'Si vis pacem para bellum', Lycos contro lo spam

'Si vis pacem para bellum', Lycos contro lo spam

Se vuoi la pace preparati alla guerra, potrebbe essere questo il messaggio di fondo del nuovo strumento di Lycos che cerca di rallentare i server da cui proviene lo spam

di Filippo Menolascina pubblicata il , alle 11:32 nel canale Sicurezza
 

“Se vuoi la pace preparati alla guerra”, con questo gioco di parole, classico espediente divinatorio, l’oracolo di Delfi metteva in guardia chi cercava l’aiuto dei numi per raggiungere la pace. Secoli sono passati da quei pellegrinaggi più o meno famosi, eppure, come spesso accade, quelle massime rimangono sempre valide.

Nell’era digitale, dell’automazione spinta, del dominio assoluto dell’informazione e dell’immagine, a minacciare l’uomo non è più soltanto la violenza materiale ma, anche e purtroppo, quella mediatica.

Lo spam, l’azione di disturbo che usa le caselle di posta elettronica per recapitare messaggi commerciali indesiderati, è considerato una delle piaghe più laceranti della rete; si calcola che i danni economici (in termini di calo della produttività) alle sole grandi aziende americane possano assumere proporzioni tali da essere paragonati al bilancio di uno stato del terzo mondo.

Numerose software house hanno proposto al mercato soluzioni più o meno valide per la lotta allo spam. Purtroppo, trattandosi di strumenti spesso “empirici”, l’affidabilità di tali applicativi risulta piuttosto relativa, soprattutto se si considera la strabiliante capacità degli spammers nell' adottare contromisure sempre più efficienti degli strumenti a disposizione dell’utente. I "cattivi" possono anche contare su ritorni d'investimento molto elevati, tali introiti possono essere spesi nell'adozione di nuove risorse e nuove tecnologie.

A difesa degli “abitanti della rete” sono intervenuti interi dipartimenti di ricerca delle università di tutto il mondo che hanno trovato nell’uso di reti bayesiane, uno strumento valido e, soprattutto, capace di adattarsi a contesti operativi sempre nuovi (per approfondimenti sulle reti bayesiane è possibile consultare questi link: progetto Intel Open Source ML, link1 e link2 ). Tuttavia è ancora troppo presto per parlare di risultati soddisfacenti ed ache le soluzioni proposte dai big della sicurezza informatica sono abbastanza deludenti.

Alcune proposte si basano su sistemi che prevedono la gestione di "white list" o di autenticazione del mittente (ne abbiamo parlato qui), purtroppo tali tecniche tendono a limitare la libertà e la flessibilità a cui ormai la posta elettronica ci ha abituato.

In questa polverosa “arena” scende Lycos al grido di “Infastidisci uno spammer!”. Lo slogan è assai esplicativo ma, tuttavia, potrebbe non rendere giustizia ai veri intenti del suo autore.

Nota azienda impiegata nella fornitura di servizi web, Lycos ha deciso di fornire agli utenti uno strumento in grado di difenderli dagli spammers ripagando questi con la loro moneta: lo SPAM.

Di fatto lo screen saver (scaricabile a questo indirizzo) dialoga con un server Lycos che genera una serie di richieste dirette ad una lista di server contenuti in una black list; ogni utente può contribuire ad aggiornare il punteggio dei vari spammer in base alla mole di messaggi indesiderati ricevuti, tale rating concorre ad aumentare o diminuire le richieste inviate allo "spam-server".

Evitando l’uso di eufemismi, si potrebbe tranquillamente parlare di un attacco Distributed Denial of Service (DDoS) (i cui autori, però, sono noti almeno quanto gli obiettivi) ai danni dei domini da cui partono le mail di spam. L’obiettivo dell’attacco, tuttavia, non sarebbe quello di rendere inattivi i server incriminati, ma di creare problemi di saturazione banda, così da aumentare i costi di mantenimento di queste “attività”.

Lycos dichiara che il proprio sistema è tarato per creare un sensibile rallentamento ai server oggetto del "bombardamento" di richieste, lungi quindi la consapevole gestione di un attacco.

Certo, fa uno strano effetto osservare un intento così “belligerante” tradursi in un disclaimer in cui si avverte l’utente che Lycos non è responsabile dei danni eventualmente creati dal software. L’idea del gestore del famoso portale è sicuramente originale e soltanto il tempo sarà in grado di dire quanto essa possa aiutare gli utenti a migliorare la qualità della propria “vita virtuale”.

In merito alla questione Lycos, in rete si stanno sollevando parecchie discussioni circa l'opportunità di tale iniziativa, i primi effetti del fastidio arrecato agli spammer forse ci sono già stati infatti infatti pare che il sito Makelovenotspam.com abbia subito un defacement come riportato a questa pagina.

Qualche obiezione è stata pure sollevata sulla gestione della criticissima "black list", infatti Lycos è tutt'altro che una struttura super-partes ed il dubbio che possa utilizzare questo strumento per avvantaggiarsi commercialemente sui propri concorrenti, non è così remoto.

Altri acuti osservatori fanno notare che le richieste web generate da Lycos sono ulteriore spazzatura piazzata in rete, il cui effetto immediato sarà un aumento di traffico sulle dorsale che in qualche modo si tramuterà in un aumento dei costi di connessione.

“Ostendite modo bellum, pacem habebitis”: “Mostrate di essere pronti alla guerra ed avrete la pace”. Così il Manlio di Livio incitava il popolo affinché mostrasse la propria forza senza, per questo usare violenza…chissà se questa frase non possa riuscire nell’impresa già affrontata con successo dall’oracolo di Delfi: varcare i limiti del tempo per far riflettere l’uomo che pensa a “stati logici”, 0 o 1.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Max Power01 Dicembre 2004, 11:48 #1
DevilsAdvocate01 Dicembre 2004, 11:51 #2
Sara' pure al limite della legalita', generera' pure altra "fuffa" in rete, ma fintanto che non si scopre
che Lycos se ne approfitta (cosa non accertata)
ripaga gli spammers con la loro stessa moneta.
Vuoi mettere che goduria? Mi domando perche'
non ci abbia pensato prima il governo di qualche
nazione, i truffatori "boicottati" dagli utenti
stessi, costo 0 risultati tanti.
haranban01 Dicembre 2004, 11:51 #3

Vir bonus dicendi peritus

Questa commistione tra Hi-tech e lingue classiche è fantastica.
Il prossimo articolo lo voglio tutto in latino.
Ad majora
Haranban
marck7701 Dicembre 2004, 12:06 #4
Mah... sono piuttosto perplesso riguardo a queste forme di attacchi... mi ricordano un pò la guerra di Bush in IRAQ... Non si risponde alla guerra con la guerra (sebbene ovviamente in questo caso non ci sia in ballo la vita di nessuno, beninteso). Preferisco limitarmi a NON CLICCARE mai un link ricevuto attraverso lo SPAM nè tantomeno a leggerne il contenuto; in fondo lo spam è pubblicità che si ripaga con le vendite: Se nessuno compra non ci saranno più soldi per spammare. Trovo questa seconda forma di lotta molto più efficace.
gpc01 Dicembre 2004, 12:11 #5
Fichissima 'sta cosa...
Ma quando parte il computer, al posto della schermata di avvio di Windows, compare anche "Ave Cesare, morituri te salutant"?
prova01 Dicembre 2004, 12:14 #6
Vero: GRAN bell'articolo e complimenti al nuovo arrivato.

Tra l'altro mi sono fatto una veloce ripassata di latino che dai tempi del liceo giace in disuso.

Chi ha mai visto Brian di Nazareth in quella bellissima gag col filisteo che scrive su un muro:
Romanes eunt domus

e la guardia romana che lo insulta perchè è sballata grammaticalmente? : D
DevilsAdvocate01 Dicembre 2004, 12:36 #7

x marck77

Se nessuno compraSSE non avrebero piu' i soldi per
spammare. Fatto sta che comunque qualche poveraccio lo
pescano sempre, e , truffandolo (perche' sono truffe
nel 90% dei casi) ci si ripagano.

Qualcun altro ha gia' ricevuto la mail della
E-mail lottery (dalla fondazione royal piripicchio
pitturello) che dice che avete vinto 750000 Euro?
(a volte 1 milione....). Avete notato che
viene dall'olanda (NL) nella lettera, arriva da
tiscali.fr e l'email del tipo in questione e' sotto
il dominio netscape.net ? Beh, e' una bufala,
non avete vinto nulla, ma se contattate il tizio
in questione:
-verrete informati che i soldi ci sono, ma per
sbloccarli dovete pagare una modesta cifra. (Eh...)
-Il vostro indirizzo verra' aggiunto a molte altre
liste di spam.
regenesi01 Dicembre 2004, 12:42 #8

x Prova & Brian di N.

e che dire di Marco Pisellonium o sua moglie Incontinentia Deretana ?
Quella volta quasi ci lascio le penne dal ridere....
Motosauro01 Dicembre 2004, 12:52 #9
E tu BVian saVesti un Vomano?
***
TVoate foVse Visibile il nome del mio amico
MaVco Piselonio?

Da pisciarsi sotto dal ridere
un pò stucchevole la parte con le astronavi
magilvia01 Dicembre 2004, 13:04 #10
Non sono affatto daccordo con questo tipo di lotta. Prima di tutto il costo non è affatto zero ma il magigor traffico generato da questa iniziativa rallenterà internet PER TUTTI e in quel caso non potremo neanche dare la colpa agli spammers!
Secondo supponete che per sbaglio il server di una ditta innocente vada a finire nella blacklist (come se non fosse mai successo) sapete quanti danni si rischia di provocargli?
Metodi di questo tipo sono un'autorete e come ha detto qualcuno somigliano molto alla guerra di Bush

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^