La Cina vieta Windows 8 sui computer governativi

La Cina vieta Windows 8 sui computer governativi

Windows 8 è vietato negli uffici governativi cinesi. L'interdizione è legata ufficialmente alla ricerca di una maggiore efficienza da parte dei computer utilizzati, tuttavia i motivi potrebbero essere ben più sottili

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:31 nel canale Sistemi Operativi
WindowsMicrosoft
 

La Cina non adotterà Windows 8 sui personal computer governativi. La decisione, che non riguarda in alcun modo le vendite sul mercato consumer, arriva a poco più di un mese dal cessato supporto a Windows XP dopo tredici anni di rispettabile carriera. Si tratta di un duro colpo per Microsoft, che ricava il 50% del fatturato generato in Cina proprio dai sistemi utilizzati dal governo.

Il divieto d'uso del più recente sistema operativo di Microsoft sembra dovuto, stando alle fonti ufficiali, alla ricerca di una maggiore efficienza energetica da parte dei sistemi usati dalle autorità governative cinesi, tuttavia l'agenzia di stampa Xinhua, citata da Reuters nel suo articolo, non fornisce ulteriori spiegazioni su come di fatto le novità possano avere effetti positivi sul consumo energetico.

L'interdizione sembra essere strettamente legata alla sospensione del supporto di Windows XP: l'obiettivo del divieto, infatti, potrebbe essere proprio quello di impedire che una situazione del genere possa insorgere nuovamente in futuro, alla fine del supporto di Windows 8 da parte del colosso di Redmond. In questo caso, i dati governativi tornerebbero ad essere vulnerabili e si dovrebbe procedere ancora una volta alla ricerca di un nuovo software, con relative spese reiterate nel tempo anche per quanto riguarda il comparto hardware.

"Siamo rimasti sorpresi nel vedere il riferimento a Windows 8 in questo avviso", ha comunicato la società. "Microsoft ha lavorato attivamente con il Central Government Procurement Center e altre agenzie governative nel processo di valutazione per garantire che i nostri prodotti e servizi soddisfino tutti i requisiti previsti dai governi".

I rapporti fra Microsoft e Cina non sono stati fra i più idilliaci in passato, e non sembra che lo diventeranno nel prossimo futuro. Prima di abbandonare la società, Ballmer aveva dichiarato che il fatturato di Microsoft in Cina fosse addirittura inferiore a quello ottenuto nei Paesi Bassi. Nonostante il numero di PC venduti sia paragonabile a quello degli Stati Uniti, infatti, le copie di Windows vendute in Cina appaiono in numero estremamente inferiore a causa della pirateria imperante che caratterizza il mercato cinese.

Non sembrano esserci relazioni con le accuse di spionaggio del Dipartimento di Giustizia americano nei confronti di cinque ufficiali cinesi della PLA (People's Liberation Army), in quanto annunciate solo ieri. Il divieto d'uso di Windows 8, invece, risale a circa una settimana fa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar21 Maggio 2014, 12:41 #1
Il problema non mi pare possa essere quello del termine del supporto, altrimenti avrebbero bloccato qualsiasi versione di Windows, non solo Windows 8.
Se dovessero installare Windows 7 infatti il supporto terminerebbe ancora prima, quindi l'ipotesi non si regge affatto in piedi.

Se invece si tratta di un abbandono di Windows in toto, allora è più comprensibile, con i cinesi che potrebbero decidere di adottare un sistema open (base linux?), risparmiando sulle licenze e avendo un maggior controllo sul sistema (il fatto che l'annuncio sia precedente quello relativo alle accuse di spionaggio non significa nulla, entrambe le questioni sono sicuramente sotto osservazione da un certo tempo).

Se il divieto è relativo esclusivamente a Windows 8, sarebbe interessante capirne il motivo.
s0nnyd3marco21 Maggio 2014, 12:42 #2
Il divieto d'uso del più recente sistema operativo di Microsoft sembra dovuto, stando alle fonti ufficiali, alla ricerca di una maggiore efficienza energetica da parte dei sistemi usati dalle autorità governative cinesi,


Modo politicamente corretto per dire "fuck NSA"?
Epoc_MDM21 Maggio 2014, 12:43 #3
Via anche Windows Server? Mi auguro non abbiano infrastrutture con SCCM o sarà alquanto divertente (per dirne una).
Tasslehoff21 Maggio 2014, 12:51 #4
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
Via anche Windows Server? Mi auguro non abbiano infrastrutture con SCCM o sarà alquanto divertente (per dirne una).
Beh tolto Active Directory (che comunque diventerebbe insignificante passando i client a sistemi operativi alternativi a Windows) non è che Windows Server serva poi a molto.
SQL Server è la cenerentola del mondo dbms, IIS è un webserver imbarazzante, Exchange meglio lasciar perdere per non sparare sulla croce rossa, Dynamics è un crm di nicchia, e per concludere .NET è la cenerentola delle piattaforme di sviluppo...

Non è un caso che, salvo partner MS o società che storicamente si sono formate su tecnologia MS, tutto il resto del mondo Windows Server lo utilizzi giusto come domain controller e poco altro...
Therinai21 Maggio 2014, 13:01 #5
Passeranno al "Sun Tzu os"?
lagoduria21 Maggio 2014, 13:06 #6
Originariamente inviato da: Therinai
Passeranno al "Sun Tzu os"?


Ma secondo come ci passo anche io. Difficilmente farà schifo come win8 XD
coschizza21 Maggio 2014, 13:07 #7
Originariamente inviato da: Tasslehoff
Beh tolto Active Directory (che comunque diventerebbe insignificante passando i client a sistemi operativi alternativi a Windows) non è che Windows Server serva poi a molto.
SQL Server è la cenerentola del mondo dbms, IIS è un webserver imbarazzante, Exchange meglio lasciar perdere per non sparare sulla croce rossa, Dynamics è un crm di nicchia, e per concludere .NET è la cenerentola delle piattaforme di sviluppo...


siamo su un sito di informatica , perche per forza cercare di diffondere le falsita come se poi ne avresti un tornaconto personale?
Non vuoi usare software MS? che problema c'è ma perche denigrare un sistema che funziona molto bene solo per portare avanti la solita guera di religione o perche semplicemente non si sa usare e non si conosce?

Le persone intelligenti usano i sistemi in base allo scopo finale alle funzionalita richieste e al budget non in base al fanatismo informatico (o almeno dovrebbero).
Epoc_MDM21 Maggio 2014, 13:09 #8
Originariamente inviato da: Tasslehoff
Beh tolto Active Directory (che comunque diventerebbe insignificante passando i client a sistemi operativi alternativi a Windows) non è che Windows Server serva poi a molto.
SQL Server è la cenerentola del mondo dbms, IIS è un webserver imbarazzante, Exchange meglio lasciar perdere per non sparare sulla croce rossa, Dynamics è un crm di nicchia, e per concludere .NET è la cenerentola delle piattaforme di sviluppo...

Non è un caso che, salvo partner MS o società che storicamente si sono formate su tecnologia MS, tutto il resto del mondo Windows Server lo utilizzi giusto come domain controller e poco altro...


Beh andando a morire la parte MS client, come hai giustamente sottolineato, andrebbe a scomparire la necessita di WServer.
Il mio discorso era più votato alla migrazione dell'infrastruttura già esistente, nonchè acquisto (o ri-acquisto) di svariate licenze.
SCCM al momento, lo ritengo il miglior sw di distribution e deploy massivo. Vogliamo parlare di Radia o Altiris?
coschizza21 Maggio 2014, 13:17 #9
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
SCCM al momento, lo ritengo il miglior sw di distribution e deploy massivo. Vogliamo parlare di Radia o Altiris?


io uso altiris ma sai perche? ci è stato regalato ma solo per quello altrimenti sarebbe davvero un solievo non usarlo.
pincapobianco21 Maggio 2014, 13:21 #10
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
Via anche Windows Server? Mi auguro non abbiano infrastrutture con SCCM o sarà alquanto divertente (per dirne una).


Anche SCOM

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^