La Germania pronta a mettere un software di controllo nei PC scolastici

La Germania pronta a mettere un software di controllo nei PC scolastici

Il Ministero della cultura tedesco avrebbe sottoscritto un accordo per la diffusione di uno spyware sui PC scolastici al fine di controllare l'originalità delle applicazioni

di pubblicata il , alle 11:36 nel canale Sicurezza
 

Circa un mese fa il CCC (Chaos Computer Club), che sei definisce come il più grande gruppo Europeo di hacker, aveva diffuso una preoccupante notizia. Noi ce ne eravamo occupati a suo tempo, con questa notizia. Secondo quanto riportato poche settimane fa, infatti, il noto gruppo di hacker avrebbe accusato il governo tedesco di aver rilasciato un backdoor Trojan: si tratterebbe di un keylogger capace di catturare screenshot e registrare audio. Il fine ultimo di tale applicazione sarebbe, ovviamente, quello di spiare.

A partire da questa notizia, nei giorni a seguire, si è molto discusso circa le metodologie e le tecnologie consentite dalla legge tedesca in questo senso. Lo sviluppo di una applicazione in grado di "spiare" al fine ultimo di prevenire il crimine sarebbe anche ben accetta, sempre che non infranga quelle importanti e sottili leggi che regolano la privacy di ogni cittadino. Ecco allora che questa sorta di spionaggio elettronico viene istituzionalizzato, grazie ad un accordo raggiunto tra il Ministero della cultura tedesco e gli editori del materiale formativo: sarà ora possibile controllare annualmente i PC delle scuole alla ricerca di copie non autorizzate.

Secondo i termini dell'accordo l'1% dei PC scolastici (in Germania) potrà essere controllato con l'aiuto di un apposito trojan, che sarà in grado di indentificare l'eventuale violazione dei copyright. Questa scelta avrà, secondo quanto riportato dalla fonte, dirette conseguenze per le autorità scolastiche e gli insegnanti, qualora venissero rilevate applicazioni non autorizzate.

Al momento lo spyware non è ancora stato introdotto e il contratto entrerà in vigore a partire dal prossimo mese di gennaio. Le conseguenze che questa decisione comporterà non saranno però limitate al "semplice" controllo del materiale installato sui PC scolastici ma aprirà, suo malgrado, porte ad un più ampio discorso sul funzionamento dell'applicazione e di come questa possa andare a violare in modo diretto la privacy dei cittadini.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
emanuele8302 Novembre 2011, 11:41 #1
Se vanno avanti di questo passo prevedo un altro exploit del PIRATEN PARTEI, ma ‘sta volta alle elezioni nazionali.
_Magellano_02 Novembre 2011, 11:44 #2
Mi sembra davvero la mossa vincente specialmente per la germania est, daltronde meglio prendere le difese di corporazioni straricche al limite del monopolio e non quelle di ragazzini che rischiano di essere facilitari nell'istruirsi.

Capisco voler combattere la pirateria in imprese private che ci lucrano su quelle cose ma addirittura nelle scuole che sono luoghi di istruzione.
Sarà che penso sempre male ma la siae italian non è l'unica ad avere "donne di fiducia" nei governi.
Phantom II02 Novembre 2011, 12:15 #3
Convertire il parco software scolastico verso soluzioni open source non sarebbe più intelligente?
Rubberick02 Novembre 2011, 12:37 #4
si ma se l'intento è quello di controllare software piratato direi che il keylogger, la registrazione audio ambientale e gli screenshot non servono a un cavolo

si usano sistemi di pattern recognition e controlli vari tra chiavi e file...

se poi non vogliono far installare sw che ci vuole a blindare gli accessi...

xD

troppo spudorata come come cosa.. e i ger dopo un uscita del genere non vanno e tirano giù il governo dopo una menata del genere..? sarà che non sono particolarmente skillati in sicurezza e si bevono ogni cosa ma uno che ne capisce un minimo saprebbe che ci sono sicuro fini diversi a quello del controllo del sw originale...
emanuele8302 Novembre 2011, 12:40 #5
Originariamente inviato da: Rubberick
si ma se l'intento è quello di controllare software piratato direi che il keylogger, la registrazione audio ambientale e gli screenshot non servono a un cavolo

si usano sistemi di pattern recognition e controlli vari tra chiavi e file...

se poi non vogliono far installare sw che ci vuole a blindare gli accessi...

xD

troppo spudorata come come cosa.. e i ger dopo un uscita del genere non vanno e tirano giù il governo dopo una menata del genere..? sarà che non sono particolarmente skillati in sicurezza e si bevono ogni cosa ma uno che ne capisce un minimo saprebbe che ci sono sicuro fini diversi a quello del controllo del sw originale...


non si sta parlando dello stesso trojan scovato settimane fa. il nuovo sw sarà una cosa diversa, come si evince (in parte) dall'articolo.
alex902 Novembre 2011, 13:07 #6
Originariamente inviato da: Rubberick
si ma se l'intento è quello di controllare software piratato direi che il troppo spudorata come come cosa.. e i ger dopo un uscita del genere non vanno e tirano giù il governo dopo una menata del genere..? sarà che non sono particolarmente skillati in sicurezza e si bevono ogni cosa ma uno che ne capisce un minimo saprebbe che ci sono sicuro fini diversi a quello del controllo del sw originale...


se in germania per una cosa come questa devon buttare giù il governo allora noi che dobbiamo fare?
AleLinuxBSD02 Novembre 2011, 13:15 #7
Originariamente inviato da: Phantom II
Convertire il parco software scolastico verso soluzioni open source non sarebbe più intelligente?

Sarebbe una mossa troppo intelligente ... tra l'altro questo taglierebbe un po' le manime alle grandi corporation che fanno una parte di affari con la pubblica amministrazione ...
marchigiano02 Novembre 2011, 13:30 #8
Originariamente inviato da: Phantom II
Convertire il parco software scolastico verso soluzioni open source non sarebbe più intelligente?


quoto
emanuele8302 Novembre 2011, 13:35 #9
Originariamente inviato da: Phantom II
Convertire il parco software scolastico verso soluzioni open source non sarebbe più intelligente?


non capisco come questo potrebbe limitare la pirateria. ad esempio il download di sw illegale.
marchigiano02 Novembre 2011, 13:53 #10
Originariamente inviato da: emanuele83
non capisco come questo potrebbe limitare la pirateria. ad esempio il download di sw illegale.


perchè i bimbiminkia non sanno installare jdownloader su ubuntu

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^