Preferite uscire di casa senza mutande o rivelare la vostra password?

Preferite uscire di casa senza mutande o rivelare la vostra password?

Questa strana statistica è stata effettuata da Kaspersky Lab che ha condotto una ricerca in chiave ironica (ma non troppo) per scoprire le abitudini degli utenti su internet. Ecco cosa hanno risposto

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Sicurezza
 

L'indagine "Passwords are like underwear" è stata riportata ormai su più fronti sul web. È stata condotta da Kaspersky Lab in collaborazione con l'Institut Français D'opinion Publique per indagare sulle abitudini degli utenti internet per quanto riguarda la scelta e la frequenza con cui sostituiscono le password, paragonando i dati raccolti alle consuetudini di utilizzo degli slip. La società di sicurezza, che spesso utilizza toni ben più seri, ha volutamente utilizzato un approccio ironico al fine di sensibilizzare tutti gli utenti, anche quelli meno attenti all'aspetto della sicurezza, sulle regole di base di "igiene personale nella vita digitale".

Di seguito riportiamo i risultati principali, così come comunicati da Kaspersky:

  • In media, il 26% degli intervistati ha ammesso di aver condiviso le proprie mutande con familiari o amici e di essere disposto a rifarlo. Tuttavia, il 44% di questi ha ammesso di aver già confidato a qualcuno le proprie password.
  • Il 71% degli intervistati ha dichiarato che se avesse dovuto scegliere tra condividere con un conoscente le proprie password o le proprie mutande avrebbe sicuramente scelto le password.
  • Mentre l'87% degli intervistati cambia le mutande tutti i giorni, quasi il 50% degli europei cambia le proprie password meno di due volte l'anno e in alcuni casi non lo fa mai.
  • Il 73% degli intervistati ha più paura di scoprire che qualcuno ha avuto accesso alle proprie informazioni personali online e ai dettagli degli account non protetti da password che uscire di casa senza mutande.
  • Il 22% degli europei crede di avere più password che mutande.

Dietro all'approccio puramente ironico si cela una tematica particolarmente delicata, e l'uso di questi toni aiuta a catturare l'attenzione di quegli utenti meno esigenti sul piano della sicurezza. Si scopre però che la loro noncuranza non è legata a disinteresse visto che molti, circa il 73% degli intervistati, ritengono che sia più importante la sicurezza dei propri dati e dei propri segreti online rispetto a quella delle proprie parti intime.

Il 65% degli italiani preferisce lasciare esposte le proprie informazioni private online piuttosto che mostrare i gioielli di famiglia

Ha commentato così Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia: "Tendiamo a pensare che le password non ci proteggano veramente e che esse siano solo fastidiosi requisiti ideati dagli esperti IT per farci credere che le nostre credenziali siano al sicuro. La verità è che i criminali informatici sono pronti a dedicare molto tempo e denaro per cercare di rubare le password che proteggono alcune delle nostre informazioni più riservate. Lo studio che abbiamo condotto in collaborazione con IFOP è interessante perché illustra chiaramente gli atteggiamenti complessi e contraddittori che le persone hanno verso le password. Alcune informazioni possono essere estremamente private o confidenziali, mentre altre potrebbero non essere di alcun interesse per le altre persone. Il loro valore dipende dal modo in cui possono essere utilizzate. Preferiamo correre il rischio di esporre le nostre vite private piuttosto che attenerci alle linee guida per proteggerci. Ma in molti casi per rimanere al sicuro basta seguire poche e semplici regole di base. Ad esempio, le password non sono fatte per essere condivise, non dovrebbero essere esposte alla vista altrui e dovrebbero essere cambiate regolarmente, proprio come le mutande".

Kaspersky ribadisce quindi le tre regole fondamentali per mantenere al sicuro le proprie password:

  1. Cambiarle spesso, ma non così spesso come le mutande
  2. Non condividerle, gli italiani sono fra gli utenti che lo fanno più spesso
  3. Non mostrarle, neppure in privato

Anche nell'ultimo punto noi italiani siamo un po' in controtendenza: il 65% dei nostri connazionali preferisce lasciare esposte le proprie informazioni private online piuttosto che mostrare i gioielli di famiglia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sopress01 Dicembre 2015, 17:40 #1
perchè questa pubblicità è tra le news?

http://www.hwupgrade.it/news/progra...lick_59793.html

non potreste fare una sezione sponsorizzata dove inserire gli annunci invece di metterli tra le news?
Dumah Brazorf01 Dicembre 2015, 18:59 #2
Senza mutande.
Vabbè mi pruderanno un po' i pantaloni sugli zebedei e occorrerà fare estrema attenzione a manovrare la zip...
Zenida01 Dicembre 2015, 19:25 #3
Beh se i siti web (almeno quelli che trattano dati sensibili) imponessero una scadenza della password forse questa abitudine la prenderemmo volentieri...

Infondo anche "l'abitudine" di usare una password è imposta dai siti web... altrimenti potrebbero fare un semplice accesso inserendo il nickname/email
iutuber01 Dicembre 2015, 19:57 #4
mah io le mutande quando vado in palestra le cambio anche due volte al giorno, ma al fine settimana le metto sabato e poi le cambio lunedi perché comunque con questo freddo non sudo e restano pulite. Per quanto riguarda la password, uso il nome della mia ragazza Annamaria come password di tutti i siti perché è difficile che gli hacker la indovinino.
ultordeux01 Dicembre 2015, 20:09 #5
Questa statistica non tiene conto di un fattore fondamentale e cioe se si è sposati oppure no. Ovviamente tutti gli uomini sposati o impegnati in una seria relazione sceglieranno di uscire senza mutande, perchè è meglio uscire con l'apparato genitale di fuori che trovarsene senza....
rockroll01 Dicembre 2015, 20:54 #6
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Senza mutande.
Vabbè mi pruderanno un po' i pantaloni sugli zebedei e occorrerà fare estrema attenzione a manovrare la zip...


Però saresti più pronto in certe situazioni.

Ricordo che quando ero ragazzo, ai tempi in cui certi risultati venivano conseguiti con estreme difficoltà, qualche cosa non andò a buon esito proprio per non essere stato abbastanza pronto.


E... scusate l'OT, non sono riuscito a trattenermi.
TheQ.01 Dicembre 2015, 22:07 #7
In altre parole il titolo mi chiede se sono esibizionista col mio corpo od esibizionista in sile nerd, con la differenza che nudo in pubblico rischierei di essere messo dentro per atti osceni in luogo pubblico...
bobby1002 Dicembre 2015, 00:16 #8
ba..io son andato ad un matrimonio con il pigiama sotto
AleLinuxBSD02 Dicembre 2015, 07:50 #9
Sono un po' sorpreso da questo genere di titolo.

A questo punto vorrei lanciare una petizione perché il forum includa un articolo settimanale con qualche bella ragazza, in stile glamour e, durante l'estate in bikini, giusto per rimanere in tema.

Ah ah ah.
gd350turbo02 Dicembre 2015, 08:33 #10
Azz...
Pare che novella 3000 abbia comperato hwupgrade !
Chi l'avrebbe mai detto ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^