Rilasciata la nuova versione 4.8 di OpenBSD

Rilasciata la nuova versione 4.8 di OpenBSD

OpenBSD 4.8 offre un migliorato supporto all'hardware, alle piattaforme i386 e amd64, ed alcuni nuovi strumenti per la sicurezza

di pubblicata il , alle 08:37 nel canale Sistemi Operativi
 

Lo scorso 1 novembre gli sviluppatori del progetto OpenBSD, hanno rilasciato la nuova versione 4.8 dell'omonimo sistema operativo multipiattaforma ispirato a UNIX. Le migliorie introdotte riguardano un po' tutti gli aspetti del sistema operativo, tuttavia le principali novità sono relative al supporto hardware e alla sicurezza.

Gli sviluppatori hanno infatti lavorato sodo per rendere OpenBSD 4.8 più compatibile con l'hardware attualmente in circolazione: ora ad esempio le funzionalità ACPI per la sospensione e il ripristino del sistema funzionano correttamente sulla maggior parte dei sistemi dotati di un sottosistema video di Intel o AMD, tuttavia va segnalato che con le schede video di NVIDIA ci sono ancora alcuni problemi da risolvere.

Sempre riguardo all'hardware si segnala inoltre il supporto ad un più vasto numero di schede di rete, controller SCSI/SAS/RAID esterni e sensori di sistema, come ad esempio quelli per il rilevamento della temperatura e della velocità delle ventole.

Per quanto riguarda invece la sicurezza si segnalano diverse novità, a partire dalle numerose migliorie presenti in OpenSSH 5.6, fino alla presenza dei due nuovi demoni iked e ldapd, che offrono rispettivamente supporto ai protocolli Internet Key Exchange v2 e Directory Access Protocol.

Un elenco più esaustivo di tutte le novità presenti in OpenBSD 4.8 è disponibile a questo indirizzo, mentre per reperire i CD di installazione vi suggeriamo di partire da questa pagina.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^