offerte prime day amazon

Windows Vista: nuove tecnologie per gestire le patch

Windows Vista: nuove tecnologie per gestire le patch

Windows Vista: nuove tecnologie per applicare gli aggiornamenti

di pubblicata il , alle 14:25 nel canale Sicurezza
WindowsMicrosoft
 
Microsoft ha annunciato che nel prossimo sistema operativo Windows Vista sarà implementata una nuova tecnologia che migliorerà la procedura di aggiornamento.

Il nome in codice di questa feature è "Freeze Dry" e dalle poche informazioni disponibili dovrebbe funzionare nel seguente modo:
- salvataggio dei dati personali gestiti dall'applicazione da aggiornare
- esecuzione della patch
- restart dell'applicazione

Questa nuova funzionalità permette di salvaguardare i dati non salvati prima di un aggiornamento che, se in ambito home è gestito manualmente dall'utente, in altre realtà più complesse può far riferimento a sistemi automatizzati su cui il singolo ha scarso contollo.

A detta di Microsoft la tecnologia "Freeze Dry" permette di ridurre il numero di reboot necessari alle fasi di aggiornamento, e soprattutto consente di applicare una patch ritardando il successivo riavvio.
Questa operazione dovrebbe quindi consentire una aggiornamento di sistema "live", senza interruzioni forzate.

I dettagli di queste funzionalità offerte da Windows Vista saranno disponibili al momento del lancio ufficiale atteso per la fine del 2006.

Fonte: ZDNet.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Special05 Settembre 2005, 14:48 #1
consente di applicare una patch ritardando il successivo riavvio.

Ma io veramente già lo faccio con xp...
NoPlaceToHide05 Settembre 2005, 14:50 #2
Leggi bene

Questa nuova funzionalità permette di salvaguardare i dati non salvati prima di un aggiornamento che, se in ambito home è gestito manualmente dall'utente, in altre realtà più complesse può far riferimento a sistemi automatizzati su cui il singolo ha scarso contollo.
Motosauro05 Settembre 2005, 15:04 #3
Ed era anche ora direi
vale5605 Settembre 2005, 15:06 #4
Veramente per realtà automatizzate esistono prodotti MS come qchain e opzioni di lancio della patch che non impongono il reboot (mi sembra /Z), normalmente se si utilizzano sistemi automatizzati,come in azianda, si utilizzano anche questi accorgimenti
Motosauro05 Settembre 2005, 16:43 #5
Ok, ma per chi come me ha un server remoto al quale non posso accedere con facilità (tipo housing per intenderci) un sistema che non implichi il riavvio, senza usare switch e gabole varie, è una manna.

C'è anche da dire che a breve il mio server passerà ad una ruggente Suse 9.3 quindi il mio interesse è più che altro accademico
Octane05 Settembre 2005, 16:49 #6

Aggiornamenti automatici..

a quanto ho capito questo sistema dovrebbe inoltre, nel caso sia stata impostata l'applicazione ad una certa ora delle patch (es. di notte), di riavviare autonomamente la macchina e ripristinare le medesime cose che erano aperte prima del reboot.

Se fosse cosi' sarebbe un bel passo avanti
(quantomeno per gli utenti aziendali che non spengono mai i PC )
sirus05 Settembre 2005, 17:30 #7
bene, sono felice...cresce bene questo nuovo OS di MS, mi piacerebbe provarlo ma non sono iscritto a MSDN
sirus05 Settembre 2005, 17:31 #8

@ Motosauro

come mai proprio Suse 9.3 per un server???
ci sono distro più adatte per i server!!!
fine OT
Motosauro05 Settembre 2005, 17:53 #9

@ sirus

Ne sono convinto, ma ad essere capaci di usarle. Il mio Server mi tiene su tutti servizi personali. Non voglio diventare matto solo per far andare una cosa come voglio io. Faccio già una certa fatica con la Suse (sono un niubbino del linux)
Vince 1505 Settembre 2005, 18:43 #10
Si, è come ha detto Octane.

Infatti a parte quello che dice l'articolo, la funzione di Freeze Dry è proprio quella di salvare lo stato delle appliazioni (che non è semplicissimo), riavviare e riaprire tutte le applicazioni ripristinando lo stato.

Del tipo che se ho un documento excel aperto e modificato senza salvarlo, se il pc riavviasse da solo perderesti tutti i dati, mentre così ti ritrovi quello che stavi fancedo.


L'unica mia nota di disappunto sta nel fatto che mi piacerebbe avere questa funzionalità non solo per le patch fi microsoft, ma per tutti. Sarebbe bello poter riavviare e ritrovarsi le cose aperte in ogni caso... le patch non sono solo microsoft.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^