Windows 10 ha raggiunto il 14.15% del mercato desktop a marzo

Windows 10 ha raggiunto il 14.15% del mercato desktop a marzo

NetMarketShare pubblica le statistiche sulla diffusione del sistema operativo Windows 10 del mese di marzo. La più recente incarnazione di Windows continua a guadagnare terreno, ma il percorso di conversione dell'intera base installata Windows 7 è ancora lungo.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 10:01 nel canale Sistemi Operativi
WindowsMicrosoft
 

Nella settimana della Build conference 2016 arriva un ulteriore elemento in grado di delineare i contorni della diffusione del sistema operativo Windows 10 (desktop). Microsoft ha già avuto modo di ufficializzare il dato degli oltre 270 milioni di dispositivi Windows 10 in occasione del keynote iniziale, ma per valutare il peso di tale cifra rapportata all'intera base installata dei sistemi operativi desktop risultano utili le consuete statistiche mensili di NetMarketShare, aggiornate al mese di marzo.

windows 10 marzo


Nel mese da poco concluso il sistema operativo Windows 10 è riuscito a guadagnare ulteriori quote di mercato superando il 14% della base installata (comprendente tutti i principali OS: sia Windows, sia OS X, sia Linux che confluisce insieme ad altri nella categoria residuale "Other". L'attuale prodotto di punta dei sistemi operativi sviluppati a Redmond è riuscito a guadagnare l'1.33% di share in 30 giorni. La strada per scalzare Windows 7 dal vertice della classifica, tuttavia, è ancora lunga. 

  1. Windows 7 al 51.89% (52.34% a febbraio)
  2. Windows 10 al  14.15% (12.82% a febbraio)
  3. Windows XP al 10.9% (11.24% a febbraio)
  4. Windows 8.1 al 9.56% (9.83% a febbraio)
  5. Mac OS X 10.11 al  4.05% (3.72% a febbraio)

Quella che continuerà ad essere ancora ricordata per molto tempo come una delle release più apprezzate e diffuse tra gli utenti, pur manifestando un trend in calo, continua a detenere più della metà dello share, nonostante Microsoft offra la possibilità di effettuare gratuitamente il passaggio a Windows 10 agli utenti Windows 7 e Windows 8/8.1 sino a luglio 2016. Non tutti sono evidentemente disposti a cambiare, anche a distanza da otto mesi dall'arrivo della prima versione stabile di Windows 10.

La terza posizione è occupata da un'altra vecchia conoscenza del mercato PC, ovvero Windows XP, non più supportato, ma tuttora in grado di lasciare tracce relativamente consistenti nelle statistiche di NetMarketShare con il 10.9% dello share. In quarta posizione Windows 8.1 e, a chiudere la gruppo dei primi cinque classificati, un Mac OS X 10.11 in crescita rispetto al mese scorso e che al momento rappresenta poco più del 4% della base installata.  

Microsoft ha recentemente (ri)confermato che il ritmo di diffusione di Windows 10 è il più rapido mai registrato da una release di Windows, Windows 10 è l'unica release di Windows a mostrare un trend in crescita nelle statistiche di NetMarketShare e si prepara a ricevere un importante major update (Anniversary Update) nel corso dell'estate. Elementi che suggeriscono e pongono le basi per un'ulteriore crescita della base installata nei prossimi mesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

120 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Noir7902 Aprile 2016, 10:17 #1
E ci credo, aggiornano i computer degli utenti senza informarli/non informandoli a dovere! É successo giá a due miei amici finora.

Se il prodotto fosse veramente superiore, non avrebbero bisogno di ricorrere a questi mezzucci.
Axios200602 Aprile 2016, 10:32 #2
Originariamente inviato da: Noir79
E ci credo, aggiornano i computer degli utenti senza informarli/non informandoli a dovere! É successo giá a due miei amici finora.

Se il prodotto fosse veramente superiore, non avrebbero bisogno di ricorrere a questi mezzucci.


Occhio che tra 5 secondi o meno arrivano i post che negano la palese invasivita' della politica marketing di W10.

Certo che il grottesco e' che W10 e' il primo Windows gratis ed ha dietro decine di polemiche... ed un tasso di diffusione aiutato da fake security patch per W7:

http://www.ghacks.net/2016/03/09/se...-functionality/

Roba non smentita da alcun fatto ma solo da opinioni.

Non parlando del cambio di EULA:

http://money.cnn.com/2015/08/17/tec...p;iid=obnetwork

Altra cosa non smentita da fatti ma solo da chi dice che anche gli altri fanno lo stesso. Ma allora se uno commette qualcosa di poco chiaro e' giustificato dato che lo fanno anche altri?
calabar02 Aprile 2016, 10:33 #3
@Noir79

Non serve essere superiore ma deve essere percepito dai potenziali utilizzatori come tale.

Il problema delle ultime versioni di Windows non è la qualità del sistema, che è sicuramente superiore a quella dei predecessori, ma l'astio che si è creato da parte di una certa fetta di utenti dovuto ad alcune scelte che non sono state molto popolari.
marcoesse02 Aprile 2016, 10:52 #4
dai dai che il mio Surface3 (troppo the best!)
Win10 nativo
aspetta Anniversary Update
daiiiiii
inkpapercafe02 Aprile 2016, 11:19 #5
Originariamente inviato da: Noir79
E ci credo, aggiornano i computer degli utenti senza informarli/non informandoli a dovere! É successo giá a due miei amici finora.

Se il prodotto fosse veramente superiore, non avrebbero bisogno di ricorrere a questi mezzucci.


O ma manco nei weekend andate a trollare altrove, ebbastaaa!!!!

Si pagava, non vi andava bene e ve lo scaricavate, ora è gratisse e vi lamentate

E' troppo presto per prendere i popcorn , aspettate il pomeriggio almeno prima di intasare i forum dal titolo Microsoft
inkpapercafe02 Aprile 2016, 11:23 #6
Originariamente inviato da: Axios2006
Occhio che tra 5 secondi o meno arrivano i post che negano la palese invasivita' della politica marketing di W10.

Certo che il grottesco e' che W10 e' il primo Windows gratis ed ha dietro decine di polemiche... ed un tasso di diffusione aiutato da fake security patch per W7:

http://www.ghacks.net/2016/03/09/se...-functionality/

Roba non smentita da alcun fatto ma solo da opinioni.

Non parlando del cambio di EULA:

http://money.cnn.com/2015/08/17/tec...p;iid=obnetwork

Altra cosa non smentita da fatti ma solo da chi dice che anche gli altri fanno lo stesso. Ma allora se uno commette qualcosa di poco chiaro e' giustificato dato che lo fanno anche altri?


Deve esserlo per forza, troppi pc con precedenti Windows non aggiornati nemmeno alle minime patch di sicurezza (grazie ad utenti "distratt"i) erano invasi da malware, ed erano diventati ghost.
Milioni di $ di danni in DoS da migliaia di macchine contemporaneamente
andy4502 Aprile 2016, 11:27 #7
Originariamente inviato da: calabar
Il problema delle ultime versioni di Windows non è la qualità del sistema, che è sicuramente superiore a quella dei predecessori, ma l'astio che si è creato da parte di una certa fetta di utenti dovuto ad alcune scelte che non sono state molto popolari.


Se vuoi imporre a tradizionalisti, professionisti e utenti "storici" le app, l'assistente vocale, gli aggiornamenti obbligatori e chi più ne ha più ne metta è normale che li scontenti, non basta rimettere il pulsante start con il menu per "fare pace" con questa parte degli utenti windows.
El Tazar02 Aprile 2016, 11:31 #8
Originariamente inviato da: andy45
Se vuoi imporre a tradizionalisti, professionisti e utenti "storici" le app, l'assistente vocale, gli aggiornamenti obbligatori e chi più ne ha più ne metta è normale che li scontenti, non basta rimettere il pulsante start con il menu per "fare pace" con questa parte degli utenti windows.


E non basta nemmeno regalarlo.
Non parliamo poi delle prese per il culo perpetrate nell'ultimo anno
Pier220402 Aprile 2016, 11:50 #9
Originariamente inviato da: El Tazar
E non basta nemmeno regalarlo.
Non parliamo poi delle prese per il culo perpetrate nell'ultimo anno


Tipo?...
bobby1002 Aprile 2016, 11:52 #10
Questi articoli su W10 ogni volta

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^