Contrazione del 4% per il mercato PC 2009

Contrazione del 4% per il mercato PC 2009

Il mercato PC, per la prima volta dal 2001, registrerà una contrazione nelle consegne complessive di sistemi

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:20 nel canale Sistemi
 

Il mercato globale PC per il 2009 non riuscirà ad uscire indenne dalla crisi economica, registrando una flessione nei volumi di consegne per la prima volta da quando, nel 2001, scoppiò la cosiddetta "bolla della new economy". E' iSuppli che tratteggia il quadro, stimando una contrazione del 4% che porterà le consegne complessive a quota 287,3 milioni di unità, rispetto ai 299,2 milioni registrati nel 2008. iSuppli rivede così le stime precedentemente elaborate, per le quali aveva ipotizzato una flebile crescita dello 0,7% per le consegne del 2009.

Matthew Wilkins, analista di iSuppli che ha curato l'analisi, ha dichiarato: "Una contrazione su base annua nei volumi di consegne è piuttosto inusuale nel mercato PC. Anche nei periodi di debolezza i volumi di consegne riescono a crescere di pochi punti percentuali. L'ultima flessione è stata registrate nel 2001, con un calo del 5,1% nei volumi di consegne a seguito del fallimento dell'era Dot-Com".

A trascinare verso il basso le consegne copmplessive saranno i sistemi desktop, per i quali è previsto un calo del 18,1% per tutto il 2009. Le stime parlano di 124,4 milioni di unità nel 2009, rispetto ai 151,9 milioni dello scorso anno. Verso il basso anche i sistemi server entry-level, che passeranno dai 7,7 milioni dello scorso anno ai 6,9 milioni previsti per l'anno in corso con una contrazione del 9,5%. Ad impattare negativamente è inoltre l'atteggiamento delle imprese e delle aziende, che tagliano i budget destinati alle spese IT.

A fare da contrappeso vi saranno però i sistemi notebook, per i quali è prevista una crescita nelle consegne nell'ordine dell'11,7%: 155,97 milioni di unità rispetto ai 139,6 registrati lo scorso anno. Wilkins commenta: "La mobilità è vincitrice nel mercato PC. L'utenza business e consumer continua ad adottare soluzioni notebook perché sono in grado di coniugare mobilità e prestazioni e funzionalità confrontabili [a quelle di sistemi desktop]".

iSuppli delinea inoltre il trend per i prossimi mesi: nel corso del terzo e del quarto trimestre sono attese crescite trimestrali dell'11% e dell'8,9%, che non permetteranno tuttavia di superare nel complesso i risultati registrati nel corso dell'anno passato. Per il prossimo anno si prevede comunque la ripresa, con un +4,7% rispetto all'anno in corso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SuperSandro16 Luglio 2009, 09:48 #1
Se non ricordo male, la diminuzione dei desktop è fisiologica, ampiamente prevista da anni e non strettamente legata alla crisi economica: la tendenza è infatti la sostituzione dei (vecchi) PC da tavolo con moderni e più pratici notebook. Per quanto riguarda l'acquisto del primo computer, poi, sempre più utenti preferiscono un notebook a un desktop.

Più preoccupante, IMHO, il decremento dei server: indica una scarsa propensione da parte delle aziende a innovare.
goldorak16 Luglio 2009, 09:56 #2
Originariamente inviato da: SuperSandro
Se non ricordo male, la diminuzione dei desktop è fisiologica, ampiamente prevista da anni e non strettamente legata alla crisi economica: la tendenza è infatti la sostituzione dei (vecchi) PC da tavolo con moderni e più pratici notebook. Per quanto riguarda l'acquisto del primo computer, poi, sempre più utenti preferiscono un notebook a un desktop.

Più preoccupante, IMHO, il decremento dei server: indica una scarsa propensione da parte delle aziende a innovare.



Ora che ci sono i netbooks, sono i portatili a soffrire non i desktop.
Tra l'altro spendere 1000 € per un portatile che quando si guasta (giusto giusto fuori garanzia) lo devi buttare, mentre con un desktop te la caveresti cambiando il pezzo incriminato beh non e' tanto da furbi.
Occorre tener conto del TCO, e quello di un desktop e' di gran lunga inferiore a quello di un portatile.
Se poi ti serve la mobilita' a tutti i costi, beh il discorso e' diverso.
Ma dire che un portatile ha la meglio sul desktop non ha senso anche dal punto di vista del risparmio $$$$.
SuperSandro16 Luglio 2009, 10:02 #3
Originariamente inviato da: goldorak
Ora che ci sono i netbooks, sono i portatili a soffrire non i desktop.
Tra l'altro spendere 1000 € per un portatile che quando si guasta (giusto giusto fuori garanzia) lo devi buttare, mentre con un desktop te la caveresti cambiando il pezzo incriminato beh non e' tanto da furbi.
Occorre tener conto del TCO, e quello di un desktop e' di gran lunga inferiore a quello di un portatile.
Se poi ti serve la mobilita' a tutti i costi, beh il discorso e' diverso.
Ma dire che un portatile ha la meglio sul desktop non ha senso anche dal punto di vista del risparmio $$$$.


Mah, a me sembra di capire che l'articolo conferma quanto ho detto (aumento dei notebook previsto a due cifre).

Le considerazioni che ho fatto, inoltre, tengono conto della tendenza e non erano un commento sulla validità della scelta di un notebook rispetto a un Desktop. Io, per esempio, preferisco di gran lunga il desktop.

E poi, basta fare un giro nei centri commerciali: il numero di notebook / netbook è di gran lunga superiore ai desktop esposti. Qualcosa vorrà pur dire
goldorak16 Luglio 2009, 10:08 #4
Originariamente inviato da: SuperSandro
Mah, a me sembra di capire che l'articolo conferma quanto ho detto (aumento dei notebook previsto a due cifre).

Le considerazioni che ho fatto, inoltre, tengono conto della tendenza e non erano un commento sulla validità della scelta di un notebook rispetto a un Desktop.


L'articolo pero' non e' chiaro quando parla di sistemi notebook.
Anche perche' in svariate notizie dei giorni scorsi era saltato fuori che erano i sistemi netbooks a trascinare la crescita del settore mobile quindi compresi i notebooks.

Io, per esempio, preferisco di gran lunga il desktop.

E poi, basta fare un giro nei centri commerciali: il numero di notebbok / netbook è di gran lunga superiore ai desktop esposti. Qualcosa vorrà pur dire


Io quando vado al mediaworld vedo tanti ma tanti netbooks, messi li' insieme ai notebooks. Anche alla FNAC o alla Mondadori.
Sulla grande distribuzione/retail e' vero che i desktop passano in secondo piano.
ghiltanas16 Luglio 2009, 10:55 #5
la maggiore diffusione dei notebook nn può far altro che dispiacermi, in quanto come sono concepiti adesso sono una delle principali cause del declino del gaming su pc. Le soluzioni grafiche integrate attuali sono uno scandalo e quindi con i portatili nn giocano e passano alle console..
paoloski17 Luglio 2009, 04:24 #6
Beh,chi di noi abituali lettori di hwupgrade non ha un fisso? La mia fidanzata questo sito non sa nemmeno cos'e' e ha solo un portatile! Io come probabilmente molti di voi abbiamo un portatile,un fisso e magari anche un netbook... Il desktop e' impareggiabile come rapporto prezzo prestazioni,ma la maggior parte degli utenti le prestazioni non le saprebbe nemmeno quantificare,ergo,perche' devo comprarmi un pc al quale poi devo ancora abbinare un monitor,una tastiera,un mouse,magari due casse e che se devo andare nell'altra stanza non lo posso portare? La verita' e' che oggi,con la crisi che c'e',chi ce l'ha se lo tiene cosi' com'e'. Io ad esempio vorrei passare al'i7,ma il pensiero di cambiare tutto e spendere solo tra mb processore e memoria 700 o 800 euro nella migliore delle ipotesi,mi fa desistere e quindi rimango fedele ancora per un po al mio core 2 duo.
SpyroTSK17 Luglio 2009, 20:14 #7
Le previsioni che vedete li sopra sono della grande distribuzione.....la grande distribuzione sta perdendo moltissimo in tutti i campi.

Io sono un titolare di un negozio di informatica, faccio assistenza, vendita (pc assemblati da noi!) e vendo anche notebook, rispetto al 2008 ho un 30% in più delle vendite, di quel 30% il 70% sceglie Desktop, il restante 20% sceglie notebook/netbook.

La grande distribuzione sta perdendo cliente per dei semplici motivi:
1) La gente inizia a svegliarsi e a rendersi conto delle inculate che danno, esempio pc con scheda madre oem o asrock, core 2 quad con 1gb di ram ddr2, 250gb di hd, mast dvd dl, scheda video del cazzo e VISTA....se permettete è un pc fatto col culo, ad un quad core gli mettereste 1gb di ram e una scheda video del pippolo?...ma per piacere.
2) Assistenza
3) Giorni di garanzia (es: si brucia la scheda video -> mesi)
4) Chi lavora nei grandi centri interessa vendere e basta, se gli dà un pc da 300€ a uno che doveva fare cad invece che un pc + decente, non sono fatti suoi, non rischia di perdere soldi perchè ha venduto un pc "tarocco", mentre io perdo il cliente, ho brutta pubblicità e perdo soldi, mentre a lui lo stipendio arriva lo stesso. Ed è anche per questo che noi rivenditori abbiamo un prezzo leggernebte più alto (non sempre, es. sui notebook cambia di pochissimo), perchè ci mettiamo pezzi più decenti rispetto ai classici "compaqulo da due lire" che montano schede madri OEM oppure se siete fortunati Asrock e sopratutto siamo veloci e DIAMO ASSISTENZA!

Quindi, i calcoli fatti nella grande distribuzione (come qualche settimana fà hanno fatto i calcoli delle vendite dei monitor LCD, che diceva che si abbassavano tra aprile e giugno, invece guarda caso ho venduto un botto di monitor) sono completamente sballati rispetto al mercato dei piccoli imprenditori come il sottoscritto.
ulisss23 Luglio 2009, 16:05 #8
anche se i pc dei centri commerciali con i loro prezzi stracciati hanno compresso molto la propensione a spendere per un pc fisso....Ci vanno male i piccoli imprenditori come te che devono tener testa ai pc "paccotto" assemblati chissà dove...per conto di hp/acer/packard bell/etc
E pensare che c'è gente che di fronte ad un buon assemblato preferisce questi ultimi xchè di marca

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^