Batterie nucleari presto una realtà?

Batterie nucleari presto una realtà?

L'Università del Missouri ha sviluppato una batteria che fa uso di radioisotopi e di un particolare semiconduttore liquido

di pubblicata il , alle 12:12 nel canale Sistemi
 

Le attività di ricerca e sviluppo attorno alle batterie sono da tempo piuttosto vivaci: tutti i team impegnati in questo campo perseguono il medesimo obiettivo di lungo periodo, ovvero realizzare una batteria poco ingombrante, leggera e dall'elevata autonomia operativa. Dopo aver già trattato svariati progetti di ricerca in altre occasioni, oggi focalizziamo la nostra attenzione sul progetto portato avanti da un gruppo di ricercatori dell'Università dei Missouri che ha esplorato la possibilità di realizzare piccole batterie nucleari.

Jae Kwon, responsabile del gruppo di ricerca, ha dichiarato: "Per poter fornire sufficiente potenza dobbiamo poter gestire opportunamente la densità di energia. Le batterie ai radioisotopi possono fornire una densità di potenza di sei ordini di grandezza superiore rispetto alle batterie chimiche".

Il professor Kwon ed il suo gruppo di ricerca hanno lavorato alla progettazione di una piccola batteria nucleare, delle dimensioni confrontabili a quelle di una moneta da un penny, ideata per erogare energia a svariati sistemi N/MEMS - micro/nanoelectromechanical systems. Se la parola "nucleare" associata alle batterie può far pensare a scenari a tinte fosche, Kwon ha voluto assicurare che si tratta di dispositivi assolutamente sicuri: "Il pubblico vede la parola nucleare e pensa a qualcosa di molto pericoloso. Tuttavia le fonti di energia nucleare sono già utilizzate per erogare energia ad una serie di dispositivi, come pace-maker, satelliti spaziali e sistemi sottomarini".

Non sono disponibili purtroppo particolari dettagli in merito alla batteria, attualmente ferma alla fase di prototipo concettuale, se non che, ulteriore innovazione, Kwon intende impiegare un particolare semiconduttore liquido al posto dei semiconduttori solidi normalmente utilizzati nelle batterie. Questa la spiegazione: "Il punto critico nell'uso di una batteria radioattiva è quando si va a raccogliere l'energia: parte della radiazione può danneggiare la struttura a reticolo del semiconduttore solido. Possiamo ridimensionare il problema grazie all'uso di un semiconduttore liquido".

Il professor Kwon ha collaborato inoltre con il professor David Robertson, direttore associato del MU Research Reactor, presso il quale la batteria sarà prodotta e sottoposta ai test. I piani per gli sviluppi futuri prevedono l'incremento della potenza, la riduzione delle dimensioni e l'impiego di materiali alternativi. Kwon ha dichiarato che questa particolare tecnologia potrebbe consentire la realizzazione di batterie dallo spessore inferiore a quello di un capello umano.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

126 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LukeHack14 Ottobre 2009, 12:17 #1
queste batterie andranno... una bomba
TheZeb14 Ottobre 2009, 12:18 #2
ma se esplodono come quelle cinesi ?
puccio198414 Ottobre 2009, 12:19 #3
Cavolo se sicura ed abbastanza economica le macchine elettriche potrebbero divenire realtà! se adesso riescono da avere 100 km di autonomia, se iniziano a diventare 600 km diventano appetibili!
!fazz14 Ottobre 2009, 12:20 #4
praticamente stanno cercando di portare la tecnologia degli rtg (che esistono da decine di anni nel settore spaziale) nel mercato consumer ma ho dubbi sulla sicurezza di questi dispositivi a mio avviso molto meglio le fuel cell con bomboletta di ricarica

cmq la potenza pare troppo limitata per alimentare i comuni dispositivi elettronici mantenendo un peso accettabile soprattutto per le schermature

a mio avviso l'utilità è solo per sensori wireless in ambienti ostili dove ogni altra forma di energy harvesting è inutilizzabile
faber8014 Ottobre 2009, 12:22 #5
saranno sicuramente nel prossimo iphone.... altro che vetro esploso, qua crolla il palazzo.

xD
Wolfhask14 Ottobre 2009, 12:22 #6
quando ha citato sottomarini mi è venuto alla mente il film con harrison ford.....bbbbbbrrrrrr
Va beh montiamole pure nei cellulari così la facciamo finita una volta per tutte....vi immaginate se esplodono per surriscaldamento tipo il famoso caso iphone??? altro che botto ;-)
GlobuS14 Ottobre 2009, 12:25 #7
Ha parlato di "sistemi sottomarini", non "sottomarini". Anche perchè un sottomarino di 20.000 tonnellate ha bisogno di un reattore nucleare non di una batteria

Cmq un dubbio : ma si parla di batterie non ricaricabili immagino... anche perchè come si "ricaricano" gli isotopi ??
Wolfenstein14 Ottobre 2009, 12:29 #8
ma la domanda è, se si rompono se cascano se si spezzano se esplodono che succede???

che si rischia??

sono molto contento che l'autonomia le lo spazio migliorano notevolmente ma a che rischi per la vita??
TheZeb14 Ottobre 2009, 12:30 #9
Originariamente inviato da: GlobuS
..anche perchè come si "ricaricano" gli isotopi ??


con le isotope
Wolfhask14 Ottobre 2009, 12:30 #10
beh io infatti ho detto citato sottomarini...dai non far il precisino era per ridere....ricaricarle ma sei matto? le si fanno detonare da una squadra speciale che arriverà a casa tua ;-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^