Intel e Micron: al via la produzione di NAND flash da 32Gb a 34nm

Intel e Micron: al via la produzione di NAND flash da 32Gb a 34nm

IM Flash technologies annuncia l'avvio della produzione in volumi di nuovi chip NAND flash da 32 gigabit con processo produttivo a 34nm

di pubblicata il , alle 16:02 nel canale Sicurezza
Intel
 

IM Flash Technologies, la joint venture di Intel Corporation e Micron Technology, ha annunciato l'avvio della produzione in volumi per i primi chip NAND flash multi-level cell da 32 gigabit con processo a 34 nanometri.

Il processo sviluppato dai due colossi dell'IT permette per la prima volta nel mercato delle memorie la realizzazione di un chip monolitico da 32Gb in grado di poter essere assemblato in un package 48-lead TSOP (thin small-outline package). Secondo le informazioni disponibili Intel e Micron sono in anticipo sulla tabella di marcia della produzione a 34nm, fatto che permetterà allo stabilimento produttivo di Lehi di portare più del 50% della produzione su questo nuovo processo entro la fine dell'anno in corso.

Brian Shirley, vicepresidente della divisione Memory Group di Micron, ha dichiarato: "Abbiamo fatto grandi passi avanti nella produzione delle memorie NAND e ora siamo al primo posto per quanto riguarda la produzione a 34 nanometri. I chip da 32Gb a 34nm consentiranno ai nostri clienti di incrementare facilmente la dotazione di memoria NAND flash per una larga serie di prodotti consumer e computing".

Randy Wilhelm, vicepresidente della divisione NAND Solutions Group di Intel ha invece commentato: "I risultati provenienti dalla joint venture IM Flash Technologies continuano a superare le nostre aspettative. Con una posizione di chiaro vantaggio nella produzione di memorie NAND siamo in grado di fornire ai nostri clienti soluzioni NAND di grande valore, dalle elevate prestazioni e a basso consumo".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SwatMaster25 Novembre 2008, 16:35 #1
Con una posizione di chiaro vantaggio nella produzione di memorie NAND siamo in grado di fornire ai nostri clienti soluzioni NAND di grande valore, dalle elevate prestazioni e a basso consumo".


E speriamo anche a basso costo.
Human_Sorrow25 Novembre 2008, 17:16 #2
"Intel e Micron sono in anticipo sulla tabella di marcia della produzione a 34nm, fatto che permetterà allo stabilimento produttivo di Lehi di portare più del 50% della produzione su questo nuovo processo entro la fine dell'anno in corso. "

se ne producono di più, e li vogliono vendere, per forza abbasseranno il prezzo, anche se non credo che queste mem siano legate solamente agli SSD.
uvz25 Novembre 2008, 17:36 #3
Ma voi guardate soltanto i prezzi? Ogni notizia di Hwupgrade e subito a richiedere i prezzi bassi, indifferentemente se sono stati citati nell'articolo oppure no. Indifferentemente se si parla di una tecnologia emergente o di una tecnologia matura.
Se avete così problemi di soldi andate a lavorare così vi potrete permettere di comprare qual cosa di buono per voi (come era uso una volta).

Inoltre come pensate che possano coprire lo stipendio degli operai e altri lavoratori se le cose devono costare il meno possibile per forza? E poi tuti a scandalizzarsi quando ci sono i lincenziamenti a causa dei minori profitti.
fabri8525 Novembre 2008, 19:23 #4
io vado a lavorare ogni giorno 8 ore al girono.

prendo parecchio di pui rispetto alla media nonstante la mia giovane età

eppure non mi permetto di dire cosa fare alle altre persone. E' meglio stare zitti se non si conoscono persone e motivi delle persone

PS esiste un rapporto chiamato qualita' / prezzo... perchè non vai a comprare un HD da 3 pollici a 5.200rpm pagandolo 1000000000 euro? furba come cosa...

tu si che sei un grande
L01CYL825 Novembre 2008, 19:58 #5
Originariamente inviato da: fabri85
io vado a lavorare ogni giorno 8 ore al girono.
prendo parecchio di pui rispetto alla media nonstante la mia giovane età
eppure non mi permetto di dire cosa fare alle altre persone. E' meglio stare zitti se non si conoscono persone e motivi delle persone


Straquoto, ed aggiungo:
Le cose non devono costare il meno possibile, devono costare il giusto. Mi rendo conto di aver detto un'eresia, però non è che se le cose costano troppo gli operai non vengono licenziati e viceversa.
Se qualcuno mette le mani avanti e chiede un contenimento dei prezzi non è uno sprovveduto scansafatiche, non per definizione, quantomeno.
E poi tutti a dare la colpa della crisi economica allo short selling ed alla negoziazione di prodotti maggiormente strutturati. Tutto vero, ma sapete cosa vuol dire?
Se le cose vanno male è perchè una maggiore plusvalenza è considerata l'unica strada per la salvezza di un'azienda, il desiderio di profitto è tale che le aziende posizionano un prodotto su mercato secondo l'unica logica di poter ottenere il maggior profitto possibile. E questo è quello che hanno fatto da sempre anche le banche, con il risultato che oggi come oggi tanti ingenui investitori che avrebbero dovuto comperare solo titoli di stato per tutta la vita si ritrovano il portafoglio pieno di porcheria rischiosissima, perchè inizialmente garantiva un bel margine alla banca.
Le cose (il mercato) raffigurano lo specchio dei tempi in cui viviamo, oggi orribile e perverso, ieri ricco e pieno di possibilità. E' un vortice da cui non se ne esce, se il teorema è che sulla lunga distanza l'economia cresce sempre, i prezzi faranno lo stesso. Il libero mercato costituente la spina dorsale della nostra civiltà permette alle cose di costare quanto produttori e distributori vogliono e questo è un bene, ma solo se tutti possiedono una minima cultura economica condizionata il meno possibile da pubblicità, moda e mass media. Questo è l'unico calmiere naturale dei prezzi, l'alternativa è lo scatafascio.
Sfogo tanto inutile quanto sentito.
SwatMaster25 Novembre 2008, 21:28 #6
Originariamente inviato da: uvz
Ma voi guardate soltanto i prezzi? Ogni notizia di Hwupgrade e subito a richiedere i prezzi bassi, indifferentemente se sono stati citati nell'articolo oppure no. Indifferentemente se si parla di una tecnologia emergente o di una tecnologia matura.
Se avete così problemi di soldi andate a lavorare così vi potrete permettere di comprare qual cosa di buono per voi (come era uso una volta).

Inoltre come pensate che possano coprire lo stipendio degli operai e altri lavoratori se le cose devono costare il meno possibile per forza? E poi tuti a scandalizzarsi quando ci sono i lincenziamenti a causa dei minori profitti.


Va che l'operaio non prende di più solo perchè il prodotto che produce viene venduto ad un prezzo impossibile. Questo succede solo ai piani alti, ragazzo.

Comunque, come altri ti hanno già detto, sei liberissimo di comprarti un convenientissimo SSD a 400€. Io, invece, aspetto che il rapporto qualità/prezzo diventi giusto.
avvelenato25 Novembre 2008, 21:52 #7
Secondo me ve la state prendendo storta per niente.
Se c'è un affinamento produttivo per me è lecito auspicare un miglioramento del rapporto prezzo/performance.
Stigmatizzare chi pensa sempre ai soldi secondo me è un atteggiamento sterile, e se devo dirla tutta dal vago sentore reazionario.
Se ci pensate, dovrebbe essere così anche negli ambiti non informatici. Eppure, nonostante la produttività di oggi sia decuplicata rispetto a 20 anni fa, si lavora sempre 8 ore al giorno o simili, e il potere d'acquisto è quasi sempre il medesimo. Chi ci ha guadagnato di questo aumento di produttività?

Poi la storia dei licenziamenti sparata da uvz dovuta secondo lui a un decremento dei margini di guadagno, è una panzana così bislacca che merita soltanto di essere accolta con un fragoroso lulz
rob3rto26 Novembre 2008, 00:58 #8
si, tutto quello che volete, ma alla fine si può sapere +o- quanto costeranno???
za8726 Novembre 2008, 07:07 #9
bene quindi pian piano si abbassaranno anche i prezzi, adesso stanno aumentando le capienze e cambiando processo produttivo, se vanno avanti così x noi utenti è tutto guadagnato
polkaris26 Novembre 2008, 10:10 #10
Dalla news si legge che è iniziata la produzione, questo è un fatto sicuramente positivo dal punto di vista dei prezzi, dei consumi e delle prestazioni, ma quando arriveranno i primi prodotti basati su questa tecnologia?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^