Windows 10, Dipartimento della Difesa USA aggiornerà 4 mln di dispositivi

Windows 10, Dipartimento della Difesa USA aggiornerà 4 mln di dispositivi

Il sistema operativo Windows 10 continua a far breccia anche tra gli enti governativi. Il Dipartimento della Difesa statunitense ha dato il via ad un corposo piano di aggiornamento a Windows 10 del parco macchine esistente

di pubblicata il , alle 19:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Microsoft si è posto il non trascurabile obiettivo di distribuire il sistema operativo Windows 10 ad 1 miliardo di macchine nei prossimi 2-3 anni. L'ultimo aggiornamento sulla percentuale di diffusione di Windows 10 fornito in via ufficiale da Microsoft nel mese di gennaio ha fatto riferimento a 200 milioni di dispositivi. Se tra i clienti della casa di Redmond figurano nomi illustri, come quello del Dipartimento della Difesa statunitense, l'obiettivo, seppur difficile, diventa pian piano più abbordabile.

La più recente incarnazione del sistema operativo di Microsoft è riuscita a convincere il Segretario della Difesa a dare il via ad un programma di aggiornamento a Windows 10 rivolto a tutte le agenzie statunitensi del Dipartimento della Difesa. Il piano prevede un update di 4 milioni di macchine aggiornate entro i prossimi 12 mesi. Non solo PC desktop, ma anche smartphone e tablet, a partire dal Surface che, come si dirà in seguito ha superato i rigidi controlli che ne consentono l'impiego nelle importanti strutture amministrative preposte alla difesa degli States.

Surface Pro 4

La decisione del Dipartimento della Difesa di adottare Windows 10 si è concretizzata a partire dal mese di novembre 2015 con la diffusione di un memorandum indirizzato a tutte le agenzie del Dipartimento che individuava in Windows 10 uno strumento per migliorare gli aspetti della cybersicurezza, ridurre i costi IT e migliorare l'efficienza. Il numero di macchine aggiornabili rapportate all'intervallo di tempo necessario per portate a termine la procedura mette in evidenza un elevato ritmo di adozione di Windows 10, segno della fiducia che la piattaforma è riuscita a generare nei vertici del Dipartimento. 

Come ricordato in più occasioni, Microsoft, con Windows 10, può giocare diversi assi per convincere l'utenza aziendale e le amministrazioni governative ad adottare la nuova release di Windows, puntando alle feature di sicurezza: dal sistema di autenticazione Windows Hello, a Windows Defender, che assicura una protezione anti-malware, per arrivare all'Enterprise Data Protection,che tiene distinti i dati corporate dai dati personali dei dipendenti impedendo la sottrazione non autorizzata di informazioni, e agli strumenti come Device Guard grazie ai quali viene inibita l'esecuzione di contenuti provenienti da fonti poco sicure. 

Come anticipato in apertura, tra i dispositivi Windows 10 adottati dal Dipartimento degli Stati Uniti figurano anche i prodotti della linea Surface. L'intera famiglia Surface di Microsoft, comprendenteSurface Pro 4, Surface Book, Surface Pro 3 e Surface 3 hanno ricevuto la piena certificazione come MMD (Multifunctional Mobile Device), dispositivi che soddisfano gli stringenti requisiti di sicurezza e interoperabilità stabiliti dalla DISA (Defense Information Systems Agency).  Traguardi importanti sia per l'OS di Microsoft, sia per alcuni dei prodotti che ne racchiudono al meglio lo spirito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220417 Febbraio 2016, 20:05 #1
Oggi sono comparsi notevoli spunti per domande agli esperti, coloro che hanno bollato Windows 10 come un malware spia pieno di backdor.

Il dipartimento della Difesa USA decide di aggiornare 4 milioni di PC a Windows 10 e allora mi pongo una domanda, se fosse vero ciò che spesso sento qui, il dipartimento della difesa, non Pino l'imbianchino, metterebbero a rischio la sicurezza Nazionale con uno strumento insicuro?

PS: I soliti noti possono evitare di rispondere, tanto non portano niente..
Bivvoz17 Febbraio 2016, 20:30 #2
Originariamente inviato da: Pier2204
Oggi sono comparsi notevoli spunti per domande agli esperti, coloro che hanno bollato Windows 10 come un malware spia pieno di backdor.

Il dipartimento della Difesa USA decide di aggiornare 4 milioni di PC a Windows 10 e allora mi pongo una domanda, se fosse vero ciò che spesso sento qui, il dipartimento della difesa, non Pino l'imbianchino, metterebbero a rischio la sicurezza Nazionale con uno strumento insicuro?

PS: I soliti noti possono evitare di rispondere, tanto non portano niente..


Viene bollato come "un malware spia pieno di backdor" solo dagli ingenui che non sanno o non pensano o ancora fanno finta di ignorare che qualsiasi os e qualsiasi software odierno invia o ha la possibilità di inviare dati sul funzionamento, telemetrie, ecc.
Windows 10 non è il primo a farlo, non è manco il primo windows a farlo, ma forse è il primo che lo mette bene in chiaro e sopratutto che ti chiede in installazione se vuoi inviare i dati o meno.
La maggior parte dei software ha come impostazione predefinita di inviare i dati e l'avviso è scritto nella pagina della licenza in microscopico in mezzo ad una marea di banalità.

Il fatto che il dipartimento della difesa USA aggiorni a windows 10 comunque non prova nulla, quello che passa da Microsoft non dico che sia roba loro ma quasi.
Lithium_2.017 Febbraio 2016, 20:39 #3
a parte la quastione "privacy" su cui ognuno ha la propria idea, qui si parla di versione Enterprise, cioe' l'unica dove la telemetria si puo' disabilitare totalmente, e volendo si puo' optare per la variante LTSB senza applicazioni UWA e crapware vario installato di default... oltretutto parliamo di macchine gestite e che hanno un accesso a internet (se lo hanno) pesantemente filtrato e controllato... cioe' a livello consumer le problematiche sono completamente diverse e non paragonabili...
emiliano8417 Febbraio 2016, 21:44 #4
Originariamente inviato da: Pier2204
Oggi sono comparsi notevoli spunti per domande agli esperti, coloro che hanno bollato Windows 10 come un malware spia pieno di backdor.

Il dipartimento della Difesa USA decide di aggiornare 4 milioni di PC a Windows 10 e allora mi pongo una domanda, se fosse vero ciò che spesso sento qui, il dipartimento della difesa, non Pino l'imbianchino, metterebbero a rischio la sicurezza Nazionale con uno strumento insicuro?

PS: I soliti noti possono evitare di rispondere, tanto non portano niente..


battilei17 Febbraio 2016, 23:24 #5
Originariamente inviato da: Lithium_2.0
a parte la quastione "privacy" su cui ognuno ha la propria idea, qui si parla di versione Enterprise, cioe' l'unica dove la telemetria si puo' disabilitare totalmente, e volendo si puo' optare per la variante LTSB senza applicazioni UWA e crapware vario installato di default... oltretutto parliamo di macchine gestite e che hanno un accesso a internet (se lo hanno) pesantemente filtrato e controllato... cioe' a livello consumer le problematiche sono completamente diverse e non paragonabili...

è molto di più...
Windows 10 Secure Host Baseline è una versione pesantemente customizzata, non esiste nè per le aziende normali, nè per i comuni mortali
http://www.google.it/search?q=windo...e+host+baseline


[I]What is a Secure Host Baseline?
A Secure Host Baseline (SHB) is a pre-configured and security hardened machine-ready image that contains an organization’s common Operating Systems (OS) and application software. SHB images are developed with the latest relevant standards and policies which include a layered security architecture enabling the implementation of best practice mitigation strategies to counter cyber threats.
An SHB image can be generated for any OS and common application software used by an organization.[/I]
KampMatthew18 Febbraio 2016, 08:39 #6
Originariamente inviato da: Pier2204
Oggi sono comparsi notevoli spunti per domande agli esperti, coloro che hanno bollato Windows 10 come un malware spia pieno di backdor.

Il dipartimento della Difesa USA decide di aggiornare 4 milioni di PC a Windows 10 e allora mi pongo una domanda, se fosse vero ciò che spesso sento qui, il dipartimento della difesa, non Pino l'imbianchino, metterebbero a rischio la sicurezza Nazionale con uno strumento insicuro?

PS: I soliti noti possono evitare di rispondere, tanto non portano niente..


Già, perchè tu immagini un pc qualsiasi di quel dipartimento come fosse un pc qualsiasi di casa tua, con windows home, il router di alice e comodo firewall
La microsoft secondo te, con DISA e NSA, può fare il discorso del "è per la vostra sicurezza" così come lo fa con gli utenti poveri mortali.

Si è vero che adotteranno windows 10, peccato che col windows 10 che conosci tu non ha nulla a che vedere, è proprio un'altra cosa, forse assomigliano i colori. Ma non ti preoccupare, l'importante è partecipare.
GTKM18 Febbraio 2016, 09:33 #7
Originariamente inviato da: Pier2204
Oggi sono comparsi notevoli spunti per domande agli esperti, coloro che hanno bollato Windows 10 come un malware spia pieno di backdor.

Il dipartimento della Difesa USA decide di aggiornare 4 milioni di PC a Windows 10 e allora mi pongo una domanda, se fosse vero ciò che spesso sento qui, il dipartimento della difesa, non Pino l'imbianchino, metterebbero a rischio la sicurezza Nazionale con uno strumento insicuro?

PS: I soliti noti possono evitare di rispondere, tanto non portano niente..


Tanto per cominciare, CREDO che i sistemi del Dipartimento della Difesa USA siano praticamente isolati da Internet (o comunque, con filtri sufficientemente potenti); inoltre, dubito che le versioni dell'OS fornite a certe realtà governative siano le stesse che scarico io dal sito della Microsoft. Telemetria, App, Cortana, e tutto il resto nemmeno ci saranno, dunque non si possono proprio controllare.
No, non è Pino l'imbianchino, e quindi gli danno un prodotto ad hoc.
Pier220418 Febbraio 2016, 11:03 #9
Originariamente inviato da: KampMatthew
Già, perchè tu immagini un pc qualsiasi di quel dipartimento come fosse un pc qualsiasi di casa tua, con windows home, il router di alice e comodo firewall
La microsoft secondo te, con DISA e NSA, può fare il discorso del "è per la vostra sicurezza" così come lo fa con gli utenti poveri mortali.

Si è vero che adotteranno windows 10, peccato che col windows 10 che conosci tu non ha nulla a che vedere, è proprio un'altra cosa, forse assomigliano i colori. Ma non ti preoccupare, l'importante è partecipare.


Mi fai vedere un una prova di quello che dici o parli per sentito dire...

Originariamente inviato da: GTKM
Tanto per cominciare, CREDO che i sistemi del Dipartimento della Difesa USA siano praticamente isolati da Internet (o comunque, con filtri sufficientemente potenti); inoltre, dubito che le versioni dell'OS fornite a certe realtà governative siano le stesse che scarico io dal sito della Microsoft. Telemetria, App, Cortana, e tutto il resto nemmeno ci saranno, dunque non si possono proprio controllare.
No, non è Pino l'imbianchino, e quindi gli danno un prodotto ad hoc.


Probabilmente sarà la versione Enterprise, ma come fate a sapere che sarà diverso, il kernel è quello, dubito progettino un sistema specifico per loro, e riguardo le protezioni di rete saranno quelle massime che solitamente già ora sono adottate da questi enti governativi....
Qui vedo solo supposizioni, ...punto..
PaulGuru18 Febbraio 2016, 11:13 #10
LE MACCHINE DEL DIPARTIMENTO DELLA DIFESA USA utilizzano Windows ???

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^