Windows 10, in arrivo l'app per vedere i dati degli utenti inviati ai server Microsoft

Windows 10, in arrivo l'app per vedere i dati degli utenti inviati ai server Microsoft

La prossima major release di Windows 10 integrerà nativamente un'applicazione per analizzare tutti i dati che vengono inviati ai server Microsoft

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Dopo aver inserito l'anno scorso telemetria e tracking diagnostico, Microsoft ha annunciato nuove feature che verranno implementate sul nuovo major update di Windows 10 in arrivo a marzo o aprile. Qui gli utenti troveranno una nuova app nativa, Windows Diagnostic Data Viewer, che consentirà di analizzare tutti i dati che il sistema ha raccolto e inviato ai server Microsoft.

Le ultime versioni di Windows 10 dispongono di due opzioni per la raccolta di dati, "basic" e "full". La documentazione ufficiale lo scorso anno ha descritto nel dettaglio solo il funzionamento della prima, mentre la seconda opzione è stata dettagliata solo a grandi linee. La nuova applicazione andrà invece molto in profondità, mostrando agli utenti tutti i dati raccolti anche dopo l'attivazione della modalità "full", con un paragone diretto rispetto alle impostazioni di base.

La presentazione dei dati rimane però a "basso livello", con parti di codice difficilmente comprensibili per chi non mastica i rudimenti del mondo della programmazione. Nell'attuale versione mostrata da Microosft non sono disponibili spiegazioni a riguardo delle varie informazioni presentate dal software, né alle impostazioni corrispondenti ai numeri che seguono le singole voci. La lettura e le possibilità di interpretazione, quindi, rimangono limitate agli esperti.

Microsoft continua pertanto il percorso avviato l'anno scorso, con il nuovo strumento che rappresenta un passo in avanti per quanto riguarda l'apertura e la trasparenza, ma non corregge del tutto le lamentele generate dalla gestione di privacy e sicurezza di Windows 10. In base a quanto si legge sulle varie community social del web, gli utenti non esprimono critiche su cosa raccoglie Microsoft, ma di fatto sulla stessa raccolta dati effettuata da Microsoft.

L'idea generale, probabilmente utopica, è che Microsoft offra un'opzione che consente di disabilitare del tutto la raccolta di dati (già presente solo nella variante Enterprise del sistema operativo). Sebbene la nuova app non risolva il problema, è chiaro che la compagnia vuole sottolineare di non aver nulla da nascondere, con la compagnia che comunque sottolinea che l'app avrà soprattutto lo scopo di rilevare ed analizzare eventuali bug e incompatibilità nell'ecosistema.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
songohan25 Gennaio 2018, 20:36 #1
E che affidabilità può avere un'applicazione scritta dalla stessa azienda che questa applicazione dovrebbe controllare?
Mi meraviglio che non vi siano già applicazioni di terze parti che facciano ciò.
Nui_Mg25 Gennaio 2018, 21:18 #2
Originariamente inviato da: songohan
E che affidabilità può avere un'applicazione scritta dalla stessa azienda che questa applicazione dovrebbe controllare?
Mi meraviglio che non vi siano già applicazioni di terze parti che facciano ciò.

In effetti. La cosa più giusta/corretta da parte dell'azienda sarebbe stata quella di mettere in chiaro il traffico che esce all'OS e si collega ai vari server dell'azienda così che un utente armato di sniffer (su windows uso wireshark), se ne ha voglia, possa veramente metterci il naso. Allo stato attuale, anzi no, l'ultima volta che ho controllato è stato settembre 2017, ciò che esce sulla rete da Windows 10 pro ed education (parlo di queste perché su queste ho licenza universitaria gratuita) genera un log di più del doppio di quello generato dalla win10 ltsb (ora ltsc), questo pur avendo disattivato tutto, su versante privacy/telemetria, quello che è disattivabile su win pro ed education lato utente (i tool come wpd e altri non fanno altro che fare in automatico quello che si può fare in modalità manuale admin con la powershell che però, come sanno in molti, si opera sempre a livello utente, tutto ciò che è hard-coded nell'os, e che cambia di aggiornamento in aggiornamento, l'utente non lo può toccare/modificare/cambiare in alcun modo).
tallines25 Gennaio 2018, 21:25 #3
Infatti è questo che non va molto, secondo me, poi.....>

" In base a quanto si legge sulle varie community social del web, gli utenti non esprimono critiche su cosa raccoglie Microsoft, ma di fatto sulla stessa raccolta dati effettuata da Microsoft."

Raccoglie dati, per i bug, quindi tra un pò il computer si autoriparerà da solo ?.............

L' app Windows Diagnostic Data Viewer, può essere disabilita .
LucaLindholm25 Gennaio 2018, 22:23 #4

Ehm...

...non vorrei sembrare troppo invadente, ma ci sarebbero altre notizie da dare sul mondo MS:

- E' stato rilasciato Office nel MS Store;
- Age of Empires - Definitive Edition arriva il 20 febbraio;
- Nella nuova build Insider appena rilasciata, sono arrivati, tra le altre cose, i Font nel MS Store;
- MS ha confermato che con Xbox Game Pass si potrà accedere sin da subito a tutti i giochi che usciranno per la console, senza più dover aspettare;
- Sono stati presentati l'altro giorno nuovi dispositivi basati su Win 10 S;
- Nuovi brevetti e rumor sul Surface Phone/Andromeda e su CShell: Polaris sembra che sarà l'ambiente destinato a Desktop e Tablet di Win Core OS.

Che dite, redazione?
Ne parleremo?

O dobbiamo stare qui a commentare ogni starnuto di Apple?

Perché dovrei continuare a leggervi, se poi per completare il mio bagaglio di conoscenze giornaliero sono costretto ad andare su altri lidi?

Nui_Mg25 Gennaio 2018, 22:41 #5
Originariamente inviato da: LucaLindholm
...non vorrei sembrare troppo invadente,

Sei completamente off topic, il subject del thread è chiaro; inoltre nel tuo post non hai citato la notizia più interessante e recente inerente MS
Axios200626 Gennaio 2018, 00:10 #6
"Oste, com'è il vino?" "Buono"

"La NSA non spia le persone comuni." Fonte: NSA

MS dopo 2 o 3 anni di "qualche" richiesta, rende disponibile un titolo di dubbia veridicità.

Ma siccome mamma MS ha fatto risparmiare a qualche pargolo 100€ dal loro salvadanaio omaggiando W10, ecco come MS è degna di totale fiducia.

PS: chi voleva risparmiare denaro, sappia che esistono molte distribuzioni di Linux, totalmente gratuite. Che non si installano a tradimento e non spiano gli utenti.
MiKeLezZ26 Gennaio 2018, 02:33 #7
Cavolo, utile.
Poi però installi un aggiornamento e, ops, sono 5GB e nessuno te lo dice né puoi fermarlo o limitare la banda in download, così ti ritrovi con la rete bloccata per ore.
Una volta installato ti ritrovi le impostazioni del trackpad ripristinate a default, i programmi disinstallati magicamente reinstallati, nuova immondizia installata (nonostante hai licenza originale e versione PROFESSIONALE, non Bimbominkia) ed alcune opzioni del sistema ri-modificate a default.
Quindi bisogna rifare il giro a controllare tutto.
Ah, però dal prossimo aggiornamento si potranno cambiare i font, eh!
Windows 10 è marcio dentro.
El Tazar26 Gennaio 2018, 07:32 #8
Lamentarsi...lamentarsi sempre. Siete diventati peggio di Biaggi
nickname8826 Gennaio 2018, 07:36 #9
Originariamente inviato da: songohan
E che affidabilità può avere un'applicazione scritta dalla stessa azienda che questa applicazione dovrebbe controllare?
Mi meraviglio che non vi siano già applicazioni di terze parti che facciano ciò.

E ti pareva che si sarebbe riscatenata la stessa teoria del "Gomblotto"
Se l'avesse sviluppato la CIA avreste ipotizzato una complicità fra statunitensi.
Luca198026 Gennaio 2018, 07:41 #10
Originariamente inviato da: Axios2006
"Oste, com'è il vino?" "Buono"

"La NSA non spia le persone comuni." Fonte: NSA


Le persone comuni sono miliardi e non combinano nulla, chi si prende la briga di spendere miliardi per spiare miliardi di persone e non scoprire nulla di utile?
Teniamo a freno la paranoia almeno noi che conosciamo questo mondo (più o meno)...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^