Microsoft, strani messaggi sui social: lancia Windows 1.0 e altro software degli anni '80

Microsoft, strani messaggi sui social: lancia Windows 1.0 e altro software degli anni '80

Sembra che ci sia in corso una strana campagna promozionale sugli account social di Windows, con Microsoft che ha iniziato a rilasciare video teaser dei software degli anni '80

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

I social media manager di Microsoft sono impazziti? È questa la domanda che sorge spontanea non appena si accede alle pagine social della multinazionale. O magari l'account è stato hackerato da qualche simpaticone. In realtà, però, è tutta farina del sacco della stessa Microsoft: la compagnia ha pubblicato martedì un video "teaser" di Windows 1.0, mentre su Instagram ha tolto tutte le immagini dei nuovi sistemi operativi.

Nella pagina, al momento in cui scriviamo questo pezzo, c'è solo un'immagine che raffigura alcuni software del passato come ad esempio Excel, Chart, Word, e anche Flight Simulator, con la promessa in didascalia di un'estate mozzafiato. Windows 1.0 è stata la primissima iterazione del sistema operativo che ancora oggi fonda la base portante di moltissimi dei PC venduti in tutto il mondo. All'epoca era una piattaforma a 16-bit, realizzata per l'esecuzione di programmi con veste grafica e da installare su MS-DOS.

Nel 1985 Microsoft cercava trasformare i PC da un sistema di controllo gestito da riga di comando a un'esperienza di tipo visivo. A capo della rivoluzione c'era Bill Gates, che aveva intuito la rivoluzione che avrebbe portato l'interfaccia grafica nel mondo informatico. Tornando ai giorni nostri, comunque, la curiosità per via della strategia social di Microsoft continua. Non sappiamo ancora se ci sia qualcos'altro dietro questa manovra promozionale, e se questo ritorno al passato sia un semplice scherzo o il lancio di qualcosa di più contemporaneo e rivoluzionario. Proprio come lo era stata la UI di Windows 1.0.

Visualizza questo post su Instagram

With Excel, Chart, and even Flight Simulator, there’s no telling where Microsoft and the power of Windows will take you this summer.

Un post condiviso da Windows (@windows) in data:2 Lug 2019 alle ore 1:34 PDT

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cfranco03 Luglio 2019, 16:55 #1
Windows 1 era la brutta copia di roba già fatta sul Mac, altro che rivoluzione ...
s-y03 Luglio 2019, 17:21 #2
vero, anche se poi macos era a sua volta 'ispirato' (pagandoli) dal lavoro dello xerox parc
geppiwear03 Luglio 2019, 17:26 #3
Originariamente inviato da: Cfranco
Windows 1 era la brutta copia di roba già fatta sul Mac, altro che rivoluzione ...

Concordo pienamente! E parlo per esperienza personale: dopo aver fatto la tesi di laurea su un Mac, con schermo piccolo e in bianco e nero (!), non avevo mai visto Windows in vita mia quando ho otternuto il mio primo lavoro e sono stato messo di fronte ad un PC con Windows 3.0 (se ricordo bene, era il 1992, forse era Windows 3.11), con monitor più grande e a colori (!), ma la mia reazione è stata proprio quella che hai scritto tu, perché ho pensato fra me e me: "Ma questa cos'è, una brutta copia del Mac?"
Korn03 Luglio 2019, 17:27 #4
ma va la il workbench dava le piste a tutti...
biometallo03 Luglio 2019, 17:38 #5
Originariamente inviato da: Korn
ma va la il workbench dava le piste a tutti...


Piccola nota, il workbecnh dovrebbe essere solo l'interfaccia grafica il sistema operativo era Amiga OS

https://it.wikipedia.org/wiki/AmigaOS#Workbench

[I]Il Workbench ("banco di lavoro" in inglese) è il nome dato all'ambiente desktop disponibile su AmigaOS. Al momento della commercializzazione la defunta Commodore assegnò erroneamente il nome Workbench all'intero sistema operativo Amiga, per questo motivo fino alla versione 3.0 di AmigaOS il sistema veniva identificato universalmente come Workbench. Il Workbench è un programma di sistema, lanciato di solito all'avvio dell'AmigaOS, avente un'interfaccia utente di tipo grafico (GUI). Il Workbench utilizza simboli grafici, detti icone, con cui è possibile interagire con l'Amiga FileSystem, cioè il file system offerto da AmigaOS.[/I]

E cavolo si, pur stando su un paio di floppy a bassa densità era un ambiente incredibilmente moderno

Tornando agli "ibm compatibili" io windows 1.0... credo di non averlo mai visto all'opera ne avevo solo immaginato l'esistenza in quanto se esisteva un windows 3.1 dovevano per forza esistere anche dei predecessori
s-y03 Luglio 2019, 17:43 #6
pur non avendolo mai usato al tempo, bisogna ammettere che il workbench, già dalla prima versione, consentiva cose che gli altri due mainstream si sognavano

un'altro os degno di nota, però molto di nicchia, fu il riscos che era in rom sull'acorn archimedes (che però col senno di poi è la macchina che di gran lunga, ma proprio lunga, ha avuto più influenza, anche se per vie diciamo parallele...)
Piedone111303 Luglio 2019, 17:45 #7
Originariamente inviato da: biometallo
Piccola nota, il workbecnh dovrebbe essere solo l'interfaccia grafica il sistema operativo era Amiga OS

https://it.wikipedia.org/wiki/AmigaOS#Workbench

[I]Il Workbench ("banco di lavoro" in inglese) è il nome dato all'ambiente desktop disponibile su AmigaOS. Al momento della commercializzazione la defunta Commodore assegnò erroneamente il nome Workbench all'intero sistema operativo Amiga, per questo motivo fino alla versione 3.0 di AmigaOS il sistema veniva identificato universalmente come Workbench. Il Workbench è un programma di sistema, lanciato di solito all'avvio dell'AmigaOS, avente un'interfaccia utente di tipo grafico (GUI). Il Workbench utilizza simboli grafici, detti icone, con cui è possibile interagire con l'Amiga FileSystem, cioè il file system offerto da AmigaOS.[/I]

E cavolo si, pur stando su un paio di floppy a bassa densità era un ambiente incredibilmente moderno

Tornando agli "ibm compatibili" io windows 1.0... credo di non averlo mai visto all'opera ne avevo solo immaginato l'esistenza in quanto se esisteva un windows 3.1 dovevano per forza esistere anche dei predecessori


Difatti le meglio cose si facevano da script e CLI ( il workbench era comunque un altro pianeta rispetto le interfacce grafiche dei suoi contemporanei)
gioloi03 Luglio 2019, 17:47 #8
Windows, per quanto chiaramente copiasse il Mac, cercava comunque di differenziarsi in qualche modo, a cominciare dall'uso del colore.
Una copia spudorata di quegli anni invece era il GEM della Digital Research, che usai per qualche tempo.
AlexSwitch03 Luglio 2019, 17:50 #9
Originariamente inviato da: Cfranco
Windows 1 era la brutta copia di roba già fatta sul Mac, altro che rivoluzione ...


E il System del primo Mac era la copia ridotta dell'OS di LISA sempre di Apple, che a sua volta si " ispirò " al progetto Alto del PARC.
AlexSwitch03 Luglio 2019, 17:58 #10
Originariamente inviato da: s-y
vero, anche se poi macos era a sua volta 'ispirato' (pagandoli) dal lavoro dello xerox parc


macOS al tempo non esisteva... Esisteva il System per Macintosh e LISA OS per il Lisa poi rimarchiato Macintosh XL prima che venisse cessata la produzione ( primi mesi dell'85 ).

Per precisione di cronaca, il progetto Alto esisteva al PARC già da anni ( i prototipi vennero costruiti nella prima metà degli anni '70 seguendo le linee guida tracciate da Dough Engelbart pioniere della GUI - 1968/1969 ), ma quando Jobs ed altri di Apple si recarono in visita ai laboratori di Xerox, il progetto era praticamente abbandonato. Jobs fece una proposta di assunzione ai progettisti software e sviluppatori di Alto che venne accettata. Da li nacque il LISA...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^