Windows 8: il desktop diventerà virtuale?

Windows 8: il desktop diventerà virtuale?

Sono trapelate alcune nuove ed interessanti indiscrezioni sulla prossima versione di Windows, nota per il momento come Windows 8

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 14:24 nel canale Sistemi Operativi
WindowsMicrosoft
 

Le prime indiscrezioni su come sarà il sistema operativo che succederà a Windows 7 hanno iniziato a circolare già da diverso tempo, tuttavia finora i dettagli emersi sono sempre stati piuttosto vaghi. Recentissimamente però sono trapelate in rete alcune slide di una presentazione in PowerPoint nelle quali vengono illustrati alcuni concetti piuttosto concreti di ciò che Microsoft pare avere in serbo per Windows 8.

Le slide provengono dal sito Ma-Config.com e sarebbero state "raccolte" durante un summit di Microsoft che si è tenuto a Londra lo scorso aprile. Secondo le informazioni riportate nelle diapositive, pare che il colosso di Redmond abbia in programma di coniugare la virtualizzazione con il cloud computing all'interno della prossima versione di Windows.

L'idea che dovrebbe essere alla base dei piani futuri di Microsoft è quella del "Desktop as a Service", ovvero un sistema operativo virtuale completamente indipendente dall'hardware su cui girerà e che pertanto potrà essere reso utilizzabile senza alcun problema su differenti postazioni di lavoro.

Per compiere questo importante passo, Microsoft attualmente può già contare su diverse tecnologie di virtualizzazione ben collaudate; grazie ad un approccio di questo genere sarà inoltre possibile sfruttare al meglio le tecnologie di cloud computing, potendo ad esempio gestire in maniera centralizzata il desktop virtuale e rendendolo disponibile ovunque ci sia un collegamento ad Internet.

La visione di Microsoft sembra dunque mirata a slegare completamente non solo l'ambiente di lavoro, ma anche l'intero sistema operativo dalla piattaforma hardware su cui si appoggia.

La diapositiva precedente riconferma inoltre una vecchia indiscrezione secondo cui il successore di Windows 7 arriverà tra circa 2 anni, ovvero nel 2012; risulta piuttosto interessante anche notare come nella diapositiva non si faccia riferimento alla prossima versione di Windows utilizzando il nome Windows 8 ma Windows Next.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

68 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ricky7817 Novembre 2010, 14:39 #1
Io non ho capito nulla... spiegare in termini pratici come si fa a slegare un sistema operativo dall'hw.??

Sarà installabile anche su computer Apple, dunque?
Danckan17 Novembre 2010, 14:39 #2
Dovranno inventarsi qualcosa di moooolto innovativo per scalzare l'eccellente Windows 7, altrimenti il rischio è di avere un nuovo XP che faccia auto.concorrenza.
Danckan17 Novembre 2010, 14:44 #3
Originariamente inviato da: Ricky78
Io non ho capito nulla... spiegare in termini pratici come si fa a slegare un sistema operativo dall'hw.??


Bhè semplice... tutte le richieste elaborative vengono inviate in remoto e tornano elaborate in tempo reale sul tuo display. Per accedere al tuo desktop con le impostazioni, lo sfondo, e quant'altro dovrai effettuare un login che ti collegherà col tuo account in remoto.

Si torna un pò al vecchissimo concetto primordiare di mainframe e terminal: un super computer che esegue tutto il lavoro in remoto e il computer domestico che diventa una semplice periferica di input/output.

Io così l'ho interpretata.
Gandalf7617 Novembre 2010, 14:44 #4
Mha io prevedo che se l'Italia non si aggiornerà con fibra ottica o non rimordernirà le linee il cloud computing in Italia porterà solo problemi.
Figurarsi poi con i sistemi operativi o programmi che ne fanno uso.
Qualcosa si sta già muovendo in tal senso e spero che non rimandino o blocchino tutto come al solito. Speriamo bene
Bongio217 Novembre 2010, 14:49 #5
Si, hai ragione, ma non centra nulla con la news, in questo caso la comunicazione avviene tra livelli software sullo stesso pc...
icoborg17 Novembre 2010, 14:50 #6
per la serie fatevi i cazzi miei.
Perseverance17 Novembre 2010, 14:53 #7
Si tratta molto semplicemente di paravirtualizzazione, un qualcosa di simile a Virtualbox che xò ha periferiche reali e non virtuali come Virtualbox.
claudio.dgm17 Novembre 2010, 15:02 #8
Come al solito MS cerca di riempire spazi di mercato creati da altri... Adesso che VMWare stà spingendo molto sulla virtualizzazione dei client attraverso il suo Vision (facendo ritornare efficacemente le aziende al concetto di thin client) in MS si sono accorti che potrebbe essere un mercato goloso...
RedDevil46917 Novembre 2010, 15:07 #9
Originariamente inviato da: icoborg
per la serie fatevi i cazzi miei.


guarda che la M$ si fa i cazzi tuoi già dai tempi di win2000

Cooooooomunque... Sta roba è na ciofeca a parer mio... se non ho la possibilità di connettermi che faccio? Resto senza PC perché non posso usare l'os... è come entrare su un'altro pc in remoto con VNC solo che invece di essere il PC di un'altra persona contiene i tuoi dati e i tuoi programmi... BELLA CAGATA MICROSOFT! CONTINUA COSÌ CHE REGALI PUNTI A APPLE E LINUX XD
ringway17 Novembre 2010, 15:39 #10
Originariamente inviato da: Danckan
Bhè semplice... tutte le richieste elaborative vengono inviate in remoto e tornano elaborate in tempo reale sul tuo display. Per accedere al tuo desktop con le impostazioni, lo sfondo, e quant'altro dovrai effettuare un login che ti collegherà col tuo account in remoto.

Si torna un pò al vecchissimo concetto primordiare di mainframe e terminal: un super computer che esegue tutto il lavoro in remoto e il computer domestico che diventa una semplice periferica di input/output.

Io così l'ho interpretata.


C'è un piccolo particolare pero'. Il terminale spesso è collegato al mainframe fisicamente, mentre il cloud computing si fà attraverso l'infrastruttura di rete.

Considerando l'arretratezza dell'adsl in italia queste tecnologie purtroppo saranno penalizzate ancora parecchi anni, cosi' come lo streaming HD e tutti quei servizi remotizzati che necessitano di una banda larga.
A parte la remotizzazione di office e del desktop di windows, per alcuni servizi saremo costretti ad avere ancora in casa i cassettoni da 800watt coi dischi da 2 tera

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^