Nuova frontiera degli attacchi: rompere gli hard disk con il suono

Nuova frontiera degli attacchi: rompere gli hard disk con il suono

Dei ricercatori dell'Università del Michigan hanno dimostrato come sia possibile danneggiare gli hard disk a piatti rotanti semplicemente con l'ausilio di suoni a elevati volumi

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Sicurezza
 

Alcuni ricercatori hanno verificato che è possibile danneggiare un hard disk semplicemente con il suono. Con un attacco ben orchestrato, che non richiede però attrezzature specifiche, è possibile mettere l'hard disk sotto uno stress tale da portarlo a corrompere i dati o finanche alla rottura.

Utilizzando gli ultrasuoni è infatti possibile ingannare i sensori degli hard disk che si occupano di regolare il posizionamento delle testine, che si trovano quindi a essere continuamente spostate in posizione di parcheggio - un fatto che, alla lunga, porta alla rottura. Le onde sonore dello spettro udibile, invece, possono portare a far vibrare le testine tanto da corrompere i dati in scrittura o, nei casi più estremi, anche alla rottura.

Per portare avanti questo attacco non servirebbero attrezzature specifiche, ma basterebbero degli altoparlanti sufficientemente vicini - inclusi quelli, ad esempio, presenti nella maggioranza dei computer portatili. Sarebbe quindi possibile orchestrare un attacco tramite JavaScript o con un phishing creato appositamente, grazie al quale ottenere accesso al sistema audio per riprodurre le frequenze che creano danni.

Non si tratta, ovviamente, di frequenze a basso volume: secondo quanto rilevato dai ricercatori, sono necessari più di 90 dB SPL (95,6 dB SPL, per la precisione) per danneggiare un hard disk. Gli altoparlanti del Dell XPS 15 9550, tuttavia, sono in grado di produrre fino a 103 dB SPL a 1 cm di distanza e questo sarebbe sufficiente per danneggiare l'hard disk, come riporta Hothardware.

Non ci sono rischi immediati per l'utenza comune, ma realtà interessate a colpire e danneggiare specifici obiettivi (es. aziende, enti governativi, ecc) dovranno cominciare a tenere in conto questo tipo di attacchi come possibili. Il problema non si pone, ovviamente, con gli SSD.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Brigno06 Giugno 2018, 14:03 #1
...e secondo voi uno speaker di un portatile è in grado di emettere ultrasuoni (>20khz)

Mentre nello spettro udibile bisognerebbe conoscere a che frequenza va in risonanza il tutto e SPERARE che non sia sotto i 100Hz o col cavolo che uno speker di un notebook riesce a superare i 95dB

WarDuck06 Giugno 2018, 15:35 #2
Interessante sarebbe riuscire a muovere la testina e magnetizzare il disco in maniera così precisa da poter scrivere dati

La nuova frontiera del malware:
http://www.holidaymatinee.com/wp-co...er-hagadone.jpg

sc8206 Giugno 2018, 15:37 #3
Originariamente inviato da: Brigno
...e secondo voi uno speaker di un portatile è in grado di emettere ultrasuoni (>20khz)




Basta provare usando un sito come questo:
http://www.szynalski.com/tone-generator/

E una app per smartphone che faccia analisi dello spettro audio

Fino a dove si arriva con quel sito, 20.150 Hz, un notebook le riproduce eccome
tallines06 Giugno 2018, 15:55 #4
E' un sito pericoloso quindi, da un certo punto di vista....

Ma se un utente ha come disco un ssd non ci sono problemi, ok .

E se ha collegato hd esterni e/o interni ?

Meglio non suonare troppo, va....
s-y06 Giugno 2018, 16:06 #5
non viene indicata una frequenza, o almeno un'idea. ultrasonico è troppo generico e cmq se fosse troppo 'ultra', non ci arriverebbero molti trasduttori
tra l'altro si parla di 'ultrasonic vibrators' o cosa del genere, fa pensare a dispositivi diversi dai normali speakers

ad ogni modo ci potrebbe essere anche il metodo ignorante, fischietto per cani e via
the_joe06 Giugno 2018, 16:37 #6
Originariamente inviato da: sc82


Basta provare usando un sito come questo:
http://www.szynalski.com/tone-generator/

E una app per smartphone che faccia analisi dello spettro audio

Fino a dove si arriva con quel sito, 20.150 Hz, un notebook le riproduce eccome


Si, ma vorrei vederlo tirarci fuori 96db a quelle frequenze
Busone di Higgs06 Giugno 2018, 21:41 #7
Faccio indossare le cuffie all'hd; sono delle v700dj da 3w 105db/mw max 126db risposta 5-30000 e forse qualcosa oltre i 30khz si puo';
magari provo con un vecchio hdd , ma mi aspetto solo un'interruzione del flusso.

Mi ricordo che di un lettore cdrom che trasmetteva le vibrazioni e alla velocita' di regime il case risuonava come una campana; il disco era inaccessibile finche' il cdrom non variava la velocita'; risolsi con delle fascette che irrigidivano cavi e telaio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^