Verisign: potere di spegnere i siti malevoli

Verisign: potere di spegnere i siti malevoli

Verisign - società del gruppo Symantec - chiede all'ICANN la possibilità di inividuare siti che diffondono malware e phishing e rendere tali risorse irraggiungibili dal web

di pubblicata il , alle 08:09 nel canale Sicurezza
Symantec
 

Fa discutere la proposta di Verisign rivolta all' ICANN per velocizzare e snellire le operazioni di individuazione e chiusura di siti coinvolti in azioni di phishing o di distribuzione di malware. Verisign si farebbe carico della scansione dei domini .net, .com e .name e qualora venga rilevata qualche operazione malevola provvederebbe a rendere tale risorsa online irraggiungibile.

Sarebbe al momento in fase di definizione la procedura e gli ambiti di intervento, ma a sollevare ulteriori perplessità ci sarebbe un ambito di intervento ancor più ampio nel quale Verisign chiede carta bianca: la società americana chiede di fatto poteri per la neutralizzazione di siti web che potenzialmente comprometterebbero l'integrità dei DNS. L'ambito di questa azione pare abbastanza ampio e non circoscritto a precise situazioni che vedano coinvolto malware e phishing.

In USA la  EEF (Electronic Frontier Foundation) si è già espressa negativamente sottolineando come potrebbe rivelarsi pericoloso conferire a una singola organizzazione poteri così ampi. In linea di principio non viene messo in discussione l'obiettivo di Verisign: intervenire in modo rapido e tempestivo per limitare i danni di un possibile malware è un obiettivo importante. A essere messo in discussione è il ruolo di Verisign e il drastico potere di intervento che viene conferito a un'azienda privata, anche se ovviamente tale potere risponde a precisi accordi e protocolli stipulati con gli organi competenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala19 Ottobre 2011, 11:34 #1
E arriva lo stagista di turno, mette un punto e virgola da qualche parte nella lista e BOOOM tutto internet è bloccato.
Baboo8520 Ottobre 2011, 10:08 #2
Piu' che altro, ad un sito qualsiasi (come e' gia' successo) viene modificata la home page che fa scaricare il malware. Il sito viene oscurato e olleeeeee...



Tutta questa voglia di fare le cose passando sopra la legge mi fa girare i cogl**ni (vedi AGCOM che ora puo' chiudere i siti senza dover rendere conto a niente e nessuno).

Anche io vorrei chiudere come fanno loro.........ma la mia mano, a forma di pugno, sulla loro faccia...
Willy_Pinguino20 Ottobre 2011, 10:27 #3
comunque la "EEF (Electronic Frontier Foundation)" credo sia EFF, almeno a giudicare quello che c'è scritto tra parentesi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^