Rilasciato elementary OS 5.0 Juno con miglioramenti per il desktop e le app

Rilasciato elementary OS 5.0 Juno con miglioramenti per il desktop e le app

Il progetto elementary ha annunciato la nuova edizione della sua distribuzione Linux ispirata a macOS: elementary OS 5.0 Juno porta con sé novità sia sul fronte dell'ambiente desktop che delle applicazioni

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Sistemi Operativi
Linux
 

Il progetto elementary OS ha annunciato l'atteso rilascio della quinta versione della sua distribuzione Linux: elementary OS 5.0 Juno. La nuova versione ha portato con sé novità su tutti i fronti, a partire dalla base Ubuntu 18.04 fino ad arrivare alle applicazioni e all'ambiente desktop.

elementary OS 5.0 Juno

elementary OS utilizza l'ambiente Pantheon, che ricorda da vicino macOS, e lavora da tempo alla creazione della propria suite di applicazioni. Tra le principali novità in quest'ultimo ambito segnaliamo:

  • il gestore delle applicazioni AppCenter permette di acquistare applicazioni a pagamento con un modello "donazione libera" che permette di finanziare lo sviluppo del software. In Juno il processo di pagamento è divenuto più chiaro e consente ora di pagare nuovamente con ogni aggiornamento, per permettere di finanziare lo sviluppo nel tempo;
  • l'editor di codice Scratch è divenuto Code, con un'interfaccia grafica rivista che include una modalità scura e una forte integrazione con Git;
  • il file manager vede perlopiù cambiamenti "sotto il cofano" e si affida ora in maniera più massiccia alle funzioni del sistema operativo senza reinventare dunque la ruota;
  • l'applicazione Musica vede l'introduzione di una barra laterale dove vengono mostrati la copertina dell'album e i dettagli del brano in riproduzione;
  • l'applicazione Foto ha ora un tema scuro;
  • il terminale ha due nuovi temi (solarizzato e bianco) e un menù per cambiare al volo il tema e la dimensione dei caratteri, oltre all'elemento "apri posizione nel gestore dei file" nel menù contestuale;
  • il browser Epiphany supporta Firefox Sync e ha un'interfaccia utente migliorata.

Pantheon vede, invece, generali miglioramenti nell'usabilità:

  • è stata introdotta la modalità "luce notturna" che fa virare tutti i colori verso l'arancione per non affaticare gli occhi alla sera;
  • è possibile dividere lo schermo tra due applicazioni massimizzate spostando la divisione a piacere;
  • come macOS, anche elementary OS supporta ora le applicazioni "picture in picture";
  • molte icone sono state ridisegnate per essere più coerenti.

I cambiamenti sono comunque moltissimi, come spiegato nel pezzo pubblicato sul blog dal progetto elementary. È possibile scaricare la ISO per installare la distribuzione sul sito del progetto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
suneatshours8618 Ottobre 2018, 12:44 #1
elegante come pochi devo dir la verità. Elementary offre un pacchetto base ottimo per l'utente medio. Peccato sia sotto costante fuoco incrociato dei puristi linux e dei fedeli apple perchè secondo me è un progetto con del potenziale
Perseverance18 Ottobre 2018, 13:24 #2
Il problema di linux è che ciascuno fà come gli pare forkando come non ci fosse un domani per poi abbandonare progetti così nel nulla sprecando risorse persone e tempo. Evidentemente vogliono fare così e gli sta bene così a tutti. Io preferirei veder nascere collaborazioni e unioni col fine di fabbricare qualcosa di stabile, ampiamente compatibile e sicuramente funzionante senza troppi glitch.

Elementary OS 5.0, bello, ok. Dov'è lo sviluppo e l'avanguardia?! Linux deve crescere non cambiare vestito; ascoltare di più le esigenze di chi lo vorrebbe adottare ma per le solite problematiche si trova davanti i soliti ostacoli: affidabilità e stabilità dei desktop, organizzazione, completezza, compatibilità, supporto hardware, integrazione e infine parco applicazioni.

E non c'è! Lo uso ormai da anni ed anni con centos con ubuntu con opensuse con debian .... e più di lì sembra non riuscire a far nulla; a volte pare ci sia lo spiraglio per un'evoluzione e quando si tratta di venire al sodo iniziano a sperdersi e infagarsi per anni. Così nn andrà da nessuna parte.
Alfhw18 Ottobre 2018, 13:47 #3
Originariamente inviato da: Perseverance
Il problema di linux è che ciascuno fà come gli pare forkando come non ci fosse un domani per poi abbandonare progetti così nel nulla sprecando risorse persone e tempo. Evidentemente vogliono fare così e gli sta bene così a tutti. Io preferirei veder nascere collaborazioni e unioni col fine di fabbricare qualcosa di stabile, ampiamente compatibile e sicuramente funzionante senza troppi glitch.

Elementary OS 5.0, bello, ok. Dov'è lo sviluppo e l'avanguardia?! Linux deve crescere non cambiare vestito; ascoltare di più le esigenze di chi lo vorrebbe adottare ma per le solite problematiche si trova davanti i soliti ostacoli: affidabilità e stabilità dei desktop, organizzazione, completezza, compatibilità, supporto hardware, integrazione e infine parco applicazioni.


Quoto al 100%. Nel mondo server è diverso perché lì ci sono esigenze diverse e ci sono sistemisti esperti che sanno gestire i casini di Linux. Ma nel mondo desktop dove il 95% degli utenti sono semplici utenti medi non esperti, i fork di Linux sono deleteri.
ishtar190018 Ottobre 2018, 15:47 #4
Originariamente inviato da: Perseverance
Il problema di linux è che ciascuno fà come gli pare forkando come non ci fosse un domani per poi abbandonare progetti così nel nulla sprecando risorse persone e tempo. Evidentemente vogliono fare così e gli sta bene così a tutti. Io preferirei veder nascere collaborazioni e unioni col fine di fabbricare qualcosa di stabile, ampiamente compatibile e sicuramente funzionante senza troppi glitch.

Elementary OS 5.0, bello, ok. Dov'è lo sviluppo e l'avanguardia?! Linux deve crescere non cambiare vestito; ascoltare di più le esigenze di chi lo vorrebbe adottare ma per le solite problematiche si trova davanti i soliti ostacoli: affidabilità e stabilità dei desktop, organizzazione, completezza, compatibilità, supporto hardware, integrazione e infine parco applicazioni.

E non c'è! Lo uso ormai da anni ed anni con centos con ubuntu con opensuse con debian .... e più di lì sembra non riuscire a far nulla; a volte pare ci sia lo spiraglio per un'evoluzione e quando si tratta di venire al sodo iniziano a sperdersi e infagarsi per anni. Così nn andrà da nessuna parte.


Vero, sarebbe auspicabile ma è piuttosto complicato. Per concentrare le risorse umane altrimenti sparse in svariate distro ci dovrebbe essere una unica distro, ovviamente con possibilità di scegliersi il D.E. o il W.M. piu gradito, stesso gestore pacchetti,stessi repo, uniformare comandi, posizione cartelle e quant'altro. Un lavoro piuttosto arduo e sopratutto indigesto a chi da anni usa una distro e ne conosce ogni singolo dettaglio utile ad ovviare ad incompatibilità,problemi,ecc. Personalmente, per fare un esempio, da utilizzatore di Arch potrei anche essere disposto a tornare a "studiare", ma alla flessibilità di questa distro non saprei rinunciare, idem al suo essere aggiornata di continuo, l'idea di reinstallare ogni tot ( vedi distro Ubuntu e simili) la trovo assurda. E' difficile trovare un compromesso che possa accontentare utenti attuali e possibili nuovi utilizzatori spaventati dalla, in parte presunta, complessità d'uso e manutenzione o dalla, altrettanto in parte presunta, instabilità o carenza di software. Ma è da li che passa una possibile evoluzione di Linux in un OS che abbia le caratteristiche che tu cerchi.
s-y18 Ottobre 2018, 16:00 #5
la caratteristica 'multitesta' di gnu/linux non è un problema, è una sua caratteristica. proprio dall'inizio (si nota anche dal nome composto, linux è il solo kernel). o così o pomì, attualmente, e a meno di rivoluzioni, che non sono impossibili, ma non so quanto auspicabili, onestamente.
Opteranium18 Ottobre 2018, 16:08 #6
Originariamente inviato da: Perseverance
ma per le solite problematiche si trova davanti i soliti ostacoli: affidabilità e stabilità dei desktop, organizzazione, completezza, compatibilità, supporto hardware, integrazione e infine parco applicazioni.

di tutte queste che hai detto mi sento di condividere solo la mancanza di integrazione. Nel senso che sarebbe bene orientare le risorse su pochi e promettenti progetti, piuttosto che creare rami secchi ad ogni occasione.

Per il resto, stabilità e affidabilità non sono mai stati problemi di gnu/linux, né server né desktop (ovviamente a patto di non scegliere roba testing/rolling ma stiamo parlando di minoranze per utenti avanzati).

Parco applicazioni, idem. Se si escludono applicativi professionali, il classico set di programmi inscluso più o meno in ogni distro è completo e sufficiente per tutta l'utenza domestica.
Pellaton18 Ottobre 2018, 16:59 #7
Originariamente inviato da: Opteranium
di tutte queste che hai detto mi sento di condividere solo la mancanza di integrazione. Nel senso che sarebbe bene orientare le risorse su pochi e promettenti progetti, piuttosto che creare rami secchi ad ogni occasione.

Per il resto, stabilità e affidabilità non sono mai stati problemi di gnu/linux, né server né desktop (ovviamente a patto di non scegliere roba testing/rolling ma stiamo parlando di minoranze per utenti avanzati).

Parco applicazioni, idem. Se si escludono applicativi professionali, il classico set di programmi inscluso più o meno in ogni distro è completo e sufficiente per tutta l'utenza domestica.


Sono d'accordo.
Se si scelgono versioni LTS, è davvero difficile ormai incontrare problemi.
lo stesso elementaryOS, nella precedente versione (Loki), l'ho installato lo scorso anno ad un signore e per quello che ho potuto vedere, dopo quasi 12 mesi gli funziona ancora benissimo tanto che riesce a fare le cose più comuni esattamente come le faceva prima, aggiornando anche il sistema quando gli viene richiesto..
Giusto i driver di stampa HP gli ho installato qualche settimana fa perché aveva cambiato la stampante (driver peraltro che trovi facilmente nel gestore software interno al sistema).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^