Novità in casa BSD: TrueOS diventa un fork di FreeBSD

Novità in casa BSD: TrueOS diventa un fork di FreeBSD

A distanza di quarant'anni dall'invenzione di UNIX, c'è ancora spazio per colpi di scena nel mondo BSD: TrueOS diventa infatti un fork downstream di FreeBSD e punta a diventare la base per nuove distribuzioni

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Sistemi Operativi
 

C'è (molta) vita nel mondo open source al di là di Linux. Il mondo BSD, forse meno noto ma con una base di utenti in crescita e affezionata, vede in TrueOS (al secolo noto come PC-BSD) una delle principali realtà per l'utilizzo di FreeBSD sui desktop. iXsystems, che ne cura lo sviluppo, ha annunciato un cambiamento di focus del progetto: da semplice versione di FreeBSD più semplice da installare, TrueOS si concentrerà invece sullo sviluppo di nuove funzionalità del cuore del sistema andando, di fatto, a costituire un (soft) fork di FreeBSD.

TrueOS continuerà infatti a integrare gli sviluppi di FreeBSD, ma apporterà modifiche proprie e introdurrà novità, a partire ad esempio dall'uso di OpenRC e LibreSSL. Non sarà più previsto un ambiente grafico predefinito (attualmente è Lumina Desktop, con base Qt5) e ciascun utente potrà scegliere quello che più lo aggrada. TrueOS non sarà più quindi la Ubuntu del mondo BSD, puntando invece a diventare più l'equivalente di Debian. L'obiettivo è quello di creare un sistema operativo utilizzabile da chiunque ma con un forte focus sugli utenti avanzati e gli sviluppatori, con una grande modularità e configurabilità.

Questo porterà TrueOS, nelle intenzioni dei creatori, a fungere da base per altre distribuzioni. L'eredità dell'attuale modello sarà raccolta da Project Trident, che sarà di fatto lo stesso progetto attuale con un nuovo nome.

È possibile leggere l'annuncio ufficiale sul sito del progetto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bancodeipugni12 Giugno 2018, 19:11 #1
cioè una specie di alphawinux moderna dunque
maxy0412 Giugno 2018, 21:24 #2
Io continuero' a usare freebsd.
fork di questo genere non mi piacciono.
postillo12 Giugno 2018, 22:21 #3
il desktop Lumina non è all'altezza dei DE per Linux: ben venga la possibilità di installare Lxqt, xfce, Gnome ecc.
sonnet12 Giugno 2018, 22:53 #4
Originariamente inviato da: maxy04
Io continuero' a usare freebsd.
fork di questo genere non mi piacciono.

La questione principale e' se abbiano le risorse (umane) per un fork del genere.
acerbo12 Giugno 2018, 23:12 #5
ennesima distro inutile
Opteranium13 Giugno 2018, 08:16 #6
come sprecare risorse
Bellaz8913 Giugno 2018, 08:26 #7
Questa è la risposta a quelli che dicevano che i fork ci sono solo per Linux e non in BSD

Comunque vediamo. Fare fork è un funzionamento essenziale per la salute dei progetti di free software.
maxy0413 Giugno 2018, 08:36 #8
Storicamente, i fork hanno dato spesso problemi.
È visto che freebsd è usato per la sua stabilità, mi sa che è un passo falso
pabloski13 Giugno 2018, 11:34 #9
Originariamente inviato da: maxy04
Storicamente, i fork hanno dato spesso problemi.
È visto che freebsd è usato per la sua stabilità, mi sa che è un passo falso


Wow ancora circola la leggenda metropolitana della stabilità di FreeBSD.

Considera che ad oggi FreeBSD non fa altro che importare tecnologie Linux ed è facile immaginare che fine abbia fatto la sua tanto decantata stabilità.

Comunque iXSystems non ha la più pallida idea della direzione che TrueOS deve prendere. Non hanno un piano, un obiettivo chiaro.

E lo dimostra proprio il progetto Trident, che altro non è che una specie di versione "core" di FreeBSD, che servirà da base per lo sviluppo di sistemi operativi da parte di terze parti.

Cioè hanno toppato alla grande imponendo Lumina ( che rispetto a KDE, Gnome e soci, ma anche Xfce, fa ca**re ) e stanno correndo ai ripari.

L'altra questione riguarda la lentezza del processo di sviluppo di FreeBSD, che lo costringe a restare indietro sul fronte hardware. Per esempio ad oggi non è possibile usare le nuove GPU AMD, perchè il driver AMDGPU non è disponibile per il ramo 11 ma solo ( come modulo sperimentale ) per il ramo di sviluppo 12.

TrueOS invece integra già quel driver, perchè logicamente non puoi stare 2-3 anni senza supportare le ultime GPU AMD.
maxy0413 Giugno 2018, 18:12 #10
Originariamente inviato da: pabloski
Wow ancora circola la leggenda metropolitana della stabilità di FreeBSD.

Considera che ad oggi FreeBSD non fa altro che importare tecnologie Linux ed è facile immaginare che fine abbia fatto la sua tanto decantata stabilità.


scusascusascusa?
FReebsd che importa tecnologie Linux?
a parte che e' linux che ha importato qualcosa da freebsd, poi lo userland freebsd e' diverso da linux.
stabilita' leggenda non e' vero assolutamente, molti sysadmin stanno passando a freebsd, specialmente dopo systemd, e ne decantano tutti la sua solidita'.

poi, visto che freebsd ha come target i server, a tutti sti discorsi su gui, wm, nuove gpu e simili, chi poi dovra' usarlo davvero in produzione non ci fara' caso.
freebsd e' per server, chi ne parla per uso client non l'ha mai usato come client per piu' di un quarto d'ora, e gia' linux, andando incontro ai client, rinnegando in parte la sua vocazione server, si sta windowsizzando, non vorrei che succedesse anche a freebsd.
chi vuole uno unix lato client, c'e' linux, con tutte le sue distro tipo mint o ubuntu.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^