Windows 10 S: le altre cose che non può fare

Windows 10 S: le altre cose che non può fare

Sebbene Microsoft non lo abbia specificato ufficialmente, ci sono altre cose - oltre a quelle annunciate - che Windows 10 S non può fare

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Windows 10 S è una versione del sistema operativo di Microsoft semplificata per essere più sicura e affidabile rispetto alla variante tradizionale. Al momento viene distribuita solo con Surface Laptop e siamo in attesa di verificare quale riscontro avrà nell'utenza finale, tuttavia Microsoft non si è di certo prodigata nello spiegare a dovere quali sono le funzionalità, le peculiarità e, soprattutto, le limitazioni dell'ultima SKU annunciata in termini cronologici.

Windows 10 S

Il punto principale di differenziazione fra Windows 10 S e le versioni standard del sistema operativo (Home e Pro, ad esempio) è l'obbligo di eseguire solo ed esclusivamente le app che vengono pubblicate su Windows Store. Questo perché tutte le app dello store ufficiale sono certificate da Microsoft, e quindi assolutamente sicure da utilizzare. L'utente non può effettuare nemmeno il cosiddetto side-load di app UWP (quindi nemmeno quelle private aziendali).

L'utente non potrà installare neanche app Win32, il che non è da intendersi come un male assoluto se consideriamo il target a cui si rivolge Windows 10 S, quindi studenti o ex-utenti Chromebook. Le app UWP aumentano progressivamente di numero e sullo store sono apparse da tempo anche alcune app Win32 tradizionali, che potranno quindi essere usate con Windows 10 S. Mancheranno invece i browser non sviluppati come UWP, quindi gli attuali Chrome e Firefox.

Queste sono le principali limitazioni che si conoscevano fino ad oggi, ma ZDNet ha scavato fino in fondo scoprendo che ci sono altre restrizioni che Microsoft non ha ancora comunicato in maniera appropriata, e fra queste l'impossibilità di usare l'Editor del Registro, la powershell, il Prompt dei comandi e altro. Windows 10 S "blocca l'esecuzione" di questi elementi, scrive la fonte, elencando gli eseguibili che non possono essere gestiti sulla nuova SKU di Windows 10.

Fra questi: bash.exe, cdb.exe, cmd.exe, cscript.exe, csi.exe, dnx.exe, kd.exe, lxssmanager.dll, msbuild.exe, ntsd.exe, powershell.exe, powershell_ise.exe, rcsi.exe, reg.exe, regedt32.exe, windbg.exe, wmic.exe, wscript.exe. Sullo store inoltre non saranno ammesse alcune tipologie di app, come gli antivirus di terze parti, i programmi per effettuare backup e quelli per gestire l'archiviazione dei dati o la struttura delle unità di storage installate sul sistema.

Con Windows 10 S inoltre non si potrà accedere ad un dominio Windows, con il computer che non potrà essere gestito attraverso la Active Directory di Microsoft. Insomma gli utenti più esperti potrebbero sentirsi limitati con Windows 10 S, e non solo per l'impossibilità di installare app da fonti non ufficiali, ma anche perché non potranno accedere a strumenti che solitamente l'utente più navigato utilizza con una certa regolarità.

Ma è proprio questo il punto di Windows 10 S, ovvero offrire un sistema che non può essere messo in difficoltà sul fronte della sicurezza e delle funzionalità. In altre parole, che non può rompersi. È una via di mezzo fra Chrome OS e Windows ed è inteso principalmente per computer di fascia bassa. Certo, la manovra di Microsoft di introdurlo in prima battuta sul suo portatile premium ha spiazzato un po' gli utenti, ma è indubbiamente quella la destinazione d'uso della nuova SKU.

Per chi se lo ritrova su un computer da oltre 1000 Euro e si sente limitato, invece, c'è sempre la possibilità di aggiornare a pagamento ad una SKU più completa.

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cata8123 Giugno 2017, 17:28 #1
al primo malware scopriranno che non potranno eseguire nessun tool per la pulizia?
LucaLindholm23 Giugno 2017, 17:40 #2
Originariamente inviato da: cata81
al primo malware scopriranno che non potranno eseguire nessun tool per la pulizia?


E come farebbero a beccarsi malware, virus o altro ancora, se gli eseguibili fuori dello store non possono avviarsi?

Beppe900023 Giugno 2017, 17:45 #3
Originariamente inviato da: LucaLindholm
E come farebbero a beccarsi malware, virus o altro ancora, se gli eseguibili fuori dello store non possono avviarsi?



come su android
LucaLindholm23 Giugno 2017, 17:47 #4
Originariamente inviato da: Beppe9000
come su android


Cioè?

E comunque la stragrande maggioranza dei virus/malware/etc. per Windows sono in forma di eseguibili, tutti bloccati da Win 10 S.
s-y23 Giugno 2017, 17:53 #5
la questione sicurezza è da vedere a regime, e se lo store diventerà quello a cui puntano
ora come ora pochi dati su cui discutere...

il blocco degli elementi che operano sul 'basso livello' mi pareva già scontato. per quanto, sempre se il sistema si diffonderà, dubito passerà troppo tempo prima che saltino fuori i 'fix'
tallines23 Giugno 2017, 18:26 #6
Non so quanto successo possa avere W10 S con il fatto di installare programmi solo dallo Store stesso della Microsoft .

Preferisco W10 tradizionale
Axios200623 Giugno 2017, 19:00 #7
Originariamente inviato da: cata81
al primo malware scopriranno che non potranno eseguire nessun tool per la pulizia?


Segna questa data e questo post.

Ci sarà da divertirsi...

E magari c'è pure chi crede ciecamente che W10S è a prova di virus... Come il Titanic era inaffondabile...
Cfranco23 Giugno 2017, 19:12 #8
"gli utenti più esperti potrebbero sentirsi limitati con Windows 10 S"
Un capolavoro di understatement
Uakko23 Giugno 2017, 19:44 #9
Farà la fine di Windows RT
Personaggio23 Giugno 2017, 19:46 #10
i virus possono essere integrati in file Office con Macro, su una pagina web, quindi le possibilità di essere infettati ci sono eccome

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^