Acer e HP: guerra in tribunale

Acer e HP: guerra in tribunale

Le due aziende combattono a suon di accuse. Il motivo? Sempre il solito: violazione di brevetti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:24 nel canale Sistemi
HPAcer
 

Acer ha depositato un procedimento legale nei confronti di Hewlett-Packard presso il tribunale del Distretto Ovest del Wisconsin e presso la U.S. International Trade Commission accusando HP di aver infranto alcuni brevetti relativi a prodotti PC, server e periferiche.

Acer ha dichiarato che intraprenderà tutte le misure necessarie per proteggere le proprie tecnologie brevettate, con o senza un procedimento legale.

Si tratta in realtà di una diatriba aperta da qualche tempo, quando nel mese di Marzo HP fu la prima a citare in giudizio Acer, chiedendo un risarcimento al colosso taiwanese e alle sussidiarie statunitensi per aver commercializzato prodotti PC infrangendo brevetti relativi a drive ottici, sistemi di variazione della frequenza operativa e del consumo energetico. HP ha in seguito accusato Acer di aver violato altri brevetti relativi a tecnologie di risparmio energetico, gestione della temperatura, controllo del flusso di dati e per migliorare la visualizzazione di immagini a schermo.

Già nel corso del mese di Aprile Acer ha lasciato chiaramente intendere di non avere intenzione di sottostare alle richieste di HP, reclutando come difensore l'avvocato Chris Ottenweller, specializzato in questioni relative alla proprietà intellettuale. Acer ha così avviato un procedimento legale contro HP accusandola di infrangere brevetti relativi alle tecnologie di antenna e DVD-ROM.

La battaglia legale sembra in qualche modo legata alla progressiva espansione di Acer nel mercato statunitense, sia per meriti propri, sia per la recente acquisizione di Gateway: nel corso del terzo trimestre dell'anno Acer ha registrato un incremento del 59,2% su base annuale per le consegne globali di PC, arrivando molto vicino ad HP che nell stesso periodo ha assistito ad una crescita di poco inferiore al 20%.

Fonte: Infoworld

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
schwalbe02 Novembre 2007, 11:30 #1
Chissà perchè negli states c'è più avvocati che operai...
ilsensine02 Novembre 2007, 11:31 #2
Originariamente inviato da: schwalbe
Chissà perchè negli states c'è più avvocati che operai...

Anche qui da noi, ma per motivi diversi
giaballante02 Novembre 2007, 11:31 #3
Se non puoi batterli, unisciti a loro.
Se non puoi unirti, fagli causa.
VEKTOR02 Novembre 2007, 11:37 #4
"Acer ha dichiarato che intraprenderà tutte le misure necessarie per proteggere le proprie tecnologie brevettate, con o senza un procedimento legale".

Senza procedimento legale che significa? Che gli manda Riina, magari quello della televisione?
In ogni caso questi hanno rotto loro e le battaglie sui brevetti... quasi quasi brevetto asso pigliatutto e briscola, così mi pagate le royalties...
EskevarMkDrake02 Novembre 2007, 11:39 #5
Originariamente inviato da: giaballante
Se non puoi batterli, unisciti a loro.
Se non puoi unirti, fagli causa.


Se mi consenti giaballante cambierei in :

Se non puoi batterli, acquisiscili
Se non puoi acquisirli, fagli causa
serious.max02 Novembre 2007, 12:26 #6
Gli States sono la patria delle cause-spazzatura...
Scezzy02 Novembre 2007, 12:40 #7
Io spero che il diverbio non riguardo il fantomatico software di gestione dei pc di Acer perche' se e' cosi' ho un messaggio per l'HP:

" quel software fa proprio cacare ! "
TROJ@N02 Novembre 2007, 13:05 #8
si annientassero tra di loro sarebbe solo un bene
Ducati 99802 Novembre 2007, 13:51 #9
Troveranno l'accordo... come in molte di queste cause!
C'è solo da chiedersi se questi comportamenti (parlo degli accordi) possano indurre le aziende a fare cartello, producendo un danno notevole a noi compratori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^