Net Applications: Windows 8 cresce, ma anche Windows 7

Net Applications: Windows 8 cresce, ma anche Windows 7

Rilasciati alcuni dati statistici riguardanti l'utilizzo di sistemi operativi nel mese di agosto; trend previsti, ma anche alcune curiosità. Vediamo quali

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Sistemi Operativi
WindowsMicrosoft
 

Gli ultimi dati rilasciati da Net Applications, prontamente ripresi da Cnet, tracciano un quadro abbastanza esaustivo della diffusione di sistemi operativi in ambito PC e sistemi mobile. Ci soffermeremo sui primi, cercando di interpretare alcuni dati e le differenze rispetto al mese di luglio.

Net Applications
Fonte: Net Applications

Come si deduce dal grafico a torta, appare chiara e netta la supremazia dei sistemi operativi Microsoft (nessuna novità: è così praticamente da sempre). Il dato preciso parla di 91,2%, seguito dal 7,3% dei sistemi Apple, mentre i sisrtemi basati su Linux contano per circa l'1,5% del mercato.

Scendendo nel dettaglio in casa Microsoft, la diffusione di Windows 8 passa dal 5,4% del mese di luglio al 7,4% del mese di agosto, facendo quindi segnare un passo avanti anche di un certo peso, contando che si parla di un mese di differenza. Windows XP, fortemente diffuso in ambito aziendale e anche fra le mura domestiche, fa segnare un calo consistente, pur mantendendosi su livelli molto alti in considerazione dell'età anagrafica di questo sistema operativo. Il 33,7% del campione lo ha utilizzato per navigare nel corso di agosto, mentre il mese prima era il 37,2% a farlo.

La parte del leone spetta a Windows 7: nel mese di luglio è stato utilizzato dal 44,5% del campione, mentre in agosto la cifra è addirittura aumentata, arrivando al 45,6%. Come si spiega questo aumento che appare in controtendenza essendo un sistema operativo più datato? Non esistono certezze, ma è facile supporre che si tratti di persone che hanno utilizzato Windows 8 e son tornate ad utilizzare in seguito la versione precedente di sistema operativo.

Sono infatti pochissime le aziende che commercializzano in opzione PC dotati di Windows 7 al posto di Windows 8, che è prossimo a compiere un anno di età. Sarà interessante analizzare i dati che verranno rilasciati a metà ottobre sempre da Net Applications, per capire se vi siano altre novità in merito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dobermann7702 Settembre 2013, 15:29 #1
Linux all'1.52% mi è sembrato subito troppo alto,
e allora sono andato su StatsCounter.

In effetti li' abbiamo
Linux (Agosto) 1.28%
Win 7 (Agosto) 52.01%
Win 8 (Agosto) 7.04%

Linux (Luglio) 1.29%
Win 7 (Luglio) 52.48%
Win 8 (Luglio) 6.61%

E tutti i quesiti spariscono.
Ginopilot02 Settembre 2013, 15:55 #2
il flop di win8 e' davvero imbarazzante.
dobermann7702 Settembre 2013, 16:10 #3
A me invece sembra un ottimo risultato
tenendo conto, come ben sai, ne abbiamo gia' parlato,
che Windows 8 non si pirata.
Krusty9302 Settembre 2013, 16:26 #4
Originariamente inviato da: dobermann77
A me invece sembra un ottimo risultato
tenendo conto, come ben sai, ne abbiamo gia' parlato,
che Windows 8 non si pirata.


Con me che invece "non hai parlato" (:asd, cosa vuol dire non si pirata?
Ginopilot02 Settembre 2013, 16:43 #5
niente, vuol dire che chi compra un pc con win8 puoi metterci win7 piratato senza problemi
Forse con l'8.1 miglioreranno un po' le cose. Ma si sono fissati con quella roba inutile che e' metro.
Ginopilot02 Settembre 2013, 16:53 #6
E' il valore assoluto che e' imbarazzante. Non solo un flop di win8, ma anche del tentativo di superare il flop (evidentemente previsto) con la scelta di regalarlo come aggiornamento. L'avessero fatto con win7 oggi non ci sarebbe quasi piu' traccia di xp.
dobermann7702 Settembre 2013, 16:58 #7
Originariamente inviato da: pulsar68
Questi dati contano ben poco perché come specificato a questo indirizzo http://www.zdnet.com/new-stats-show...ets-7000020098/
hanno cambiato il metodo di rilevamento dei dati quindi un eventuale confronto con quelli precedenti è fuorviante e poco attendibile.


Lasciamo che riordino un po' le idee, e vedrete che Linux il mese prossimo tornerà all' 1.25% anche per loro.
s0nnyd3marco02 Settembre 2013, 17:07 #8
Originariamente inviato da: dobermann77
Lasciamo che riordino un po' le idee, e vedrete che Linux il mese prossimo tornerà all' 1.25% anche per loro.


Perche' cosa cambia quel 0.27%?

Comunque sono orgoglioso di essere in quel 1.25-1.52 %
dobermann7702 Settembre 2013, 17:15 #9
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Perche' cosa cambia quel 0.27%?




1.50/1.25=1.2.
Un incertezza del 20% sul numero di utenti Linux ti pare poco?

Sono d'accordo che il 20% di un numero irrisorio globalmente resta
irrisorio globalmente, ma per un'azienda che vive di Linux è una differenza abissale!
vampirodolce102 Settembre 2013, 17:43 #10
Originariamente inviato da: pulsar68
Ci sono anche dei vantaggi di tipo pratico nell'appartenere ad una minoranza... i "produttori" di virus e malware li continueranno a creare esclusivamente per Windows
Basti guardare alla diffusione di Android e di come i malintenzionati si stiano concentrando anche su quella piattaforma...
Non mi sembra pero' che Android sia diventato un porcilaio come windows.
Inoltre... minoranza sui pc desktop, ma in buona parte degli altri segmenti il discorso si ribalta, server inclusi.
http://en.wikipedia.org/wiki/Usage_...erating_systems

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^