Debian 6.0, rilasciata una nuova release stabile

Debian 6.0, rilasciata una nuova release stabile

Il progetto Debian ha reso disponibile la nuova release stabile Debian 6.0

di pubblicata il , alle 16:55 nel canale Sistemi Operativi
 

Il rilascio di una nuova versione stabile di Debian è un avvenimento importante: i tempi di sviluppo, rilascio e testing di questo progetto sono particolarmente lunghi e il tutto è incentrato sulla stabilità, sulla sicurezza e sulla qualità del codice e delle applicazioni. È questo il motivo per il quale una nuova release del ramo stabile di Debian viene accolta con particolare interesse.

Le novità di Debian 6.0 sono ben visibili sin dal primo avvio: gli sviluppatori hanno affiancato all'ormai tradizionale installer testuale una nuova interfaccia grafica, elemento fino ad oggi mancante e già proposto da vari altri progetti. I fedelissimi di Debian potranno non gradire questa novità, ma è indubbio che la presenza di una GUI ne migliora l'usabilità e rende Debian avvicinabile anche da una maggior cerchia di utenti.

Per quanto riguarda i desktop sono ora disponibili GNOME 2.30, KDE 4.4.5 e XFCE 4.6. Anche in questo caso non siamo di fronte a interfacce aggiornatissime ma come già detto gli obiettivi del progetto Debian sono differenti. Anche per quanto riguarda le applicazioni previste ci sono novità: oltre a OpenOffice.org 3.2.1 e GIMP 2.6.11, in Debian 6.0 troviamo IceWeasel 3.5.6 e IceDove 3.0.11, due fork di Firefox e Thunderbird.

Il Kernel Linux adottato è il 2.6.32 ma novità di Debian 6.0, è la disponibilità di due port del kernel del progetto FreeBSD: Debian GNU/kFreeBSD per i sistemi a 32-bit (kfreebsd-i386) e a 64-bit (kfreebsd-amd64). Tra i software disponibili segnaliamo anche PostgreSQL 8.4.6, MySQL 5.1.49, GNU Compiler Collection 4.4.5, Apache 2.2.16 e Samba 3.5.6. Debian 6.0 può essere scaricato da qui.

Il rilascio di Debian 6.0 ha però sollevato anche alcune critiche online: ZDnet.com pubblica un articolo nel quale vengono evidenziate parecchie lacune relative al progetto. Debian 6.0 è accusata di non essere innovativa e di non proporre nulla di veramente nuovo. Il punto di vista di ZDnet è parecchio critico, forse anche troppo. Va considerato infatti che Debian ha tra i principali obiettivi quello della stabilità e della sicurezza, quindi preferisce offrire soluzioni più mature. Anche il target a cui si rivolge è ben differente da quello di altre distribuzioni Linux: Debian è presente in infrastrutture server di rilievo, è apprezzato da sistemisti e addetti ai lavori. Certo, l'installazione di Debian su un notebook o su altro PC con hardware aggiornato può essere problematica, ma siamo su campi di impiego ben lontano dai principali obiettivi del progetto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
unnilennium08 Febbraio 2011, 17:15 #1
debian è un progetto bellissimo, innovativo,ed è la madre di ubutu e tutte le derivate... il progetto è innovativo quanto basta. certo,se uno vuole la pappa pronta,allora ha sbagliato distribuzione. però quello che deve fare lo fa,e anche bene.se uno si cimenta nell'installazione, allora è bene che si documeti,e poi dovrebbe andare liscio liscio anche su un notebook o altro.
riuzasan08 Febbraio 2011, 17:21 #2
Ho appena finito di leggeer l'articolo di Zdnet ... le cose sono due: o non hanno capito a chi si rivolge Debian, oppure è il 1 di Aprile.
Oenimora08 Febbraio 2011, 17:25 #3
Per chi vuole qualcosa di più aggiornato, c'è la unstable e testing o, al limite, le tante derivate da Debian, a partire dal solito Ubuntu. Debian stable va bene così e in un server preferisco qualcosa di ben testato e collaudato.
AleLinuxBSD08 Febbraio 2011, 18:16 #4
Finalmente.
JackZR08 Febbraio 2011, 18:19 #5
Server --> Debian

PC --> Ubuntu

Cosa sfugge a quelli di ZDNet?
Rubberick08 Febbraio 2011, 18:41 #6
infatti, cosa non e' chiaro?

debian e' una distro orientata x server con ottima stabilita'...

per i pc con lastest drivers uno si mette ubuntu... (che deriva da debian)

o sempre in ambito server c'e' l'ottima ubuntu server
goldorak08 Febbraio 2011, 19:04 #7
Originariamente inviato da: JackZR
Server --> Debian

PC --> Ubuntu

Cosa sfugge a quelli di ZDNet?



Stupidate. Debian e' per coloro che vogliono poter personalizzare il sistema completamente. Quindi si puo' usare eccome per sistemi desktop. E ricordo che non esiste soltanto gnome, kde o xfce. Ci sono altri desktop environments (o windows managers) di indubbio valore e che non trasformano il desktop in un giocattolo fisher-price per utonti (vedi la prossima gnome shell ).
Ma chi usa gnome (una versione menomata) o chi usa kde (un simil-windows) ovviamente queste cose non le sa.
Inoltre chi non vuole sottostare al diktat di Shuttleworth, chi non accetta le sue idee estetiche (che copia pedissequamente da Apple), chi vuole un sistema flessibile. Per costoro Ubuntu e' da cestinare. Ubuntu e' l'Apple di linux.
Un disastro.
Infine, Ubuntu deve fare soldi per andare avanti, e certe scelte scellerate sono li'a dimostrarlo. Debian e' fatto da appassionati, non vincolati al dio denaro. Piccola ma fondamentale differenza.
Le distribuzioni pay vanno e vengono, Debian rimane. ^_^
WarDuck08 Febbraio 2011, 19:05 #8
Non è che Ubuntu sia proprio il massimo della stabilità... in confronto Arch è una roccia e per essere una rolling based...

@goldorak: intanto Ubuntu è una delle poche distro che ha cercato di innovare e che ha avvicinato l'utenza meno smalizata a Linux, su questo non ci piove.
goldorak08 Febbraio 2011, 19:13 #9
Originariamente inviato da: Oenimora
Per chi vuole qualcosa di più aggiornato, c'è la unstable e testing o, al limite, le tante derivate da Debian, a partire dal solito Ubuntu. Debian stable va bene così e in un server preferisco qualcosa di ben testato e collaudato.


Quindi e' un bene avere un pc con software instabile eh ? Buono a sapersi.
Debian va benissimo per server e desktop. A nessuno piace accendere il pc e vederlo crashare perche' un aggiornamento ha sputtanato un componente esenziale del sistema. Infine, si Debian ha software un tantino piu' conservativo rispetto ad Ubuntu, ma ci sono meccanismi per installare anche software aggiornato che non entra in conflitto con il sistema base. E poi Debian garantisce gli aggiornamenti di sicurezza che e' la cosa piu' importante.
La gente seglie Ubuntu perche' e' a prova di utonti, ma rimane comunque un sistema altamente instabile. A meno di non installare una LTS e anche li' e' meno stabile di una Debian stable. Altrimenti si trova a dover installare Ubuntu ogni 6 mesi con la nuova versione. Evviva la stabilita'. A questo punto e' meglio windows no ? ^_^
goldorak08 Febbraio 2011, 19:20 #10
Originariamente inviato da: WarDuck
@goldorak: intanto Ubuntu è una delle poche distro che ha cercato di innovare e che ha avvicinato l'utenza meno smalizata a Linux, su questo non ci piove.


Ed e' un bene ? Gente che non sa manco cosa sia il software libre ? Ma soltanto interessato al software gratuito ? Se e' cosi' possono installarsi una pletora di software freeware anche sotto windows eh. Io dico che questa "nuova" clientela non migliora la situazione di linux. Potra' in futuro costituire una base da cui prelevare $ ma a favore di Shuttleworth. Rivaluteri la mia opinione semmai Shuttleworth dovesse investire soldi chesso' per migliorare il sistema audio di linux etc... Cambiare tema del desktop ogni 6 mesi e la posizione dei bottoni chiudi, ingradisci etc... e far passare questo come innovazione e' una cosa ridicola.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^