International Data Security: l'oceano come sistema di raffreddamento

International Data Security: l'oceano come sistema di raffreddamento

International Data Security ha annunciato che utilizzerà delle navi da carico per realizzare i propri data center. La società sfrutterà l'acqua marina per raffreddare i server, con un risparmio energetico previsto del 30%

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 16:51 nel canale Sicurezza
 

Una nuova startup della Silicon Valley chiamata International Data Securty (IDS) ha annunciato l'intenzione di creare una vera e propria "flotta" di data center utilizzando delle navi da carico. Le imbarcazioni, oltre ad essere equipaggiate con servizi di storage tradizionali come SAN (Storage Area Network) e NAS (Network Attached Storage), verranno dotate di uffici, zone di pernottamento e di aree di ristoro.

In un'ottica di risparmio, IDS sta acquistando navi da carico in disuso per poi risistemarle ed attrezzarle allo scopo. Ken Choi, fondatore di IDS, afferma che la prima imbarcazione sarà varata in aprile ed ospiterà il quartier generale della società. La compagnia ha pianificato di approntare ben 22 imbarcazioni nel Nord America e altre 50 sparse per il globo.

L'intenzione di IDS è di sfruttare l'acqua marina dell'oceano come sistema di raffreddamento per i propri server. Grazie a questo stratagemma la compagnia ha calcolato che ridurrà il consumo energetico del 30%. Per prevenire problemi di blackout dovuti a malfunzionamenti del motore o all'esaurimento del carburante, le imbarcazioni saranno equipaggiate con un generatore addizionale in grado di fornire corrente per circa un mese.

Dato che le imbarcazioni sono state originariamente progettate per ospitare container, il progetto di IDS fornisce interessanti possibilità d'impiego per soluzioni come Project Blackbox di Sun, oppure per il progetto di data center portatile di Google.

Fonte: Ars Technica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

56 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor15 Gennaio 2008, 16:54 #1
ussignur... questa è nuova!

e come si connettono i datacenter col mondo?
monsterman15 Gennaio 2008, 16:55 #2
pesce lesso direttamente nel porto dove sono ancorate

dopotutto però è una bella idea
baronz15 Gennaio 2008, 16:56 #3
si ma l'energia elettrica da dove la prendono ? Se la generano dai motori a gasolio diventa uno spreco enorme...
Staranno sempre ancorate al porto con un bel cavo collegato a terra ? Friggeranno tutti i pesci ? E se arriva un'onda anomala buttiamo tutti i server e i dati ?

Darkmaniak15 Gennaio 2008, 16:57 #4
satellite? sai come ci si incavolano le associazioni ecologiche per l'innalzamento della temp? cavolo quanto potrà scaldare una nave in pieno oceano? mi sa parecchio intorno ma niente a distanza di 50 metri
Fl1nt15 Gennaio 2008, 16:57 #5
ma è follia allo stato puro!!!


ma che significa???

risparmiano energia ma il costo della nave e del carburante???


E SE AFFONDA UNA NAVE????


e poi come cavolo si connettono al web con l'umts???



per me è una trovata pubblicitaria
DevilsAdvocate15 Gennaio 2008, 16:57 #6
Quindi in futuro i dati di International Data Security non andranno bruciati,
al limite affonderanno
Fl1nt15 Gennaio 2008, 16:58 #7
e poi, se la nave è ferma, devono comunque essere azionate delle pompe


a sto punto tanto vale un sistema ad acqua
sniper84n15 Gennaio 2008, 17:01 #8
Credo che le colleghino mediante dorsali in fibra, un po'come si usa nei collegamenti che attraversano l'oceano. Mi fa sorridere l'idea in caso di tempesta di qualche centinaio i tecnici informatici sul parapetto a vomitare...
A parte questo in effetti i cavi in superficie non sono propriamente una bella idea, soprattutto in caso di mare mosso, però i link satellitari aumentano la latenza e i collegameti wireless non garantirebbero abbastanza banda.
Bisogna inoltre valutare comparti stagni per i datacenter per recuperare i dati in caso la nave coli a picco. Ottima idea per risparmiare energia, bisogna vedere poi come la realizzano.
Fra_cool15 Gennaio 2008, 17:05 #9
Imho la soluzione della nave è dovuta solo al fatto di poterla "immatricolare" in un paese fiscalmente conveniente e magari connetterla via cavo in qualche porto dove poi serve (non è detto che debbano navigare per forza...)

Per il raffreddamento sarebbe bastato un corso d'acqua qualsiasi, come si fa normalmente per le centrale termoelettriche.
majerle15 Gennaio 2008, 17:06 #10
serve solo ad evadere le leggi nazionali.. e per utilizzare le acque internazionali per operazioni.. "particolari"

BHH

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^