Google smentisce i rumor sulla morte di Chrome OS

Google smentisce i rumor sulla morte di Chrome OS

Un dirigente di Google ha affrontato l'argomento all'interno di un post dedicato: Chrome OS non scomparirà, ma sarà probabilmente sempre più simile ad Android

di pubblicata il , alle 09:30 nel canale Sistemi Operativi
GoogleChromebook
 

La scorsa settimana il Wall Street Journal in un report scriveva che Chrome OS e Android sarebbero diventati una cosa sola nel 2017. La notizia è stata interpretata da più fonti come la possibile "morte" di Chrome OS, che avrebbe lasciato spazio alla piattaforma del robottino verde anche su desktop e mobile. Ma non sarà così, come tiene a precisare Hiroshi Lockheimer, Senior Vice President of Android, Chrome OS e Chromecast per Google.

"Nonostante abbiamo lavorato su nuovi metodi per consegnare in un unico prodotto il meglio dei due sistemi operativi, non c'è alcun piano di eliminare Chrome OS"

Il dirigente di Big G ha pubblicato prima un tweet, per poi affrontare la questione in maniera più approfondita sul sito ufficiale in un post dedicato: "Chrome OS non va da nessuna parte", ha scritto cercando di porre definitivamente fine alle speculazioni sulla novità. Precisando poi: "Nonostante abbiamo lavorato su nuovi metodi per consegnare in un unico prodotto il meglio dei due sistemi operativi, non c'è alcun piano di eliminare Chrome OS".

Google è dovuta correre ai ripari soprattutto per un motivo. La società ha un impegno della durata di cinque anni con i clienti che hanno acquistato un dispositivo basato su Chrome OS. Cinque anni in cui dovrà assicurare aggiornamenti automatici di sicurezza e feature sui dispositivi venduti, con il termine che pertanto è nel 2020 per i dispositivi venduti quest'anno. Anche se la società volesse eliminare il sistema operativo, semplicemente al momento non può farlo.

Quello che invece può fare è rendere Chrome OS sempre più simile ad Android, cercando di canalizzare il successo di quest'ultimo anche su desktop e notebook. Ed è un lavoro che ha già avuto inizio, con i due sistemi operativi che riportano differenze tangibili quasi esclusivamente sul piano dell'interfaccia utente. Lockheimer ha menzionato alcune delle recenti novità realizzate con quest'ottica, come Chromebook for Worko il porting di alcune applicazioni Android via App Runtime.

"Ma c'è ancora molto da fare", sottolinea, specificando le novità che possiamo aspettarci per il prossimo futuro, come un nuovo player multimediale, una nuova interfaccia utente basata su Material Design, maggiori performance e novità legate al mondo della sicurezza.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kamon03 Novembre 2015, 10:29 #1
Ha senso... Come microsozz intende spingere la piattaforma mobile con la compatibilità incrociata con i pc, google farà al conrario dato che rispetto a microsozz è forte sui cellulari e scarsa sui pc.
macellatore03 Novembre 2015, 10:37 #2
ROTFL si sono accorti che nessuno si era bevuto la storiella dell'OS unico,
e che tutti avevano correttamente interpretato la notizia come "fallimento miserabile di Chrome OS".

Necessario quindi smentire la storiella precedente.
calabar03 Novembre 2015, 11:19 #3
Originariamente inviato da: macellatore
... e che tutti avevano correttamente interpretato la notizia come "fallimento miserabile di Chrome OS".

L'unica pecca di questa teoria è che ChromeOS sta andando sorprendentemente bene oltreoceano, quindi non c'è alcun fallimento, tanto meno miserabile.

Certo, se ora vogliono fare il grande passo e cercare di erodere a Windows significative quote nel mercato consumer, allora devono cambiare qualcosa.
L'idea di avvicinare Chrome OS e Android è sicuramente una buona mossa, dato che per Android esistono tante applicazioni.
the fear9003 Novembre 2015, 14:28 #4
Mah, io non so perchè non abbiano realizzato un sistema operativo per PC già da 2 anni, dato che hanno avuto tutto il tempo per farlo.

Se google tira fuori qualcosa di decente per PC, mi aspetto un andamento delle quote di mercato analogo a quello tra IE e chrome. Occorre però che google faccia tutto il necessario a questo proposito, fin dall'inizio tutte le stampanti, schede video, periferiche etc. funzionino perfettamente sul suo sistema operativo, altrimenti fanno la fine di linux.

Per me già portare office, programmi CAD e photoshop sarebbe già un ottimo inizio.
kamon03 Novembre 2015, 14:46 #5
Originariamente inviato da: the fear90
Mah, io non so perchè non abbiano realizzato un sistema operativo per PC già da 2 anni, dato che hanno avuto tutto il tempo per farlo.

Se google tira fuori qualcosa di decente per PC, mi aspetto un andamento delle quote di mercato analogo a quello tra IE e chrome. Occorre però che google faccia tutto il necessario a questo proposito, fin dall'inizio tutte le stampanti, schede video, periferiche etc. funzionino perfettamente sul suo sistema operativo, altrimenti fanno la fine di linux.

Per me già portare office, programmi CAD e photoshop sarebbe già un ottimo inizio.


Non credo sia facile garantire una compatibilità del 100% con tutto senza investire cifre scandalosamente enormi, rischiando quindi di buttare tutti quei soldi al cesso qualora non si raggiungesse il successo sperato...
the fear9003 Novembre 2015, 15:01 #6
Originariamente inviato da: kamon
Non credo sia facile garantire una compatibilità del 100% con tutto senza investire cifre scandalosamente enormi, rischiando quindi di buttare tutti quei soldi al cesso qualora non si raggiungesse il successo sperato...


Microsoft l'ha fatto, con windows funziona tutto o quasi tutto. Ci vuole un piccolo investimento iniziale in modo da far funzionare almeno in buona parte periferiche e componenti hardware.

Ad avere ammazzato linux sono stati lo scarso supporto software e l'assenza di compatibilità con le periferiche, per non parlare del fatto che per installare dei programmi fuori dallo store occorre una laurea in ing informatica.
amd-novello03 Novembre 2015, 16:12 #7
Originariamente inviato da: the fear90
Microsoft l'ha fatto, con windows funziona tutto o quasi tutto. Ci vuole un piccolo investimento iniziale in modo da far funzionare almeno in buona parte periferiche e componenti hardware.

Ad avere ammazzato linux sono stati lo scarso supporto software e l'assenza di compatibilità con le periferiche, per non parlare del fatto che per installare dei programmi fuori dallo store occorre una laurea in ing informatica.


e le 340 distro, i vari DE, pacchetti differenti etc etc

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^