Microsoft, ancora guai legali con l'aggiornamento a Windows 10

Microsoft, ancora guai legali con l'aggiornamento a Windows 10

Il controverso programma di aggiornamento a Windows 10 è causa di due nuove procedure giudiziarie attivate nei confronti di Microsoft negli Stati Uniti e in Israele. Gli utenti denunciano la violazione delle normative sull'invio della pubblicità elettronica e l'installazione del sistema operativo senza il consenso degli utenti.

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Domani, 29 luglio, terminerà il periodo di validità dell'offerta con la quale Microsoft offre la possibilità agli utenti Windows 8/8.1 e 7 di effettuare l'aggiornamento gratuito a Windows 10. Un periodo di 12 mesi iniziato il 29 luglio 2015, in concomitanza con l'arrivo della prima versione stabile del più recente OS della casa di Redmond.

12 mesi in cui l'azienda ha cercato di promuovere il passaggio alla nuova major release, attivando una campagna di marketing aggressiva e controversa proprio per tale carattere. Le pratiche adottate da Microsoft per incentivare la diffusione del sistema operativo tornano sotto i riflettori dopo la diffusione della notizia di due (ulteriori) procedure legali avviate nei confronti della casa di Redmond.

windows 10

Si tratta di due giudizi distinti, come riporta il Seattle Times, uno attivato negli Stati Uniti e uno nello Stato di Israele. Tre uomini in Florida hanno citato in giudizio Microsoft presso la Corte Distrettuale della Florida venerdì scorso, affermando che gli avvisi inviati in automatico per effettuare l'aggiornamento gratuito a Windows 10 violano la normativa che disciplina l'invio di pubblicità elettronica non richiesta. Secondo i ricorrenti, Microsoft avrebbe inoltre violato la normativa della FTC (Federal Trade Commission) sulle pratiche ingannevoli e sleali. 

Nel mese di giugno, inoltre, Microsoft è stata citata in giudizio presso il Tribunale distrettuale di Haifa. In tale procedura, che potrebbe trasformarsi in una vera e propria class action, oggetto del contendere è l'installazione di Windows 10 senza il consenso dell'utente, in violazione della normativa israeliana che regola il settore informatico. 

Microsoft ritiene che, in entrambi i casi, si tratti di richieste prive di fondamento ed è certa di riuscire a far valere le sue ragioni nell'aula di Tribunale, come conferma un portavoce dell'azienda. Vi è da dire che i due nuovi casi giudiziari si sommano ad un precedente in cui Microsoft, per richieste in parte analoghe, ha scelto di non presentare ricorso, preferendo chiudere la vicenda con un risarcimento del danno.

Si ricorda, nello specifico, il giudizio avviato da Teri Goldstein ''vittima'' di un aggiornamento automatico a Windows 10, tra l'altro non andato a buon fine. La sentenza di primo grado, non appellata da Microsoft, si è conclusa con l'obbligo di risarcire la Goldstein con 10.000 dollari. Non è da escludere che casi analoghi potrebbero rappresentare precedenti posti a fondamento di ulteriori procedure giudiziarie. Vero è che, terminato il periodo di validità dell'offerta di aggiornamento gratuito a Windows 10 (e preso atto della sua parziale efficacia nell'espandere la base installata), ci saranno, verosimilmente, meno occasioni e minori ragioni per continuare a portare avanti le controverse pratiche. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

70 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Il Picchio28 Luglio 2016, 10:48 #1
@axioss aspettiamo il tuo commento sempre uguale per la duecentomillesima volta
Pier220428 Luglio 2016, 11:03 #2
Con il rimborso alla prima utente si è aperto un precedente che molti cercheranno di cavalcare, ora chi deve aggiornare il PC non va in negozio, si rivolge all'avvocato...
inkpapercafe28 Luglio 2016, 11:33 #3
Flamers tra 3... 2 ...1....
chris19028 Luglio 2016, 11:41 #4
Quante inutili e stupide storie per un aggiornamento importante quale w10, dai!
Visto che viviamo in un mondo ormai quasi automatizzato, lasciamo fare tutto a microsoft no?

Magari potrebbe non piacere tale scelta da parte dell'azienda, però ricordiamoci che non si perdono i file, e neache i programmi installi ad eccezzioni di 1 o forse 2. Quindi qual'è il problema? Non ti piace il sistema?

Be basta fare il downgrade e bloccare gli aggiornamenti!

A volte si fanno si solleva un polverone per niente. Con win10 mai avuto problemi, non è mai capitato che si installasse automaticamente sulle macchine, solo previa conferma dell'utente.

Poi vabbè sono gusti personali, può piacere come no, però nel favori un proceso automatico IO non ci vedo nulla di male. E voi come la pensate?
Siete d'accordo o avete un altra opinioni in merito?

Su internet se ne leggono davver tante in merito....bah....
decide28 Luglio 2016, 11:42 #5
Originariamente inviato da: Pier2204
Con il rimborso alla prima utente si è aperto un precedente che molti cercheranno di cavalcare, ora chi deve aggiornare il PC non va in negozio, si rivolge all'avvocato...


È pur vero che devi essere in grado di dimostrare di aver ricevuto un danno dall'aggiornamento non richiesto...
gospel28 Luglio 2016, 11:44 #6
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/sistem...s-10_63830.html

Il controverso programma di aggiornamento a Windows 10 è causa di due nuove procedure giudiziarie attivate nei confronti di Apple negli Stati Uniti e in Israele. Gli utenti denunciano la violazione delle normative sull'invio della pubblicità elettronica e l'installazione del sistema operativo senza il consenso degli utenti.

Click sul link per visualizzare la notizia.


rileggere la notizia prima di pubblicarla no vero? ogni volta tra errori e strafalcioni grammaticali è sempre un terno sperare di trovare una notizia scritta bene...cosa centra Apple in mezzo a questa notizia? vi pagano per ogni volta che utilizzate il loro nome?
Flying Tiger28 Luglio 2016, 11:48 #7
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
...Il controverso programma di aggiornamento a Windows 10 è causa di due nuove procedure giudiziarie attivate nei confronti di Apple negli Stati Uniti e in Israele.


@la redazione, c'è un errore....

Per il resto non vale neanche un commento , il soliti che visto il precedente cercano di spillare dei quattrini a MS , come si dice tutto il mondo è paese e i furbi ci sono ovunque....
nickmot28 Luglio 2016, 12:30 #8
Originariamente inviato da: chris190
Quante inutili e stupide storie per un aggiornamento importante quale w10, dai!
Visto che viviamo in un mondo ormai quasi automatizzato, lasciamo fare tutto a microsoft no?

Magari potrebbe non piacere tale scelta da parte dell'azienda, però ricordiamoci che non si perdono i file, e neache i programmi installi ad eccezzioni di 1 o forse 2. Quindi qual'è il problema? Non ti piace il sistema?

Be basta fare il downgrade e bloccare gli aggiornamenti!

A volte si fanno si solleva un polverone per niente. Con win10 mai avuto problemi, non è mai capitato che si installasse automaticamente sulle macchine, solo previa conferma dell'utente.

Poi vabbè sono gusti personali, può piacere come no, però nel favori un proceso automatico IO non ci vedo nulla di male. E voi come la pensate?
Siete d'accordo o avete un altra opinioni in merito?

Su internet se ne leggono davver tante in merito....bah....


Non funziona proprio così.
Che succede se sei un'azienda ed un SW fondamentale non funziona su win 10? Ti ritrovi metà client (una percentuale a caso di device ipoteticamente aggiornati automaticamente).
Ma anche un privato, metti che si aggiorni da se e qualche tua periferica/componente non funzioni più come deve per problemi o assenza di driver.

Nel caso dell'articolo, la prima causa mi pare abbastanza ridicola, MS segnala un aggiornamento del proprio prodotto, nulla di così assurdo.
Il secondo invece ci ricollega alle ultime implementazioni della GUI di update, fuorviante, prona a generare problemi e non necessaria.
polli07928 Luglio 2016, 12:34 #9
Sicuramente c'è chi vuole farci la cresta ma è anche vero che la strategia di Microsoft non è stata proprio limpida e corretta.
Comunque non penso che siano un problema per Microsoft queste cause anche perchè come detto da altri, devi dimostrare il danno che hai subito.
chris19028 Luglio 2016, 12:37 #10
quote=nickmot

Hai ragione. ma i driver col tempo vengono aggiornati e problemi di questo tipo se le periferiche sono abbastanza recenti non cè ne sono. In più è possibile fare il downgrade entro 30 giorni e bloccare l'aggiornamento

Fidati ho fatto l'aggiornamento su un sacco di macchine mai nessun problema durante l'installazione, inoltre ormai la quaiasi totali dei produttoru ha già rilasciato da tempo i driver per w10 per ciò cè solo da guadagnarci aggiornandolo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^