Intel e sicurezza: basta password, è l'ora dell'identificazione biometrica avanzata

Intel e sicurezza: basta password, è l'ora dell'identificazione biometrica avanzata

Nel corso del keynote tenuto da Justin Rattner sono state mostrate nuove vie per l'autenticazione degli utenti: basta password e impronte digitali, si passa ad altro

di pubblicata il , alle 14:11 nel canale Sicurezza
Intel
 

Il tema della sicurezza sta diventando sempre più importante per le aziende che operano nel settore dell'informatica, specie se bisogna fare i conti con alcuni servizi cloud. L'utente infatti non deve avere il minimo dubbio sulla sicurezza dei propri dati, che risiedono da qualche parte nel web senza averne un preciso controllo. Guadagnarsi la fiducia degli utenti è un punto chiave perché i servizi cloud possano prendere piede anche nel settore consumer, motivo per cui si stanno studiando nuovi modi per rafforzare il tema sicurezza anche sui terminali a contatto diretto con l'utente.

Tutti, più o meno, stanno andando in quella direzione. Se Microsoft propone la picture password, Intel va oltre proponendo anche una seconda via. Da tempo si tende a ritenere che la sola password non basti, in quanto risulta spesso potenzialmente intuibile grazie ad elementari tecniche di ingegneria sociale. Essendo scelta dall'utente, vi sarà chi ha più attenzioni di altri nella scelta.

Questo risulta un punto delicato in un mondo che va verso il cloud: una volta che vi sarà un accentramento dei servizi, compresi quelli di home banking, fare affidamento sulla sola password potrebbe risultare troppo rischioso. Ecco dunque la proposta di Intel, mostrata da Justin Rattner: la tecnologia prende il nome di Client Based Authentication Technology realizzata in collaborazione con PalmSecure, e prevede un lettore biometrico agganciato ad un Ultrabook (che in futuro potrebbe essere integrato nativamente), PalmSecure.

Basterà muovere la mano di fronte al PC (ma anche con tablet o smartphone, ovviamente) per accedere al sistema, con un livello di sicurezza finora inarrivabile con altri sistemi. Se per la password abbiamo già spiegato perché, si potrebbe obiettare che da anni esistono i lettori di impronte digitali installati su molti PC. Vero, ma la diffusione di sistemi touch e multitouch porta a disseminare i nostri apparecchi di impronte digitali, che un malintenzionato con una certa malizia potrebbe tranquillamente usare per scopi poco nobili. Certo, l'operazione non è così facile, ma non è certo impossibile.

Il lettore biometrico di Intel punta più in alto: operando uno scanning della disposizione della vene all'interno della mano, crea di fatto un pattern unico per ogni utente, praticamente impossibile da replicare. Il tutto con un semplice gesto della mano. Oltre a questo vengono avanti diversi accorgimenti molto più semplici, come quello di bloccare il tablet una volta appoggiato su una superficie piana (si ipotizza che l'utente si allotani), più altre piccole cose che, messe insieme, porteranno la sicurezza su un livello molto più avanzato. Anche in questo caso vedremo già qualcosa nel corso del 2013, con anticipazioni al CES di Las Vegas.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vodka14 Settembre 2012, 14:28 #1

Ottimo

Da sperare venga ottimizzato e integrato in ogni periferica, nel pc magari mouse o tastiera (preferibile, almeno non inseriamo la password "accidentalmente".

Tralasciando il discorso sicurezza, dove i benefici sono evidenti, si può finalmente smettere di avere mille password di numeri e simboli in testa, e magari diminuirà il numero di persone che cerca assistenza per recuperare password dimenticate...
piererentolo14 Settembre 2012, 14:58 #2
Si ma cavolo! Se mi tagliano la mano e mi rubano il pc possono accedere al computer, andare nell'home banking e svuotarmi il conto

Mai più sentiremo "O la borsa o la vita" ma... "o la mano o la vita"

Io fortunatamente sono mancino... se mi rubano la mano destra non se ne fanno niente!

Ok la finisco!
Raghnar-The coWolf-14 Settembre 2012, 15:04 #3
In giappone viene già usato per i bancomat dopo un recente scandalo di scamming.
lope3314 Settembre 2012, 15:11 #4
Uhm in realta' tagliandoti la mano non possono comunque far nulla, l'impronta per essere riconosciuta deve arrivare da una mano "viva". Non conosco ora i metodi utilizzati da questa ditta, la i classici scanner a "contatto" rilevano se e' viva. Poi ovviamente i barbatrucchi esistono come per tutte le cose anche qui, ma non e' facile farla riconoscere.

Comunque "copiare" un impronta digitale da una lasciata in giro (come si diceva nell'articolo) e' davvero difficile, dovresti prenderla, farne un calco (e facile non e' calcare una impronta di sebo della pelle), creare il positivo del calco, e superare il problema dell'impronta "viva".
Si potrebbe anche fare, ma esistono metodi piu' veloci ed efficaci per superare una protezione.
Il_Baffo14 Settembre 2012, 15:11 #5
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Il lettore biometrico di Intel punta più in alto: operando uno scanning della disposizione della vene all'interno della mano, crea di fatto un pattern unico per ogni utente, praticamente impossibile da replicare.


Non c'è bisogno di replicarlo se si costruisce uno scanner che funziona a distanze superiori, basta che un borseggiatore ti scansioni la mano prima di ciularti il pc...

Almeno per le impronte digitali devono toccarti oppure prendere qualcosa che tu hai toccato; problema aggirabile con dei guanti ma qui cosa si può fare?
Guanti piombati?
Utonto_n°114 Settembre 2012, 15:14 #6
Ti fermeranno in un vicolo e ti diranno: alte le mani... per 10 secondi! blip! e ti hanno scannerizzato le mani
poi, una volta rubata l'immagine biometrica, chi la cambia più??
kisono14 Settembre 2012, 17:20 #7
Originariamente inviato da: lope33
Comunque "copiare" un impronta digitale da una lasciata in giro (come si diceva nell'articolo) e' davvero difficile, dovresti prenderla, farne un calco (e facile non e' calcare una impronta di sebo della pelle), creare il positivo del calco, e superare il problema dell'impronta "viva".
Si potrebbe anche fare, ma esistono metodi piu' veloci ed efficaci per superare una protezione.


Tipo usare una qualunque arma?
!fazz14 Settembre 2012, 17:29 #8
Originariamente inviato da: kisono
Tipo usare una qualunque arma?


o smontare il disco
maxmax8014 Settembre 2012, 19:13 #9
Originariamente inviato da: Utonto_n°
Ti fermeranno in un vicolo e ti diranno: alte le mani... per 10 secondi! blip! e ti hanno scannerizzato le mani
poi, una volta rubata l'immagine biometrica, chi la cambia più??


o ti strapperanno le pupille quando ci sarà il riconoscimento retinico come nei film d' azione!

no grazie, preferisco la cara vecchia password..
domthewizard14 Settembre 2012, 19:23 #10
ma questo metodo funziona anche quando la pelle delle dita si fa brutta dopo aver tenuto tanto tempo le mani in acqua? non vorrei che per accendere il pc devo aspettare che si asciughino, tipo quando bisogna attendere 3 ore prima di fare il bagno

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^