Cina, presto PC a basso costo con processore Godson?

Cina, presto PC a basso costo con processore Godson?

Presto potrebbe prendere piede in Cina un progetto per la realizzazione di un PC a basso costo basato su processore Godson, prodotto sempre in Cina.

di pubblicata il , alle 08:37 nel canale Sistemi
 

EETimes riporta la notizia secondo cui un'azienda cinese avrebbe in programma la produzione di un PC completo basato su processore Godson, prodotto sempre sul territorio cinese. Ricordiamo che la prima generazione di tale processore nasce nel 2002 ad opera dell'azienda ad appoggio governativo BLX IC Design Corp.; tale processore vantava una frequenza di clock di 266 MHz e tenologia a 32 bit.

Sono passati 4 anni e tale processore ha già subìto diversi aggiornamenti, fino a giungere all'attuale generazione con clock da 800 MHz a 1 GHz, il tutto con tecnologia 64bit. Proprio queste ultime CPU Godson sembra che andranno ad equipaggiare un PC per le masse, dal costo iniziale compreso fra i 175 ed i 200 dollari USA, destinato a scendere in caso di successo.

Il PC avrebbe inoltre in dotazione un quantitativo di memoria RAM di 256 MB, disco rigido da 40-60 GB e sistema operativo Linux non meglio identificato. Porta VGA, connessioni USB ed Ethernet completerebbero inoltre l'equipaggiamento del PC low-cost.

Se da una parte le prestazioni della CPU utilizzata sembrano in assoluto scarse, è anche vero che tale processore appare più che adeguato per un utilizzo in un PC di fascia bassa, in grado di garantire il supporto a molte delle applicazioni più utilizzate.

Molto basse per ora le richieste: 2000 pezzi, soprattutto destinati alle scuole, che potrebbero però salire a breve di ulteriori 10.000 unità per progetti da intraprendere nelle zone rurali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tisserand07 Settembre 2006, 08:43 #1
Se la Cina riesce a fare affermare questo progetto le cose si potranno mettere male sia per intel che per amd che si troveranno a fronteggiare un concorrente dalle risorse smisurate.
Paganetor07 Settembre 2006, 08:52 #2
be', intel e amd hanno processori che puntano a tutt'altro target... almeno finchè in cina non decinono di fare processori di pari potenza, ma per quello ci vorrebbero parecchi anni!
Murdorr07 Settembre 2006, 09:00 #3
Sti Cinesi... se non ci diamo una mossa tra un pochetto in Italia non ci sarà + lavoro...

Sarebbe bello lavorare per un azienda che produce processori ITALIANI invece noi facciamo le borsette e i vestitini di Valentino e Versace...

Bah...
gianni187907 Settembre 2006, 09:01 #4
Originariamente inviato da: Paganetor
be', intel e amd hanno processori che puntano a tutt'altro target... almeno finchè in cina non decinono di fare processori di pari potenza, ma per quello ci vorrebbero parecchi anni!

però non sottovalutiamoli, sono molto abili nel progredire in maniera notevole.
Sajiuuk Kaar07 Settembre 2006, 09:06 #5
Ma non potremmo fare anche noi processori??? magari vengono bene come le auto...
zanardi8407 Settembre 2006, 09:09 #6
Sì, va bene, Intel e AMD progettano cpu multicore a frequenze operative elevate che per funzionare al top richiedono ormai almeno 2GB di ram (con Svista sarà così, se oltre al sistema operativo vuoi che giri dell'altro) e questi mi parlano di una cpu single core da 800 MHz con dei 256MB di ram? Ok che Linux è scalabile, ma un quantitativo decente di ram ci vuole lo stesso, altrimenti si perde buona parte dei suoi pregi come il fatto di occupare quante più ram possibile per accedere velocemente ai dati. Se poi metteranno dei fantastici dischi fissi da 5400rpm, ecco che anche Linux arrancherà e non poco, a meno che non si usi solo con l'interfaccia testuale, ma a quel punto la vedrei dura, durissima.

L'unico modo che avrebbero sarebbe di presentare al più presto una cpu multicore, pienamente compatibile con le architetture di AMD e Intel e quindi in grado di gestire tutti i software che ci sono in circolazione, dal prezzo più che mai concorrenziale, dalle prestazioni paragonabili a quelle dei concorrenti, e che non sia una copia spudorata di quelli (operazione nella quale i cinesi sono prticolarmente abili: Ricordate i cloni del MIPS?). Le potenzialità ci sono, ma per ora siamo molto indietro.
Spectrum7glr07 Settembre 2006, 09:11 #7
175-200$ non mi sembrano un prezzo così basso in considerazione del livello della componentistica...alla fine un sistema fatto al risparmio con 256mb di ram e 40gb di HD (ma usando le CPU di fascia bassa di Intel o AMD) non credo che costi molto di più sul mercato retail americano.
Spectrum7glr07 Settembre 2006, 09:16 #8
Originariamente inviato da: zanardi84
Sì, va bene, Intel e AMD progettano cpu multicore a frequenze operative elevate che per funzionare al top richiedono ormai almeno 2GB di ram (con Svista sarà così, se oltre al sistema operativo vuoi che giri dell'altro) e questi mi parlano di una cpu single core da 800 MHz con dei 256MB di ram? Ok che Linux è scalabile, ma un quantitativo decente di ram ci vuole lo stesso, altrimenti si perde buona parte dei suoi pregi come il fatto di occupare quante più ram possibile per accedere velocemente ai dati. Se poi metteranno dei fantastici dischi fissi da 5400rpm, ecco che anche Linux arrancherà e non poco, a meno che non si usi solo con l'interfaccia testuale, ma a quel punto la vedrei dura, durissima.


ti rammento che abbiamo tutti utilizzato WORD, Excel, Powerpoint, Nero e PowerDVD anche su dei PIII con 256mb di RAM: tutto sta a saper rinunciare a feature che nella maggior parte dei casi sono superflue...il problema secondo me non è la potenza elaborativa (che è necessaria solo per stare dietro all'"elefantiasi" dei programmi di ultima generazione) ma è proprio il costo: 175-200$ per quello che ti danno sono onestamente troppi
giacomo_uncino07 Settembre 2006, 09:17 #9
Originariamente inviato da: Sajiuuk Kaar
Ma non potremmo fare anche noi processori??? magari vengono bene come le auto...


http://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Faggin

lui li faceva
Motosauro07 Settembre 2006, 09:21 #10
Originariamente inviato da: zanardi84
Sì, va bene, Intel e AMD progettano cpu multicore a frequenze operative elevate che per funzionare al top richiedono ormai almeno 2GB di ram (con Svista sarà così, se oltre al sistema operativo vuoi che giri dell'altro) e questi mi parlano di una cpu single core da 800 MHz con dei 256MB di ram? Ok che Linux è scalabile, ma un quantitativo decente di ram ci vuole lo stesso, altrimenti si perde buona parte dei suoi pregi come il fatto di occupare quante più ram possibile per accedere velocemente ai dati. Se poi metteranno dei fantastici dischi fissi da 5400rpm, ecco che anche Linux arrancherà e non poco, a meno che non si usi solo con l'interfaccia testuale, ma a quel punto la vedrei dura, durissima.

L'unico modo che avrebbero sarebbe di presentare al più presto una cpu multicore, pienamente compatibile con le architetture di AMD e Intel e quindi in grado di gestire tutti i software che ci sono in circolazione, dal prezzo più che mai concorrenziale, dalle prestazioni paragonabili a quelle dei concorrenti, e che non sia una copia spudorata di quelli (operazione nella quale i cinesi sono prticolarmente abili: Ricordate i cloni del MIPS?). Le potenzialità ci sono, ma per ora siamo molto indietro.



Con un miliardo e passa di possibili clienti, credi che non siano in grado di tirarti fuori un multicore che vada come se non più di AMD e Intel? E del tutto incompatibile per giunta.
Col mercato interno che hanno e la potenza commerciale che scatenano se ne possono ampiamente sbattere di tutti gli standard, facendosi i propri.
Purtroppo per noi, aggiungo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^