
Jena7327 Aprile 2016, 10:11 #6
una delle funzioni più comode e innovative del vecchio onedrive che quei pazzi della microsoft hanno rimosso in win10...
Salva9927 Aprile 2016, 10:24 #7
Mi chiedo come agirebbe un criptovirus sui segnaposto.
emiliano8427 Aprile 2016, 10:59 #8
Originariamente inviato da: Uncle Scrooge
È esattamente come funzionava OneDrive su Windows 8/8.1.

Scommetto che adesso Microsoft si affretterà a reintrodurre tale funzione anche su Windows 10, dopo che l'avevano tolta per non meglio precisati "problemi di compatibilità" tra il disappunto generale


l'hanno tolta per via deli "utonti" che non capivano la differenza tra' segnaposto e file disponibile offline, un altro problema era quando provavi ad aprire un segnaposto in alcune applicazioni

Originariamente inviato da: ldetomi
Come ha scritto "Uncle Scrooge" non è che su Win10 OneDrive non funzioni (ci mancherebbe altro) ma non è più disponibile l'ottima funzionalità di tenere i files solo online e non averne necessariamente una copia su HD. Era utilissima quella feature, speriamo la re-introducano


gia' si sa' da un po' che MS e' al lavoro per reintrodurla in 10, speriamo con redston quest'estate
ziozetti27 Aprile 2016, 11:10 #9
Originariamente inviato da: emiliano84
l'hanno tolta per via deli "utonti" che non capivano la differenza tra' segnaposto e file disponibile offline, un altro problema era quando provavi ad aprire un segnaposto in alcune applicazioni

Che problemi dava? A rigor di logica dovrebbe funzionare come i collegamenti locali.
emiliano8427 Aprile 2016, 11:15 #10
Originariamente inviato da: ziozetti
Che problemi dava? A rigor di logica dovrebbe funzionare come i collegamenti locali.


non conosco i dettagli:

"In response, Microsoft's Jason Moore, a group program manager working on OneDrive, said the change is actually designed to make it easier for people to use the cloud service. "We were not happy with how we built placeholders," Moore said. "We got clear feedback that some customers were confused -- for example, with files not being available when offline -- and that some applications didn't work well with placeholders and that sync reliability was not where we needed it to be."

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^