Nec sviluppa la scansione biometrica che distingue l'orecchio umano

Nec sviluppa la scansione biometrica che distingue l'orecchio umano

Nec presenta una nuova tecnologia che permette di effettuare la scansione biometrica del padiglione auricolare. In futuro, non sarà necessaria una password, basterà indossare un auricolare in grado di riconoscere l'utente in base alla conformazione dell'orecchio

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 17:31 nel canale Sicurezza
NEC
 

Si parla sempre più spesso di cyber attacchi che minano la sicurezza dei dati personali, violando ed entrando in possesso di password e chiavi d'accesso; parallelamente si intensificano gli investimenti volti a realizzare strumenti in grado di prevenire gli attacchi e tra gli strumenti di sicurezza quelli basati sulla scansione dei dati biometrici prendono sempre più piede. Se la scansione dell'impronta digitale e dell'iride sono ormai quasi all'ordine del giorno anche in prodotti consumer, il sistema recentemente presentato da Nec non lo è altrettanto, ma appare indubbiamente promettente, anche alla luce degli scenari di impiego. L'azienda ha presentato infatti una tecnologia che consente di effettuare la scansione biometrica dell'orecchio, mediante l'analisi della risonanza prodotta un'onda sonora proiettata al suo interna.

Scansione biometrica Nec


Il presupposto di base è alquanto semplice: la conformazione dell'orecchio è differente da individuo ad individuo e, come tale, anche la risonanza dell'onda sonora che lo attraversa varia da utente ad utente. Il passaggio successivo consiste nell'utilizzare tale parametro biometrico univoco come sostituto delle tradizionali password, ovvero come strumento di accesso a sistemi informatici. In termini pratici, il sistema sviluppato da Nec è basato su un auricolare equipaggiato con un microfono. L'onda sonora viene trasmessa nella cavità dell'orecchio, rimbalza al suo interno e viene registrata, in uscita, dal microfono integrato. Confrontando il segnale acquisito con uno memorizzato in precedenza, il dispositivo che utilizza tale sistema di autenticazione può garantire o meno l'accesso all'utente. 

Il sistema di Nec presenta alcuni vantaggi non trascurabili rispetto agli altri strumenti per la scansione biometrica, primo tra tutti la comodità di utilizzo: l'utente non dovrà effettuare alcuna operazione particolare, come avviene nel caso della scansione dell'impronta digitale o dell'iride, gli basterà indossare in maniera molto naturale un paio di auricolari; il sistema di autenticazione, inoltre, richiede una potenza di calcolo relativamente contenuta per elaborare i dati ed offre un elevato livello di precisione nel riconoscimento del parametro biometrico (superiore al 99%, stando al dato dichiarato da Nec). Il know-how sviluppato da Nec nel settore delle tecnologie per il riconoscimento biometrico permette infatti di ricavare determinare la specifica conformazione dell'orecchio dell'utente in maniera molto affidabile. 

Nec prevede di commercializzare entro il 2018 la tecnologia recentemente presentata. Gli ambiti di applicazione sono molteplici e, come facilmente intuibile, comprendono attività in cui la priorità diventa la sicurezza dei dati personali e la prevenzione degli attacchi che possono comprometterla: gestione degli accessi ad infrastrutture di particolare importanza, ma anche impieghi nel settore della telefonia. Presto per dire se con i futuri smartphone basterà indossare un paio di cuffie per essere certi di avere accesso ai propri dati in totale sicurezza, ma Nec suggerisce tale possibile scenario futuro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Felix93013 Marzo 2016, 14:10 #1
sono l'unico che ha pensato a van Gogh? ...
:-D

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^