Il nuovo sistema operativo di Google è Brillo e si basa su Android

Il nuovo sistema operativo di Google è Brillo e si basa su Android

Arriva da Google un nuovo sistema operativo per il mondo dell'oggettistica connessa ad internet. Deriva naturalmente da Android, ridotto all'osso per accettare hardware limitato

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:41 nel canale Sistemi Operativi
Google
 

L'ingresso diretto da parte di Google nel mondo dell'internet delle cose era scontato. La società ha annunciato Brillo, un nuovo sistema operativo per interfacciare il mondo degli oggetti ai dispositivi mobile, e WEAVE, una serie di API che si rivolge all'internet delle cose. Dopo Apple e Huawei, anche Google non può esimersi dal partecipare ad una categoria che coprirà miliardi di dispositivi nei prossimi anni.

Google Brillo

Google Brillo si basa su un kernel che deriva direttamente da quello di Android, ridotto naturalmente all'osso per poter essere integrato su dispositivi di piccolissime dimensioni non troppo capaci sul versante hardware. La scelta di mantenere Android si rivolge soprattutto alla semplificazione delle procedure di sviluppo da parte di produttori di device e, soprattutto, di SoC.

Ad interfacciarsi con Brillo, e non solo, troveremo WEAVE, una serie di API che servono a creare uno standard per le comunicazioni fra i dispositivi interconnessi. Google non ha ancora rilasciato particolari dettagli tecnici, se non che le API potranno essere utilizzate da qualsiasi produttore o sviluppatore, a prescindere dalla piattaforma. Brillo sarà lanciato come developer preview nel terzo trimestre 2015, mentre WEAVE entro la fine dell'anno.

Di recente Huawei ha annunciato LiteOS, un intero sistema operativo in 10kB per l'internet delle cose. Apple promuove già il suo HomeKit, anch'esso rivolto al mondo dell'oggettistica. E adesso si aggiunge Google, il cui interesse per il settore lo aveva già mostrato a più riprese in maniera più o meno diretta. L'IoT entrerà ben presto nelle nostre vite di tutti i giorni senza fare troppo clamore con un numero di dispositivi interconnessi che crescerà a dismisura nei prossimi anni, ed è ovvio che tutti i big si preparano alle nuove esigenze del mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7729 Maggio 2015, 16:49 #1
Complimentoni per il nome.
Simonex8429 Maggio 2015, 16:52 #2
no dai non può essere vero, questa l'ha inventata Nino per raccogliere qualche click
Flying Tiger29 Maggio 2015, 16:59 #3
Davvero, complimenti per il nome , chissà che geni del marketing hanno assunto per ricavare una roba simile....

Come si dice , se il nome è questo chissà il resto , una vera garanzia....

Mparlav29 Maggio 2015, 17:06 #4
Mio, day-one, con Google Brillo


Link ad immagine (click per visualizzarla)
demon7729 Maggio 2015, 17:15 #5
Seguiranno:

GOOGLE STORTO

GOOGLE BARCOLLO (ma non mollo)

GOOGLE BEVUTO

GOOGLE TAZZATO

GOOGLE RIBALTATO
geggino29 Maggio 2015, 17:40 #6

brilli saranno i poveri consumatori

In effetti bisogna essere un po' brilli per usarlo senza preoccuparsi del fatto che Google potrà sapere anche quante volte al giorno usate il wc ed inviarvi messaggi pubblicitari mirati sul display della bilancia che tengano conto di cosa avete cenato il giorno prima
mirkonorroz29 Maggio 2015, 17:58 #7
Sono a rischio di plagio.
MrBrill[B][U]i[/U][/B]o che dici?
LMCH29 Maggio 2015, 18:19 #8
Spero sia solo il nome in codice provvisorio.
Brillo è una marca di pagliette metalliche per la pulizia di pentole ecc. molto diffusa in USA e quelli gli faranno causa alla prima opportunità.
battilei29 Maggio 2015, 18:25 #9
Originariamente inviato da: Simonex84
questa l'ha inventata Nino per raccogliere qualche [COLOR="red"]click[/COLOR]

ero lontano 1 metro dal monitor, e ho letto "per raccogliere qualche [COLOR="Red"]dick[/COLOR]"

I casi sono 2:
1- devo mettere gli occhiali
2- passo troppo tempo su siti zozzi
3- entrambi
calabar29 Maggio 2015, 19:18 #10
All'inizio mi sono chiesto se fosse il sistema "brillo" o fossero in Google ubriachi, poi ho letto che si tratta di un sistema per IoT, non qualcosa che mirasse a sostituire Android.

Certo però che dire che deriva dal kernel di Android quando il kernel di Android è Linux...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^