Continuano le novità su Windows 10: rilasciata la build 15014 per PC e Mobile

Continuano le novità su Windows 10: rilasciata la build 15014 per PC e Mobile

Microsoft ha rilasciato una nuova versione beta di Windows 10 per gli utenti del canale Insider: ecco a voi Windows 10 build 15014

di pubblicata il , alle 13:31 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindowsWindows Mobile
 

È disponibile nel canale veloce degli aggiornamenti di Windows 10 Insider Preview una nuova release che porta il sistema operativo alla build 15014. L'update è disponibile sia su PC che su Mobile e segue i due aggiornamenti della scorsa settimana, riconoscibili con le build 15002 e 15007, che contenevano numerose nuove feature. Nonostante nessuna di queste versioni abbia raggiunto il canale lento, Microsoft ha rilasciato anche le ISO della build 15002 e un SDK per la 15003. Le novità della nuova build sembrano minori rispetto a quelle delle ultime due versioni, ma comunque le tre versioni di cui abbiamo parlato contengono le feature che troveremo sul prossimo Creators Update.

Windows 10 Creators Update è l'aggiornamento maggiore, il feature update come lo chiama Microsoft, previsto per la prima parte dell'anno (presumibilmente aprile). Fra le aggiunte più importanti di Windows 10 Insider Preview 15014 segnaliamo la possibilità di acquistare e-book direttamente dallo store, novità di cui avevamo parlato con anticipo.

Ecco il changelog completo, tradotto liberamente da quello ufficiale rilasciato da Microsoft:

  • Acquista e leggi e-book su Windows 10 Creators Update: gli Insider americani possono adesso comprare e-book direttamente da Windows Store e leggerli su Microsoft Edge.
    Dopo averli comprati verranno posizionati sulla libreria Books, una nuova voce su Microsoft Edge vicina ai preferiti, alla cronologia, ai download e alla reading list. Verranno aggiunti nuovi contenuti nel tempo, ma quelli disponibili oggi sono:
  • Esperienza di lettura interattiva: per navigare attraverso un e-book puoi utilizzare la tavola dei contenuti o la barra di ricerca nella parte bassa del browser. Puoi cercare parole o frasi e chiedere a Cortana di dare la definizione su alcune specifiche parole. È possibile vedere anche contenuti video e audio integrati nella pagina, salvare i segnalibri, leggere i libri quando non si è collegati ad internet.
  • Tool di apprendimento: puoi espandere la spaziatura del testo per migliorare la fluidità di lettura e beneficiare di trucchi tipografici per migliorare l'efficienza in lettura.
  • Personalizzato per te: Microsoft Edge è progettato per leggere contenuti digitali sui dispositivi Windows 10. Puoi creare esperienze di lettura tutte tue cambiando caratteri, dimensioni del testo, temi, controlli per la navigazione e molto altro.
  • Supporto agli EPUB: in aggiunta ai PDF e ai libri acquistati dallo Store puoi leggere ogni e-book non protetto nel formato EPUB su Microsoft Edge.
  • Interfaccia più chiara per la casella di ricerca su Cortana (PC): un nuovo aspetto estetico su cui si cercano pareri dagli Insider.
  • Notifiche con testo più grande su Cortana (PC): Cortana nelle notifiche e sull'Action Center è stata aggiornata per ottenere un trattamento visivo più coerente su tutto il sistema operativo con testo più grande e dal colore di risalto scelto dall'utente.
  • Seleziona il tuo colore di risalto personalizzato (PC): nelle Impostazioni del colore di risalto del sistema operativo c'è una nuova opzione che permette di selezionare qualsiasi colore e non solo quelli proposti di default.
  • Spazio liberato in automatico (PC): è stata aggiunta una nuova voce nelle Impostazioni di Storage che permette di liberarsi automaticamente di file che in realtà non servono. La stessa funzionalità è già presente per i file temporanei che non vengono utilizzati o per quelli che si trovano nel Cestino da 30 giorni. L'opzione è disabilitata di default.
  • Alcune impostazioni Wi-Fi (Wi-Fi Sense e Paid Wi-Fi Services) unite con altre nell'app Impostazioni
  • Nuova barra di selezione per il Risparmio energetico (PC): Microsoft sta lavorando sul miglioramento dell'autonomia operativa dei dispositivi Windows 10 e sul Creators Update vedremo un nuovo "slider" nella schermata apposita del systray che consente di abilitare rapidamente le modalità di Risparmio energetico senza perdersi fra le finestre di Windows. In futuro la barra potrebbe consentire di abilitare scenari con performance differenti, in modo da preferire le prestazioni massime o una durata della batteria superiore.

Windows 10 Insider Preview 15014 è disponibile per tutti gli utenti iscritti al Programma Insider e che hanno abilitato il canale veloce. L'installazione avverrà automaticamente, ma può essere anche forzata attraverso la schermata Windows Update delle Impostazioni del sistema operativo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
goku4liv20 Gennaio 2017, 13:40 #1
Io ho bisogno di un S.O. che posso decidere io quando si deve aggiornare e riavviare, non che lo fa lui di sua testa mandandomi a monte una cosa importante, poi ho bisogno di un S.O. che non sia sempre in phase beta, pronto a ricevere giga di patch ogni 2 giorni sto con win 7 fincheè moio fuck win 10
NeverKnowsBest20 Gennaio 2017, 13:50 #2
Originariamente inviato da: goku4liv
Io ho bisogno di un S.O. che posso decidere io quando si deve aggiornare e riavviare, non che lo fa lui di sua testa mandandomi a monte una cosa importante, poi ho bisogno di un S.O. che non sia sempre in phase beta, pronto a ricevere giga di patch ogni 2 giorni sto con win 7 fincheè moio fuck win 10

hai chiara tutta la situazione vedo, patch di giga ogni due giorni Windows 10 "sempre in fase di beta" sui 3 pc su cui lo ho installato è molto più stabile di 7 e 8.1
nickfede20 Gennaio 2017, 13:59 #3
Originariamente inviato da: NeverKnowsBest
hai chiara tutta la situazione vedo, patch di giga ogni due giorni Windows 10 "sempre in fase di beta" sui 3 pc su cui lo ho installato è molto più stabile di 7 e 8.1


ma non vedi dai discorsi che non sa minimamente di cosa sta parlando....
..è uno di quelli che ovunque legge MS comincia a sparare merd@ a prescindere......
CarmackDocet20 Gennaio 2017, 14:19 #4
gli aggiornamenti su win10 sono molto meno pesanti e frequenti che sui vecchi os ms.

certo, quando esce una major update si tratta di qualche centinaio di mega... ma è da considerare come fosse una vecchia service pack... solo che di quelle ne uscivano col contagocce (e ci si lamentava)... e poi via a rimettere tonnellate di micropatch.

comunque mediamente non mi sembrano più (o più pesanti) di quelli che rilascia Apple per MacOS.

Poi sul discorso di lasciar decidere all'utente come e quando farlo, concordo che occorrerebbe un pò di flessibilità.


mattewRE20 Gennaio 2017, 14:22 #5
Originariamente inviato da: NeverKnowsBest
hai chiara tutta la situazione vedo, patch di giga ogni due giorni Windows 10 "sempre in fase di beta" sui 3 pc su cui lo ho installato è molto più stabile di 7 e 8.1


solite questione: anche per me windows 10 sulla maggior parte delle macchine va benissimo, ma molti utenti hanno aggiornato (senza fare un'installazione pulita, magari partendo con un sistema già sporco) e si sono trovati computer peggio di prima. Inoltre ci sono casi, rari, di problemi di driver.

La questione aggiornamenti è fastidiosa rispetto agli altri sistemi operativi: Linux funziona bene (l'utente ha un vero controllo e si comporta, a mio parere in modo ideale) e OSX abbastanza (sta peggiorando perché gli aggiornamenti sono sempre più pesanti e frequenti).
In breve:
1) su windows avevano dichiarato di farli cumulativi, tuttavia (lavoro di sta mattina) anche partendo con l'ISO appena scaricata da MS li applica in due porzioni.
2) Spengo il computer e fa gli aggiornamenti praticamente obbligatoriamente (trovo solo Arresta e Aggiorna, Riavvia e Aggiorna). So ovviamente come fare se ho bisogno di uno shutdown puro, ma non è un sistema user-friendly. A volte un riavvio è necessario quando si fanno test durante lo sviluppo e si hanno problemi: riavviare su un SSD mi costa una manciata di secondi, più veloce che trovare e chiudere processi.
3) Le procedure di aggiornamenti sono lente sia in spegnimento (e vabbè, sia in fase di avvio (anche su macchine molto performanti). Anche solo una manciata di minuti in avvio può essere tempo prezioso perso in ambito lavorativo / domestico con necessità di fare operazione al volo. Anche su OSX sono lenti uguali, ma solitamente l'utente ha deciso volontariamente di farlo, quindi si suppone sia disposto ad aspettare. Windows di default li fa quando vuole lui.

In ogni caso, se non noti i problemi di come siano gestiti gli aggiornamenti su Windows probabilmente non hai modo di provare altri sistemi tipo Linux o OSX (che non sono / sono poco fastidiosi).
mitom20 Gennaio 2017, 14:22 #6
Originariamente inviato da: nickfede
ma non vedi dai discorsi che non sa minimamente di cosa sta parlando....
..è uno di quelli che ovunque legge MS comincia a sparare merd@ a prescindere......


Mah...per il primo annetto windows 10 è stato un cantiere a cielo aperto, se poi ci sommi le inevitabili noie derivanti da mille piccole incompatibilità con PC vecchi anche di 6-7 anni, e la fumera mediatica sui rischi di privacy ( come se google o apple non tracciassero le abitudini dei loro utenti...)

è chiaro che non tutti lo hanno percepito come un buon OS.

D'altro canto win10 è stata una operazione ambiziosa anche per M$, e non c'era da aspettarsi che dalla sera alla mattina tutto potesse funzionare e tutti potessero essere contenti.

Va però aggiunto che al momento il sistema è stabile, performante, e sta iniziando a dare il meglio di sé.

Ormai a spalare me**a su windows 10 ci sono rimasti quelli che di IT non ne capiscono niente e vogliono fare i sapientoni, (oltre a qualche sparuto hater che dice male per principio)
Ansem_9320 Gennaio 2017, 14:33 #7
Originariamente inviato da: mattewRE
solite questione: anche per me windows 10 sulla maggior parte delle macchine va benissimo, ma molti utenti hanno aggiornato (senza fare un'installazione pulita, magari partendo con un sistema già sporco) e si sono trovati computer peggio di prima. Inoltre ci sono casi, rari, di problemi di driver.

La questione aggiornamenti è fastidiosa rispetto agli altri sistemi operativi: Linux funziona bene (l'utente ha un vero controllo e si comporta, a mio parere in modo ideale) e OSX abbastanza (sta peggiorando perché gli aggiornamenti sono sempre più pesanti e frequenti).
In breve:
1) su windows avevano dichiarato di farli cumulativi, tuttavia (lavoro di sta mattina) anche partendo con l'ISO appena scaricata da MS li applica in due porzioni.
2) Spengo il computer e fa gli aggiornamenti praticamente obbligatoriamente (trovo solo Arresta e Aggiorna, Riavvia e Aggiorna). So ovviamente come fare se ho bisogno di uno shutdown puro, ma non è un sistema user-friendly. A volte un riavvio è necessario quando si fanno test durante lo sviluppo e si hanno problemi: riavviare su un SSD mi costa una manciata di secondi, più veloce che trovare e chiudere processi.
3) Le procedure di aggiornamenti sono lente sia in spegnimento (e vabbè, sia in fase di avvio (anche su macchine molto performanti). Anche solo una manciata di minuti in avvio può essere tempo prezioso perso in ambito lavorativo / domestico con necessità di fare operazione al volo. Anche su OSX sono lenti uguali, ma solitamente l'utente ha deciso volontariamente di farlo, quindi si suppone sia disposto ad aspettare. Windows di default li fa quando vuole lui.

In ogni caso, se non noti i problemi di come siano gestiti gli aggiornamenti su Windows probabilmente non hai modo di provare altri sistemi tipo Linux o OSX (che non sono / sono poco fastidiosi).


Il problema è che per noi del forum sappiamo queste cose.
L'utente medio invece blocca gli aggiornamenti a prescindere, poi da la colpa a MS se non vanno.
Morale: MS ha reso gli aggiornamenti obbligatori :/
mitom20 Gennaio 2017, 14:37 #8
Originariamente inviato da: Ansem_93
[...]
Morale: MS ha reso gli aggiornamenti obbligatori :/



ti dirò... gli aggiornamenti obbligatori mi può anche andare bene (riconosco che stante la situazione sono una necessità per M$, evitare danni di immagine)

però che il pc si riavvi così di punto in bianco mi pare un pochino eccessivo.

diciamo che il metodo di installazione ha bisogno di una bella messa a punto.
Riccardo8220 Gennaio 2017, 14:58 #9
a me quello che rompe le scatole è il download automatico e senza preavviso.

Da casa quando parte mi occupa il 100% della banda e non riesco più a fare alcuna query a DB.
Inoltre timeout a valanga sia con tool per il monitoraggio server o interventi in RD.

Quando sono in emergenza e Windows decide che ho assolutamente bisogno di scaricare mi tocca spegnere Windows Update Service.

E questo perchè non voglio usare gpedit.

Ma mi toccherà prima o poi..




cinaski3320 Gennaio 2017, 15:29 #10
Qui si parla di Insider Preview e chi aderisce è ben avvisato da MS di tutti i ritardi, della poca affidabilità possibile, delle schermate della morte blu e adesso verdi, e sconsiglia l'utilizzo a chi ha bisogno di un sistema stabile e non se la sente di formattare, nell'eventualità ci fossero problemi grossi, il sistema. Io personalmente ho aderito, l'ultimo aggiornamento insider 15007 mi manda in crash alcune app e ho ripristinato il precedente.
Quindi chi non ha voglia di tutto questo si fermi alle official.
Stesso discorso per OSX, che ho su altra macchina.
Per Linux i disagi si riducono molto. Gran bella roba...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^