Microsoft: anche i pirati avranno il loro Windows 10 con un click

Microsoft: anche i pirati avranno il loro Windows 10 con un click

La compagnia vuole addolcire il passaggio da un'installazione non-genuina di Windows ad una versione legittima della nuova versione disponibile

di pubblicata il , alle 16:59 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Abbiamo scritto di recente che Microsoft vuole rendere il più semplice possibile il passaggio a Windows 10. Questo rendendo più evidenti le notifiche degli aggiornamenti o aggiornando il Media Creation Tool, al fine di riprogettare l'intero processo di installazione. Il tutto va interpretato con un obiettivo più esteso, che è quello più volte annunciato di raggiungere 1 miliardo di utenti entro tre anni dal debutto commerciale.

A circa 3 mesi dal lancio Windows 10 ha circa 120 milioni di utenti, tuttavia Microsoft vuole espandere ulteriormente il suo successo di pubblico e ha ammesso che la maggior parte delle richieste d'assistenza sono relative al processo di installazione del sistema operativo. Parecchi utenti, insomma, non riescono ad aggiornare alla nuova versione perché non sanno come eseguire l'installazione o dove trovare informazioni utili.

Per raggiungere l'obiettivo di vendite Microsoft potrebbe puntare alle installazioni cosiddette "non genuine" delle precedenti versioni di Windows. Il termine "non genuino" identifica nel gergo Microsoft un prodotto contraffatto, pirata. In altri termini, la società vuole rendere il più semplice possibile il passaggio al nuovo sistema operativo anche a chi attualmente utilizza versioni pirata di Windows 7 e Windows 8.

Basandosi sulle statistiche ottenute relative agli utenti che cercano di aggiornare da sistemi operativi contraffatti, Microsoft ha deciso di lanciare una modalità d'aggiornamento sperimentale che permette di ricevere il nuovo sistema operativo "genuino" partendo da un'installazione pirata. Nello specifico gli utenti potranno ottenere una copia valida di Windows 10 su Windows Store utilizzando un codice d'attivazione recuperato altrove (magari più a buon mercato rispetto allo store ufficiale).

L'esperimento verrà effettuato in un primo momento solo negli Stati Uniti, e sulla base dei risultati raccolti verrà espanso anche in altri mercati: "Se verificheremo che questo porterà molti utenti a prendere una copia Genuina, espanderemo l'esperimento", ha scritto Microsoft. E ha poi concluso: "Ci piacerebbe dare il benvenuto al legittimo ecosistema Windows al numero maggiore possibile di questi utenti".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

105 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ThesSteve8730 Ottobre 2015, 17:08 #1
"Nello specifico gli utenti potranno ottenere una copia valida di Windows 10 su Windows Store utilizzando un codice d'attivazione recuperato altrove (magari più a buon mercato rispetto allo store ufficiale)."

in che modo un codice di attivazione "recuperato altrove" è meno genuino di uno preso dallo store?

è un discorso senza senso proporre l'upgrade sperando che poi i pirati vadano a comprarsi un product key, visto che in giro ci sono già attivatori per w10 chi glielo fa fare
gpat30 Ottobre 2015, 17:15 #2
Praticamente avere un Windows 7 piratato è l'unico modo per impedire a Microsoft di infilarti il 10 giù per la gola..
HSH30 Ottobre 2015, 17:15 #3
beh se con 20€ si potesse avere una licenza lo farebbero in molti... è pagare più di cento euro che puzza.
Atom7330 Ottobre 2015, 17:48 #4
ma se uno oggi ha win 8.1 attivato pirata e prova l'aggiornamento cosa succede?
s0nnyd3marco30 Ottobre 2015, 18:03 #5
Il prossimo passo sara' mettere delle chiavette usb di windows 10 nel dixan?
axl6930 Ottobre 2015, 18:06 #6
Windows95, sei tu?
AleLinuxBSD30 Ottobre 2015, 18:12 #7
Piuttosto che agevolare le versioni piratate non avrebbe invece più senso consentire anche a chi ha edizioni precedenti Windows 7 di potere usare gratuitamente Windows 10?
macellatore30 Ottobre 2015, 18:15 #8
Ohi ohi regalano Windows,
povero mondo opensource
peronedj30 Ottobre 2015, 18:21 #9
Originariamente inviato da: macellatore
Ohi ohi regalano Windows,
povero mondo opensource


Lo regalano davvero... io avevo sul vecchio pc una copia retail di windows 8, poi passato al 10. Quando ho fatto il pc nuovo ho giustamente dismesso il vecchio pc e portato la licenza sul nuovo, ma windows non riusciva ad attivarsi. Ho chiamato il call center della microsoft, li per li non sono riusciti ad attivarlo, quindi che hanno fatto? Si sono sbattuti per riuscire ad attivarmi questo benedetto windows 10? No! mi hanno mandato via mail un nuovo product key di windows 10 pro , quindi adesso mi ritrovo con 2 licenze valide. Ottimo
macellatore30 Ottobre 2015, 18:36 #10
Mah, io dico che qualcosa è cambiato.
Vedremo se Linux riuscirà a conservare l'1%.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^