Microsoft: vendere i CD di ripristino è illegale

Microsoft: vendere i CD di ripristino è illegale

Microsoft accusa Comet Group PLC di aver commercializzato cd di ripristino per Windows Vista and Windows XP

di pubblicata il , alle 09:31 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Produrre e distribuire CD di ripristino per i PC venduti è un illecito secondo Microsoft. La pesante accusa che sfocerà in un contenzioso legate è stata fatta nei confronti di Comet Group PLC, una grande catena di negozi di informatica operante in UK.

Questi i fatti: Comet Group PLC ha commissionato la realizzazione di 94.000 supporti di ripristino di Windows Vista and Windows XP a una società specializzata dello Hampshire; tali prodotti sarebbero poi stati commercializzati attraverso la rete di vendita. Comet Group PLC, che ritiene di aver agito nell'interesse dei propri clienti, per il momento ha dichiarato di aver chiesto a un proprio consulente legale di analizzare la vicenda.

Per capire meglio la vicenda bisogna ricordare che ormai da tempo i PC con sistema operativo Microsoft Windows preinstallato vengono commercializzati privi di supporto di ripristino. Per tale operazione i produttori realizzano solitamente una partizione nascosta sul PC accessibile attraverso una procedura di ripristino. L'operzione di Comet Group PLC intendeva quindi fornire ai propri clienti un supporto ottico da utilizzare per il ripristino che per alcuni utenti rappresenta ancora la soluzione preferita.

Per Microsoft la condotta di Comet Group PLC è una chiara violazione della licenza OEM e come affermato da  David Finn, associate general counsel, Worldwide Anti-Piracy and Anti-Counterfeiting at Microsoft, Comet Group PLC avrebbe tenuto un comportamento scorretto nei confronti della propria clientela mettendo in commercio software illecito. La nota ufficiale è disponibile qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor05 Gennaio 2012, 09:49 #1
credo abbia ragione MS: se li avessero forniti gratuitamente è un conto, ma venderli credo dia illegale!
AceGranger05 Gennaio 2012, 09:53 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
credo abbia ragione MS: se li avessero forniti gratuitamente è un conto, ma venderli credo dia illegale!


in realta è proprio il contrario. Comet ha dato gratuitamente i CD ai clienti perchè tali supporti non venivano piu forniti dal produttore in bundle con il portatile;

Microsoft vuole una % per ogni CD di ripristino venduto.
Paganetor05 Gennaio 2012, 09:59 #3
"tali prodotti sarebbero poi stati commercializzati attraverso la rete di vendita", scritto così sembra che li abbiano venduti, ma magari risultano "venduti" solo perchè rientrano nell'acquisto del pc (senza sovrapprezzo).
Nautilu$05 Gennaio 2012, 10:00 #4
se li ha dati gratuitamente è un conto.... ma qui c'è scritto a pagamento!
Nella nostra italietta è la stessa cosa: ACER , se non hai più la partizione nascosta e chiedi di ripristinarla, ti chiede 60 euro e ti spedisce i dvd di ripristino!
calabar05 Gennaio 2012, 10:02 #5
@AceGranger
Nell'articolo parla di dischi commercializzati, sicuro che siano stati forniti gratuitamente?

Anche perchè in questo caso microsoft potrebbe avere una bella percentuale di "gratis" che nessuno credo le rifiuterebbe!
iorfader05 Gennaio 2012, 10:07 #6
Originariamente inviato da: Nautilu$
se li ha dati gratuitamente è un conto.... ma qui c'è scritto a pagamento!
Nella nostra italietta è la stessa cosa: ACER , se non hai più la partizione nascosta e chiedi di ripristinarla, ti chiede 60 euro e ti spedisce i dvd di ripristino!


vabbè ma ormai al giorno d'oggi noi pro non chiediamo + niente, ce la prendiamo e basta
shodan05 Gennaio 2012, 10:08 #7
Originariamente inviato da: AceGranger
in realta è proprio il contrario. Comet ha dato gratuitamente i CD ai clienti perchè tali supporti non venivano piu forniti dal produttore in bundle con il portatile;

Microsoft vuole una % per ogni CD di ripristino venduto.


Ciao,
leggendo il bollettino Microsoft pare che i CD di ripristino venissero venduti, e non distribuiti gratuitamente:

"READING, England, and REDMOND, Wash. — Jan. 4, 2012 — Microsoft Corp. today issued proceedings against Comet Group PLC for allegedly creating and selling more than 94,000 sets of counterfeit Windows Vista and Windows XP recovery CDs. The alleged counterfeits were sold to customers who had purchased Windows-loaded PCs and laptops."

In caso di vendita direi che Microsoft ha pienamente ragione; se invece i CD erano davvero distribuiti gratuitamente allora è un altro paio di maniche.

Ciao.
StyleB05 Gennaio 2012, 10:10 #8
a che serve il cd di ripristino, c'è una partizione dedicata in tutti i portatili.
iorfader05 Gennaio 2012, 10:13 #9
Originariamente inviato da: StyleB
a che serve il cd di ripristino, c'è una partizione dedicata in tutti i portatili.


uando io formatto spiano tutto l'hdd, però io lo faccio con coscenza, gli altri non capiscono il pericolo, capisci ora?
AceGranger05 Gennaio 2012, 10:13 #10
Originariamente inviato da: calabar
@AceGranger
Nell'articolo parla di dischi commercializzati, sicuro che siano stati forniti gratuitamente?

Anche perchè in questo caso microsoft potrebbe avere una bella percentuale di "gratis" che nessuno credo le rifiuterebbe!


Originariamente inviato da: shodan
Ciao,
leggendo il bollettino Microsoft pare che i CD di ripristino venissero venduti, e non distribuiti gratuitamente:

"READING, England, and REDMOND, Wash. — Jan. 4, 2012 — Microsoft Corp. today issued proceedings against Comet Group PLC for allegedly creating and selling more than 94,000 sets of counterfeit Windows Vista and Windows XP recovery CDs. The alleged counterfeits were sold to customers who had purchased Windows-loaded PCs and laptops."

In caso di vendita direi che Microsoft ha pienamente ragione; se invece i CD erano davvero distribuiti gratuitamente allora è un altro paio di maniche.

Ciao.


http://www.tomshw.it/cont/news/micr...ws/35240/1.html

magari ho inteso male io, ma "regalavano" i CD a chi acquistava da loro un computer; lo davano in bundle per "gentilezza", visto che i produttori in quel periodo avevano iniziato a non darli piu con i computer. Non credo che applicassero un sovrapprezzo...

Microsoft vuole ovviamente i soldi perchè per poter creare i dischi di ripristino ci sarebbero le licenze

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^