Lotta allo spam: in vista i primi standard

Lotta allo spam: in vista i primi standard

L'Internet Engineering Task Force (IETF) analizzerà a breve varie proposte relative alle tecnologie antispam. Secondo alcuni ISP oltre il 60% delle email attuali è "spazzatura"

di pubblicata il , alle 10:31 nel canale Sicurezza
 

L' Internet Engineering Task Force (IETF) analizzerà a breve varie proposte relative alle tecnologie antispam.
Alcuni colossi del settore hanno recentemente annunciato le proprie strategie per fronteggiare il fenomeno, tra essi citiamo Microsoft, Yahoo e Cisco che con tecnologie differenti cercano di combattere lo spam.

Il volume di email indesiderate è in crescendo ed ha raggiunto percentuali del 60% di tutto il traffico email.
L'adozione di sistemi di filtro lato-client il più delle volte è insoddisfacente perchè impone comunque la ricezione e la gestione del traffico email, è quindi necessario agire con differenti strategie capaci di determinare se un messaggio proviene da una fonte desiderata oppure da uno spammer.

Il fenomeno inizia ad assumere contorni preoccupanti anche in molti paesi in via di sviluppo, realtà in cui la comunicazione via internet può fare molto ma l'accesso alla rete viene effettuato ancora attraverso infrastrutture lente; in tali ambiti il fenomeno dello spam può provocare un generale disinteresse per la rete, vista come di difficile accesso e poco utile.

L'approccio al problema viene al momento effettuato da varie strade, ma il denominatore comune sembra essere il concetto di "autenticazione del mittente".

Microsoft con il proprio Sender ID intende autenticare il mittente, autorizzandolo ad inviare il messaggio; in tal modo gli spammer avranno vita difficile non potendo utilizzare indirizzi fasulli.

Yahoo e Cisco stanno mettendo a punto un sistema che prevede l'autenticazione di un messaggio attraverso una chiave crittografica allegata al messaggio email.

TurnTide, una società entrata da poco nella galassia Symantec, propone una soluzione nettamente differente basata sull'analisi dei dati a livello TCP/IP.

I router prodotti da TurnTide saranno in grado di analizzare i pacchetti di dati verificandone la provenienza.

In questo modo la mole di dati trasmessi in rete verrà drasticamente ridotta; il metodo messo a punto da Symantec va ad agire anche sulla tecnica tipicamente utilizzata dagli spammer, ovvero inviare il maggior numero di messaggi nel minor tempo possibile.

L'invio di email "reali" non ha invece queste caratteristiche di urgenza e velocità, infatti i server mail prevedono dei tempi di attesa in cui inviano pacchetti di test in attesa di conferma; quest'ultima caratteristica non viene ovviamente implementata nell'invio di spam.

Symantec dichiara che con tale metodo riesce ad individuare il 90% dei messaggi indesiderati, una cifra considerevole che ovviamente andrà verificata con cautela in futuro.

Al momento non sono disponibili molti dettagli circa le varie soluzioni, ma è interessante osservare che di fronte al problema dello spam qualcosa di concreto inizia a muoversi. La speranza ovviamente è che a breve vengano raggiunti risultati importanti senza però perdere la flessibilità che sino ad oggi lo strumento email ha dimostrato di possedere.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PrimoNumero124 Agosto 2004, 10:41 #1

LASCIAMO PERDERE...

Con il mio account Yahoo non mi arriva mai posta indesiderata e se dico MAI è mai!
Invece con hotmail apri un indirizzo di posta, non lo metti in giro su internet (che so per subscribe o roba varia) e dopo un giorno che hai aperto l'account ti ritrovi dieci e-mail da 250 KB che intasano la casella piena di annunci PSEUDO-MICROSOFT che ti dicono di installare una patch per la sicurezza che in realtà è un virus...
PS: L'indirizzo non l'avevo dato a nessuno!!!
PS2: Ho solo detto una delle tante e-mail spam di hotmail...doverle citare tutte finisco lo spazio storage del server hwupgrade
bizzu24 Agosto 2004, 10:51 #2
Come al solito ci saranno 2000 standard, magari pure a pagamento (visto che dovranno pur essere supportati dai client...). Con la scusa dello spam si arriverà a far pagare anche le e-mail inviate.
gpc24 Agosto 2004, 11:16 #3
Sì, sono convinto anche io che le contromisure debbano essere sui server, però non è che poi mettendo un limite al numero di email inviate capiti che anche servizi come le notifiche del forum vengano bloccate, com'è successo quando la tin ha attivato le sue brillanti contromisure ( )?
ErminioF24 Agosto 2004, 11:17 #4
sssssshhhhhhh mai dare certe idee...
gpc24 Agosto 2004, 11:26 #5
Comunque, secondo me si dovrebbero percorrere altre strade.
Mi è capitato di vedermi tornare indietro delle email inviate ad alcuni account perchè il server smtp che usavo rientrava in una lista di server che permettevano l'invio di messaggi da chiunque.
Però dei provider a cui avevo inviato le email solo un paio mi hanno bloccato i messaggi, gli altri, quelli più grossi come libero e tin, me le hanno fatte passare tranquillamente.
C'è un'organizzazione che si occupa di testate i server mail per individuare quelli affidabili e segnalarli ai vari gestori, solo che evidentemente chi prende in considerazione questo tipo di servizio sono solo pochi.
Secondo me è questa la strada da seguire, ovvero bloccare i server non affidabili.
atomo3724 Agosto 2004, 11:44 #6
speriamo solo che facciano qualcosa di concreto, io ho alcuni account di posta elettronica abbandonati per il troppo spam!
darkwings24 Agosto 2004, 11:54 #7
Quello che pero' non dicono e' che l'idirizzo e-mail lo prendono attraverso i cookie, tante' che se fate girare ADAWARE, la maggior parte dei data miner che sono appunto loro che raccolgono gli indirizzi e-mail, li trovate il 90% nella cartella dei cookie.
A mio parere invece di inventare tutte ste cagate del sender id e roba simile farebbero meglio a smetterla di fare i furbi e fare in modo di eliminare i cookie nell'utilizzo del web.
lasa24 Agosto 2004, 12:50 #8
Devo dire di non avere mai avuto il problema dello spam.....
marcowave24 Agosto 2004, 13:55 #9
neanche io...

sarà che per navigare solitamente uso linux (e in particolare firefox)... che non distribuisce i miei dati dappertutto.. come fa Internet Explorer 6....

bella la MS....alimenta il danno, e vende la cura....
gohan24 Agosto 2004, 14:15 #10
Basta configurare bene la funzione di protezione della privacy di IE e i tuoi dati non vanno in giro per internet: io per esempio ho bloccato tutti i cookies ti terze parti, così i vari network della pubblicità non possono più depositarmi dei cookies mentre visito siti che hanno banner pubblicitari.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^