Ricerca Microsoft, ecco il punto sulla sicurezza

Ricerca Microsoft, ecco il punto sulla sicurezza

Microsoft analizza i dati raccolti dal suo security intelligence report e mette sotto la lente di ingrandimento i risultati della ricerca

di pubblicata il , alle 15:20 nel canale Sicurezza
Microsoft
 

Uno dei problemi più gravi che ha afflitto, sin dalla sua origine, ogni sistema operativo Windows è sicuramente rappresentato dalla sicurezza. Si parli di malware, di trojan o più genericamente di virus, Microsoft si è sempre trovata in prima linea nella battaglia per rendere le proprie soluzioni più sicure e prive di falle.

Grazie al SIR, acronimo di Security intelligence report, sviluppato dal colosso di Redmond, consultabile in modo completamente gratuito e dettagliato al seguente indirizzo (il collegamento punta ad un PDF da 12MB), ogni utente può capire, nel dettaglio, quale sia l'andamento non solo delle vulnerabilità ma anche dei malware e del software potenzialmente dannoso.

istogramma vulnerabilità

Sintetizzando le 150 pagine di analisi, i dati più importanti riguardano le vulnerabilità del sistema operativo, che, rispetto alla prima metà del 2007 sono scese di circa il 19%, nonostante, rispetto alla seconda metà del 2007, quelle considerate di alto livello hanno fatto registrare un aumento del 13%, rappresentando così un 48% del totale vulnerabilità.

grafico malware

Al momento, secondo quanto riportato da Microsoft stessa, il più comune pericolo per ogni utente Windows è rappresentato da Trojan, downloader e dropper, che rappresentano un 30% del totale mondiale.

Diffusione mondiale

Un altro elemento interessante dell'analisi è la geolocalizzazione del "tasso di infezioni" riportato con il metodo chiamato CCM, che riporta il numero di computer scansionati dal tool maliciuos software removal su un campione di mille esemplari. I dati mettono in luce come nei paesi in via di sviluppo e tecnologicamente meno avanzati, il tasso di infezione sia drasticamente superiore. Isola felice, seguendo la mappa, risulta essere il Giappone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

257 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
D3stroyer04 Novembre 2008, 15:36 #1
lol, giappone 0 ovunque?
Nemios04 Novembre 2008, 15:44 #2
Tra cina e russia c'è una regione dove gli utenti paiono particolarmente sprovveduti... che mongoli!
.Kougaiji.04 Novembre 2008, 15:47 #3
Grande il giappone!
wlog04 Novembre 2008, 16:05 #4
purtroppo però le intrinseche debolezze di windows non si potranno mai risolvere... E' vero che l'approccio *nix costringe a sacrificare del parco software ma permette certamente un livello di sicurezza qualitativamente superiore...
Visron04 Novembre 2008, 16:14 #5
Originariamente inviato da: wlog
purtroppo però le intrinseche debolezze di windows non si potranno mai risolvere... E' vero che l'approccio *nix costringe a sacrificare del parco software ma permette certamente un livello di sicurezza qualitativamente superiore...
nn sai come sarei curioso di vedere gli hacker ed i produttori di antivirus che iniziano a mettere le mani su Osx e Linux se questi 2 OS iniziassero ad avere almeno un 10-15% a testa di Market Share mondiale ( ora Mac 8% e Linux 3%) per iniziare a scrivere seriamente malware anche sfruttando Social Engineering su cui raggirare la gente per installarlo .. nn sai che grasse risate verrebbero fuori ...
killer97804 Novembre 2008, 16:19 #6
noi siamo messi mejo rispetto al resto d'europa , tranne germani e paesi scandinavi!!! pensavo peggio, e cmq USA e Francia stanno peggio di noi
piccolokin04 Novembre 2008, 16:19 #7
In Giappone la mattina anche i PC prima di accendersi e lavorare fanno mezzora di stretching, cosa credevate!!
piccolokin04 Novembre 2008, 16:25 #8
P.S.: l'Italia non fa testo, nessuno ha il SO originale e tutti i pc hanno gli aggiornamenti automatici disattivati: le statistiche raccolte si riferiscono a quei pc che escono nativi con windowsvista, vengono accesi, collegati alla rete da vergini per aggiornarsi e poi format e xp!!
wlog04 Novembre 2008, 16:33 #9
Originariamente inviato da: Visron
nn sai come sarei curioso di vedere gli hacker ed i produttori di antivirus che iniziano a mettere le mani su Osx e Linux se questi 2 OS iniziassero ad avere almeno un 10-15% a testa di Market Share mondiale ( ora Mac 8% e Linux 3%) per iniziare a scrivere seriamente malware anche sfruttando Social Engineering su cui raggirare la gente per installarlo .. nn sai che grasse risate verrebbero fuori ...


è vero che linux ha una percentuale di share decisamente contenuta, e non è pronto ancora per un user desktop esigente, ma la maggior parte dei bersagli piu appetitosi agli occhi degli hacker, come server database o centri di elaborazione, usano linux come sistema operativo. Quindi non è assolutamente vero che linux non è sotto gli occhi di "esperti di sicurezza molto motivati".
Nemios04 Novembre 2008, 16:37 #10
Originariamente inviato da: Nemios
Tra cina e russia c'è una regione dove gli utenti paiono particolarmente sprovveduti... che mongoli!

Non l'ha capita nessuno...
Oppure era veramente brutta...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^