Obama: 'Edward Snowden è imperdonabile, per adesso'

Obama: 'Edward Snowden è imperdonabile, per adesso'

All'interno di un'intervista il Presidente USA Barack Obama ha espresso la sua opinione sul caso di Edward Snowden e sulla richiesta di grazia da parte di ACLU e Amnesty International

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Sicurezza
 

Una campagna per perdonare Edward Snowden era stata lanciata lo scorso settembre in concomitanza del lancio delle sale del film di Oliver Stone basato sulle gesta dell'informatico. Snowden è diventato estremamente famoso nel panorama del mondo informatico per aver svelato al mondo le pratiche di sorveglianza della NSA, divenendo pertanto un uomo oltremodo scomodo per il governo USA. Al tempo stesso però i servizi compiuti per l'umanità intera sono enormi, e questo è innegabile.

Proprio per questo a settembre ACLU e Amnesty International chiedevano agli USA il perdono, già rifiutato dall'House Select Committee on Intelligence, composto da 13 repubblicani e 9 democratici, all'interno di una lettera rivolta al presidente. I 22 esponenti del comitato considerano Snowden né più e né meno che un criminale. L'attuale Presidente USA Barack Obama ha risposto pubblicamente sulla questione lo scorso venerdì all'interno di un'intervista di Der Spiegel. Alla domanda secca del quotidiano tedesco "lo perdonerete?" Obama ha risposto:

"Non posso perdonare qualcuno che non ha affrontato un tribunale presentando le proprie ragioni, quindi non si tratta di una cosa che mi piace commentare in questo momento. Credo che Snowden abbia sollevato alcune preoccupazioni legittime. Il modo in cui l'ha fatto non seguiva le procedure e le pratiche della nostra comunità di intelligence. Se tutti prendessero l'approccio sulla base delle loro stesse decisioni su determinate problematiche, allora sarebbe molto difficile avere un governo organizzato o qualsiasi tipo di sistema di sicurezza nazionale.

Nel momento in cui Snowden vorrà presentarsi davanti alle autorità giudiziarie e fare le sue argomentazioni, o i suoi avvocati per lui, allora penserò che questi problemi possano essere affrontati efficacemente. Fino a quel momento quello che ho cercato di suggerire - sia agli americani, che al mondo intero - è che abbiamo bisogno di bilanciare il problema fra la privacy e la sicurezza".

Il perdono quindi non arriverà a meno che non ci sia un netto cambiamento nelle circostanze. Alcuni presidenti del passato hanno offerto la grazia anche senza ordini espliciti da parte di giudici o altri organi giudiziari, ma non sembra che questo verrà compiuto nel caso di Snowden.

"Il presidente può perdonare chunque", scrive Noa Yachot, che dirige la campagna Pardon Snowden. "Richard Nixon non era ancora stato incriminato quando Gerald Ford aveva emesso un perdono pieno ed assoluto nei confronti di Nixon per tutti i reati contro gli Stati Uniti commessi o in cui aveva partecipato nel corso della sua presidenza. E nemmeno le migliaia di uomini che avevano evaso il progetto di guerra del Vietnam, che sono stati graziati incondizionatamente da Jimmy Carter nel suo primo giorno in carica".

Edward Snowden è accusato di aver violato l'Espionage Act, una legge che secondo Noa Yachot non distingue la condivisione di materiali confidenziali a potenze straniere da quella verso gli organi di giornalismo. La ACLU, nella sua richiesta di grazia, l'ha definita una legge "draconiana", dal momento che risale ad epoche storiche ormai passate e al periodo della Prima Guerra Mondiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Noir7921 Novembre 2016, 11:31 #1
Obama non mi sta simpatico nemmeno per un pó, ma chiaramente su questo non posso dargli torto.
fatantony21 Novembre 2016, 11:36 #2
AHAHAH!!! Per me invece ha torto marcio
zhelgadis21 Novembre 2016, 11:45 #3
Il termine inglese "pardon" andrebbe tradotto in italiano con "grazia", non "perdono" ...
coschizza21 Novembre 2016, 11:56 #4
difficile perdonare un traditore della patria, a prescindere di perche lo abbia fatto comunque è andato contro gli interessi nazionali
MiKeLezZ21 Novembre 2016, 12:06 #5
Ma Obama da una settimanetta non deve stare a casa sua e muto?
fano21 Novembre 2016, 12:10 #6
... infatti lo deciderà il Presidente Trump se perdonarlo / graziarlo oppure no (e lo farà visto che gli è pure stato utile durante la campagna elettorale )
Timewolf21 Novembre 2016, 12:22 #7
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Ma Obama da una settimanetta non deve stare a casa sua e muto?


fino al 19 gennaio il presidente e' Obama
Syk21 Novembre 2016, 12:25 #8
premio nobel per la pace
fatantony21 Novembre 2016, 12:33 #9
Originariamente inviato da: Syk
premio nobel per la pace


Volevo scriverlo anche io
aald21321 Novembre 2016, 12:38 #10
QUELLO CHE FA FATTO SNOWDEN È IMPERDONABILE E SNOWDEN SI MERITA LA PENA DI MORTE!

Invece, mentire sotto giuramento al congresso non ha alcuna importanza, e Clapper si merita pienamente di dirigere l'NSA come gli pare e piace.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^