Un paio di jeans firmato Norton per proteggersi da nuove minacce

Un paio di jeans firmato Norton per proteggersi da nuove minacce

RFID e NFC potrebbero mettere a rischio i dati gestiti su smartphone o su altri dispositivi. Per questa minaccia la protezione si applica direttamente ai vestiti con tasche appositamente schermate

di pubblicata il , alle 12:51 nel canale Sicurezza
 

Abbiamo più volte scritto come il concetto di sicurezza informatica vada sempre più esteso e oggi non rigurdi più il solo mondo del PC; i nuovi ambiti sono quello mobile e in un futuro non troppo lontano quello dell'IOT (internet of Thinghs). C'è però un progetto nel quale è coinvolta Norton, che intende alzare ulteriormente l'asticella ed estende la necessità di protezione informatica anche all'abbigliamento.

Una sorta di antivirus per giacca e pantaloni? L'idea fa sorridere, ma approfondendo l'argomento si può immaginare, forse, un possibile nuovo scenario di rischio reale. Proviamo ad entrare nel merito dell'argomento. È un fatto assodato che il numero di smartphone presenti sul mercato e nelle tasche degli utenti sia in costante aumento, con la diretta conseguenza che su tali dispositivi vengano conservate sempre più informazioni importanti e sensibili.

Tablet e smartphone dispongono ovviamente di connessioni wireless di vario tipo, ma sono anche sempre più diffusi dispositivi dotati di tecnologie RFID/NFC e proprio su quest'ultimo aspetto si occupa il progetto al quale facciamo riferimento. NFC e RFID vengono considerati dai creatori del progetto come il prossimo obiettivo dei criminali informatici per mettere in atto azioni malevole e furto di informazioni.

Si parte infatti dal presupposto che con il modulo NFC attivo il dispositivo mobile possa divenire vulnerabile: un apposito scanner gestito in prossimità del nostro smartphone potrebbe mettere a rischio i nostri dati. Il progetto di crowdfunding vede coinvolti Betabrand e Norton con l'obiettivo di offrire protezione all'utente anche in questo ambito. Ma come è possibile fare ciò? Non intervenendo sul dispositivo bisogna fare in modo che un eventuale scanner o altro dispositivo non sia in grado di interagire con il modulo RFID/NFC e per farlo si è scelto di inserire un apposito materiale schermante nella fodera delle tasche.

Norton è quindi partner di un progetto che prevede la creazione di jeans e altri indumenti dotati di tasche protette per questa specifica minaccia denominata digital pickpocketing. La minaccia non riguarda il solo smartphone con NFC ma qualsiasi altro dispositivo al cui interno sia integrata una soluzione RFID e Betabrand pone l'attenzione anche nei confronti di carte di credito, passaporti o oggetti simili.

A parte il progetto di Betabrand e Norton, è comunque interessante tenere sott'occhio questo nuovo e possibile ambito della sicurezza informatica dal quale potrebbe davvero emergere la necessità di creare un set di accessori (custodie, cover e simili) in grado di proteggere l'utente da questa nuova minaccia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
paulgazza17 Dicembre 2014, 13:00 #1
ho già visto i portafogli schermati per le carte di credito nfc
htpci17 Dicembre 2014, 13:14 #2
c'e' rocco in agguato????
Radioactive17 Dicembre 2014, 13:55 #3
Norton jeans security ha rilevato un malware Pene.exe
Il malware è stato messo in quarantena.

DOH!!!
sniperspa17 Dicembre 2014, 14:01 #4
Ci ho messo un mese io a capire perchè mi uscisse un errore di lettura ogni volta che appoggiavo il cellulare al portafoglio
Santomarco17 Dicembre 2014, 14:09 #5
Originariamente inviato da: Radioactive
Norton jeans security ha rilevato un malware Pene.exe
Il malware è stato messo in quarantena.

DOH!!!


ahahahhahahahahahahaha
bobafetthotmail17 Dicembre 2014, 17:49 #6
preparo i popcorn per quando si renderanno conto che con quelle tasche puoi taccheggiare in modo professionale come un vero zingaro.

Per dire, gli antitaccheggio usano la stessa tecnologia.
marco_18217 Dicembre 2014, 19:57 #7
Con tutti i sistemi tecnologici che potevano inventarsi, proprio un paio di jeans?

Sarebbe stato più carino se avessero direttamente progettato le cover a libro per smartphone, completamente schermate, ma resta un problema di fondo:
Voi avete mai visto qualcuno con il telefono in tasca o con la cover chiusa? No, ce l'hanno tutti in mano mentre camminano, mentre guardano la televisione, mentre giocano, mentre trom***o, mentre dormono, mentre si lavano, mentre studiano.
L'unico momento in cui non ce l'hanno in mano è quando sono all' euroni**, unie***, mediawor** che ne tengono in mano uno del reparto telefonia.

Che poi scusatemi, ma se un eventuale "ladro di identità" con un minimo di cervello volesse fregare dei dati sensibili, come minimo lo scanner lo mette in luoghi dove sa che avete il telefono in mano (bar, sottocasa, discoteche, supermercati e così via) mica si inventa di mollarlo in autostrada sperando di agganciare qualcuno che passa a 120 orari (ovviamente col telefono in mano a chiamare, giusto per aggiungere un'altro esempio )
bobafetthotmail17 Dicembre 2014, 21:21 #8
le tecnologie NFC e RFID sono a cortissimo raggio. Di fatto pochi centimetri. è più plausibile un contatto con uno smartphone nella tasca nelle situazioni tipiche da borseggio/sgamo portafogli (tanta gente tutta stipata) che uno che passa con uno scanner a pochi centimetri da uno smartphone tenuto in mano senza farsi vedere (oh, che ci sono i prestidigizirizzzatori che fanno cose del genere ma siamo ad un livello di abilità elevato).

Resta pesantemente più intelligente disattivare queste tecnologie e attivarle solo alla bisogna, come col bluetooth del resto.
Dinofly18 Dicembre 2014, 00:35 #9
Il digital pickpotecketing
Quello di AC

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^