La privacy entra in azienda

La privacy entra in azienda

Analisi sulle modalità di adeguamento alle normative relative alla privacy dei flussi di lavoro aziendali: alcune riflessioni.

di pubblicata il , alle 12:30 nel canale Sicurezza
 

ZDnet.it riporta un breve, ma interessante articolo che descrive le modalità con cui le aziende italiane hanno affrontato la recente introduzione della normativa relativa alla privacy (legge 675/96 e del DPR 318/99).
Interessanti alcune riflessioni:

.................
Tuttavia, l’elemento che probabilmente ha inciso di più nella determinazione dell’impatto è stato un altro: il precedente approccio alla gestione della sicurezza delle informazioni. Le aziende in cui era già in funzione un sistema dei gestione della sicurezza delle informazioni hanno infatti avuto un impatto minimo dall’arrivo della privacy. Al massimo hanno dovuto provvedere a qualche trasposizione terminologica e a qualche adempimento di natura formale.

Chi ha agito secondo la filosofia del parare il colpo si è limitato a fare il minimo indispensabile per non cadere nelle sanzioni previste dalla Legge. Chi invece ha deciso di cogliere l’occasione, ha sfruttato lo stimolo offerto dalla legge per progettare e rendere operativo il proprio sistema di gestione per la sicurezza dell’informazione. Tali sistemi in molti casi non sono stati limitati a soddisfare le misure minime di sicurezza per proteggere i dati personali. Hanno invece avuto come riferimento le più avanzate misure di sicurezza previste dai migliori standard e hanno considerato come dominio di protezione non solo i dati personali ma anche altri che pur non rientrando in questa fattispecie, sono di vitale importanza per il business aziendale.

L'articolo completo è disponibile a questo indirizzo

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^