Il comando Linux che mette k.o. alcuni portatili

Il comando Linux che mette k.o. alcuni portatili

Il comando rm -rf –no-preserve-root / può determinare la cancellazione di file necessari per avviare alcuni portatili Linux. Diverse segnalazioni diffuse in rete in relazione ai modelli MSI

di pubblicata il , alle 15:31 nel canale Sistemi Operativi
 

Il caso del comando di Linux potenzialmente in grado creare non pochi grattacapi a chi utilizza un portatile è partito a seguito della testimonianza di un utente del forum Arch Linux che segnalava l'impossibilità di avviare il notebook dopo aver inviato il comando rm -rf –no-preserve-root / (n.b. alla luce di quanto si dirà in seguito è altamente sconsigliato farlo).

Di per sè il comando non è in grado di danneggiare in maniera signficativa il portatile, limitandosi a cancellare l'installazione di Linux, tuttavia, su alcuni portatili - l'utente cita espressamente un portatile MSI - eseguendolo viene completamente cancellata anche la partizione di boot EFI dall'interno di Linux. Il risultato è presto detto: si corre il rischio di non poter più avviare il portatile.

L'utente che ha recentemente notato il problema afferma a riguardo:

Oggi io ed un mio amico abbiamo eseguito "rm -rf –no-preserve-root /" su un portatile MSI perché volevamo sbarazzarci della partizione di Arch piuttosto "bloated". Naturalmente avremmo potuto formattare solo la partizione di root e reinstallare Arch. Invece abbiamo pensato che sarebbe stato divertente osservare l'installazione di GNOME. Non siamo stati abbastanza stupidi da lasciare montate le partizioni importanti. Abbiamo smontato tutto tranne root (/)

Tra il materiale cancellato figura anche il contenuto della cartella  /sys/firmware/efi/efivars/  ovvero gli script e le informazioni necessarie affinchè il portatile possa avviarsi utilizzando lo standard EFI. L'impossibilità di trovare il firmware - che avrebbe dovuto essere di sola lettura - determina l'impossibilità di accendere il portatile. Il caso discusso in maniera piuttosto diffusa su GitHub mette in evidenza principalmente l'anomalia legata alla possibilità di cancellare un elemento come il firmware così importante per assicurare il corretto funzionamento del portatile.

E' corretto precisare che il problema, documentato in maniera abbastanza ampia in relazione ai portatili MSI, potrebbe riguardare anche prodotti di altri brand. Non si dispone di una casistica estesa, tuttavia, né si può procedere con prove empiriche visto il potenziale danno che si può causare al portatile. Alla luce dei potenziali rischi legati all'operazione, utilizzare una più innocua procedura di formattazione è un'operazione maggiormente consigliata.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

76 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wonder02 Febbraio 2016, 16:01 #1
Anche Format C: in DOS non faceva più avviare il PC. Non mi ricordo una News a tal proposito
linux_goblin02 Febbraio 2016, 16:06 #2
è leggermente diverso.....
qui sembra che sia possibile cancellare parte del bios e quindi la macchina non si avvierebbe più (non permettendo di reinstallare un sistema operativo)

errore di msi o di chi ha scritto il bios o di chi ha montato in read-write la partizione ?
Giouncino02 Febbraio 2016, 16:06 #3
mi sa che questo caso è diverso: una parte del BIOS efi viene cancellata ed il portatile non mostrerà più nulla a schermo.
con format C: reinstallavi tutto e non c'erano problemi, il BIOS non veniva intaccato
Rubberick02 Febbraio 2016, 16:11 #4
+ che altro è grave che venga esposta la partizione efi sulla rom interna o_O
Wonder02 Febbraio 2016, 16:13 #5
Veramente parla di una cartella
Tra il materiale cancellato figura anche il contenuto della cartella /sys/firmware/efi/efivars/

non del bios stesso che è scritto su una EEPROM rescrvibile
E poi
viene completamente cancellata anche la partizione di boot EFI dall'interno di Linux
si parla di partizione. Dove stanno per voi le partizioni? Certo non sul BIOS
E cmq il mio commento era sarcastico, non si doveva neanche prendermi sul serio
benderchetioffender02 Febbraio 2016, 16:26 #6
Originariamente inviato da: Wonder
Veramente parla di una cartella
non del bios stesso che è scritto su una EEPROM rescrvibile
E poi si parla di partizione. Dove stanno per voi le partizioni? Certo non sul BIOS
E cmq il mio commento era sarcastico, non si doveva neanche prendermi sul serio


il problema è che la eeprom è montanta nella cartella /Sys/firmware etc etc, come fosse una "chivetta usb"... peccato che in questo caso non fosse montata in una cartellain sola lettura, ma anche giustamente: di solito è una cartella di proprietà di Root, quindi da utente non la puoi toccare

nel momento in cui spegni il pc (e/o formatti blablabla.... quel che vuoi) la cartella è smontata quindi non esposta

si è una coincidenza bizzarra, come è una bizzarra coincidenza che uno lanci un comando del genere per dio!

il che fà anche capire l'onnipotenza assoluta di Root, che quindi và usato con cognizione di causa (dopo è pur vero che con UEFI son nati piu casini che problemi risolti rispetto i vecchi bios... ma tant'è

è un comando patchabilissimo (banalmente bastava aggiungere di smontare tutto prima di formattare) e la reale esigenza di usare normalmente questo comando è -ZERO-... quindi boh, è un caso, sfortunato, un semplice bug dato anche dalla relativa "novità" di UEFI
e non è nemmeno da escludere la responsabilità di MSI a lasciare i firmware così accessibili al software, in maniera trasparente...


E' corretto precisare che il problema, documentato in maniera abbastanza ampia in relazione ai portatili MSI, potrebbe riguardare anche prodotti di altri brand. Non si dispone di una casistica estesa

ma và? chi è il fesso che darebbe un comando del genere? 1 su 1 milione..

tuttavia, né si può procedere con prove empiriche visto il potenziale danno che si può causare al portatile. Alla luce dei potenziali rischi legati all'operazione, utilizzare una più innocua procedura di formattazione è un'operazione maggiormente consigliata.

anyway, credo sia possibile ripristinare con un aggiornamento del bios/uefi, quello dovrebbe ripristinare tutto
fano02 Febbraio 2016, 16:30 #7
In realtà in una macchina (U)EFI una parte del BIOS e file per permettere il boot sono sul disco primario nella prima partizione che è di solito di pochi MB; partizione che un sistema operativo come si deve non dovrebbe mai esporre all'utente... soprattutto NON in scrittura!

Poi diciamolo a fare "rm -rf /" un po' se la sono cercata
matrix8302 Febbraio 2016, 16:33 #8
Originariamente inviato da: Wonder
Veramente parla di una cartella
non del bios stesso che è scritto su una EEPROM rescrvibile
E poi si parla di partizione. Dove stanno per voi le partizioni? Certo non sul BIOS
E cmq il mio commento era sarcastico, non si doveva neanche prendermi sul serio


Usi Linux? cosi per sapere. /sys come /proc non sono vere cartelle ma virtuali. Sono ramfs con informazioni su hw e sistema montate per esportare strutture dati del kernel in userspace (oltre a ogni dato di ogni singolo hw installato tra cui anche la struttura delle partizioni, etc)
battilei02 Febbraio 2016, 16:37 #9
Originariamente inviato da: fano
In realtà in una macchina (U)EFI una parte del BIOS e file per permettere il boot sono sul disco primario nella prima partizione che è di solito di pochi MB; partizione che un sistema operativo come si deve non dovrebbe mai esporre all'utente... soprattutto NON in scrittura!

Poi diciamolo a fare "rm -rf /" un po' se la sono cercata

[I]
poettering commented Feb 1, 2016

To make this very clear: we actually write to the EFI fs in systemd. Specifically, when you issue "systemctl reboot --firmware" we'll set the appropriate EFI variable, to ask for booting into the EFI firmware setup. And because we need it writable we'll mount it writable for that.[/I]
https://github.com/systemd/systemd/issues/2402
benderchetioffender02 Febbraio 2016, 16:40 #10
Originariamente inviato da: fano
In realtà in una macchina (U)EFI una parte del BIOS e file per permettere il boot sono sul disco primario nella prima partizione che è di solito di pochi MB; partizione che un sistema operativo come si deve non dovrebbe mai esporre all'utente... soprattutto NON in scrittura!


no quella è una partizione (credo una copia) che si crea in fase di installazione del sistema operativo (tutti i sistemi che usano efi e GPT... win e osx pure la creano), altrimenti se si rompesse il disco rimarresti senza pc no? quindi quella è esponibilissima all'utente (se vuole far danni, ma non irreparabili)

in questo caso è diverso, e in ogni caso /sys non è per nulla esposta agli utenti (pippo, paperino etc etc) ma è solo di root, non a caso

Poi diciamolo a fare "rm -rf /" un po' se la sono cercata

su questo non c'è dubbio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^