Informazioni di 267 milioni di utenti Facebook accessibili online

Informazioni di 267 milioni di utenti Facebook accessibili online

Un database liberamente accessibile online per due settimane. I dati per utente non sono molti, ma possono dare modo di condurre attacchi di phishing

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Sicurezza
Facebook
 

Informazioni riguardanti 267 milioni di utenti Facebook sono rimaste disponibili online in un database liberamente accessibile e non protetto da password: è la scoperta del ricercatore Bob Diachenko il quale dopo le analisi di rito afferma che si possa trattare dell'esito di attività avvenute ad opera di criminali in Vietnam.

Le informazioni sono costituite da numeri di telefono, nomi e ID di utenti, e riguardano per lo più cittadini statunitensi. Il database è rimasto accessibile a partire dal 4 dicembre per circa due settimane, e ora è stato messo online. Secondo quanto si apprende, tuttavia, il database potrebbe essere stato condiviso su un forum di hacking.

I dati disponibili per ciascun singolo utente sembrano comunque essere limitati, ma potrebbero essere utilizzati proficuamente per condurre attacchi di phishing. Facebook sta indagando sul problema, ma afferma di credere che si possa trattare di informazioni precedenti ai cambiamenti apportati negli ultimi anni proprio allo scopo di migliorare la sicurezza delle informazioni degli utenti.

In primavera Mark Zuckerberg aveva dichiarato, quasi con solennità, che il futuro di Facebook sarebbe stato "privato". Forse c'è ancora parecchio lavoro da fare...

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko_00120 Dicembre 2019, 13:37 #1
"Il database è rimasto accessibile a partire dal 4 dicembre per circa due settimane, e ora è stato messo online"
forse offline, on line c'era già prima
Vindicator2320 Dicembre 2019, 13:51 #2
e pensare che certa gente pubblica foto di cosa fa in casa ogni ora

sono proprio alla frutta, io uso whatsapp e' piu sicuro
catino20 Dicembre 2019, 14:24 #3
Originariamente inviato da: Vindicator23
e pensare che certa gente pubblica foto di cosa fa in casa ogni ora

sono proprio alla frutta, io uso whatsapp e' piu sicuro


tallines20 Dicembre 2019, 14:26 #4
Brava prrrbook, sempre peggio.............
Nui_Mg20 Dicembre 2019, 14:30 #5
Originariamente inviato da: catino

Dai, secondo me stava scherzando
catino20 Dicembre 2019, 14:36 #6
Originariamente inviato da: Nui_Mg
Dai, secondo me stava scherzando


sorry
vraptus20 Dicembre 2019, 16:03 #7
Per quale oscuro motivo Zuckerberg dovrebbe cambiare qualcosa, quando fin'ora se l'è cavata con un buffetto sulla guancia? Fagli qualche miliardo di dollari di multa e poi vedi come Facebook diventa privato sul serio!
zappy20 Dicembre 2019, 16:20 #8
Originariamente inviato da: vraptus
Per quale oscuro motivo Zuckerberg dovrebbe cambiare qualcosa, quando fin'ora se l'è cavata con un buffetto sulla guancia? Fagli qualche miliardo di dollari di multa e poi vedi come Facebook diventa privato sul serio!


FB è [I]fatto[/I] per NON essere "privato".
aldo87mi20 Dicembre 2019, 16:46 #9
ragazzi non usate i social (compreso whatsapp), oltre ad essere poco sicuri rendono depressi, fanno male all'umore e all'autostima. Riscoprite il valore della parola diretta
R@nda20 Dicembre 2019, 18:58 #10
Originariamente inviato da: aldo87mi
ragazzi non usate i social (compreso whatsapp), oltre ad essere poco sicuri rendono depressi, fanno male all'umore e all'autostima. Riscoprite il valore della parola diretta


Ma certo, ritorniamo ai piccioni viaggiatori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^