Dai laboratori del MIT una batteria a virus

Dai laboratori del MIT una batteria a virus

I ricercatori del MIT hanno messo a punto una batteria biologica creata utilizzando un virus opportunamente modificato

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 15:17 nel canale Sistemi
 

Le tecniche litografiche utilizzate per la produzione di chip elettronici stanno diventando man mano sempre più costose e tecnicamente più impegnative ad ogni affinamento del processo produttivo. Al fine di affrontare al meglio questo genere di problematiche, molti ricercatori stanno rivolgendo la propria attenzione al mondo biologico. L'ultima scoperta su questo fronte è stata fatta dai ricercatori del MIT, che sono riusciti a creare una batteria sfruttando organismi delle dimensioni di appena alcuni nanometri come i virus.

La batteria in questione è descritta in una pubblicazione che verrà rilasciata dal National Academies of Science verso fine settimana ed è l'ultimo lavoro della ricercatrice Angela Belcher. Secondo quanto riporta il sito Web Ars Technica, la batteria sfrutta la capacità degli organismi biologici di organizzarsi in strutture complesse ed ordinate, caratterizzate da dimensioni che risultano inferiori anche a quelle garantite dal più raffinato processo produttivo attualmente esistente.

Per la realizzazione della batteria è stato utilizzato M13, un virus innocuo per l'uomo caratterizzato da una struttura filamentosa lunga centinaia di nanometri ma con un diametro di appena 6,5 nanometri. Il funzionamento è piuttosto complesso e si basa su alcune modifiche apportate alla sequenza proteica del virus affinché si comporti come se fosse l'anodo di una normale batteria al litio.

Stampando i virus su una superficie conduttiva che funziona da catodo ed immergendo il tutto in una soluzione a base di litio, gli autori del progetto sono riusciti ad effettuare una serie ripetuta di cicli di carica e scarica della batteria biologica, ottenendo con una superficie inferiore al centimetro quadrato da 375 a 460 nAh, a seconda delle condizioni di carica. In accordo con le dimensioni riportate, la batteria dovrebbe inoltre avere uno spessore di appena qualche centinaio di nanometri, consentendo eventualmente di sovrapporre più strati al fine di incrementare la capacità.

Questo tipo di batterie può essere stampato su qualsiasi tipo di superficie conduttiva, incluse quelle flessibili. Al momento si sta inoltre cercando un modo per inglobare il catodo della batteria nel processo produttivo. I ricercatori hanno infine precisato che questa tipologia di batterie non è destinata a diventare una soluzione per dispositivi elettronici come laptop o cellulari, ma potrebbe trovare una propria nicchia nel mondo dei dispositivi miniaturizzati e a basso consumo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
UltimateBou19 Agosto 2008, 15:22 #1
sbaglio ad avere il terrore che prima o poi un giorno a furia di fare questi "giochetti" ci sarà qualche cosa tipo virus-t della umbrella corporation? :|
demon7719 Agosto 2008, 15:22 #2
Vado pazzo per le notizie super hi-tech!
tommy78119 Agosto 2008, 15:32 #3
matrix...a quando gli uomini duracell?
Doraneko19 Agosto 2008, 15:36 #4
Originariamente inviato da: UltimateBou
sbaglio ad avere il terrore che prima o poi un giorno a furia di fare questi "giochetti" ci sarà qualche cosa tipo virus-t della umbrella corporation? :|


Si.
Sir.Jerry19 Agosto 2008, 15:44 #5
Potrebbe essere una soluzione anti inquinamento da metalli e semi-metalli... e l'inizio di un nuovo tipo di inquinamento secondo me più spaventoso "l'inquinamento biologico"!
Ok è innoquo per l'uomo ma per gli animali ed il resto degli organismi?

Io ci andrei con i piedi di piombo...
demon7719 Agosto 2008, 15:49 #6

@ sir jerry

Ragionamento giusto ma tieni conto anche dei fattori a favore:
In primis l'uomo oggi è molto più responsabile e sensibile all'ambiente, solo 20 anni fa si facevano cose oggi impensabili.
In secondo luogo esistono milioni di differenti tipologie di virus o microorganismi utilizzabili per scopi tecnologici che di fatto sono innocui per uomo e animali... i "virus letali" sono in realtà una parte infinitesima che di sicuro non è necessario chiamare in causa!
Sir.Jerry19 Agosto 2008, 16:07 #7
@ demon 77

Giustissimo anche il tuo ragionamento
Ma l'M13 non è usato anche come vettore di clonaggio? (residui di Genetica in testa... )
Staurogramma19 Agosto 2008, 16:12 #8
L'equilibrio dell'ecosistema è già molto instabile, la storia della terra ci parla di grandi sconvolgimenti ed estinzioni di massa, perchè dovremmo introdurre ulteriori varianti in una precarietà di fatto già così spiccata?
clovis19 Agosto 2008, 16:14 #9
AAAAHHHHRRGGGGG!!!! MORIREMO TUTTIIII!!!!
Guitarscorpio19 Agosto 2008, 16:22 #10

AntiVirus

Sarà la volta buona che un portatile sarà venduto senza che ci sia integrato Norton Antivirus (se non vogliono compromettere le batterie)?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^