In USA taglio allo spam del 75%

In USA taglio allo spam del 75%

Individuata una delle maggiori fonti di smap negli USA: neutralizzata

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Sicurezza
 

Guerra allo spam negli USA, e così in un sol colpo la posta elettronica indesiderata cala del 75%. A intervenire non sono state le autorità americane, bensì due internet provider che a fronte di prove ben circostanziate hanno deciso di inibire l'accesso alla rete da parte dei server di McColo, un vero e proprio crocevia per lo spam.

McColo offre un servizio di hosting, quindi in realtà potrebbe non essere direttamente responsabile dei fatti. Le vere colpe sarebbero da ricercare sui clienti di McColo che secondo varie fonti diffondono messaggi relativi alla vendita di farmaci online, come anche attività vicine alla diffusione di materiale pedopornografico.

I messaggi indesiderati di posta elettronica, oltre ad essere particolarmente fastidiosi per chi li riceve, creano non pochi problemi ai provider e a chi ha il compito di gestire le infrastrutture di rete. Infatti, per veicolare questa enorme mole di dati vengono sprecate ingenti quantità di risorse, con ovvie ricadute sui costi di gestione.

Lo spam veicolato attraverso la rete di McColo è quindi stato bloccato ma, con ogni probabilità, i medesimi messaggi raggiungeranno le nostre caselle email attraverso qualche altro service provider.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Jackari17 Novembre 2008, 09:01 #1
ma è legale tutto ciò?
ritengo che i due provider si esporanno ad azioni legali da parte di McColo
al13517 Novembre 2008, 09:06 #2
credo proprio di si...
in america si possono cose che in italia sono indicibili
e cmq hanno fatto proprio bene
flapane17 Novembre 2008, 09:09 #3
Comunque sarà merito di gmail e dei filtri che in anni ho pazientemente creato, ma ormai da un annetto non ricevo più alcuno spam, nè sulla mail pubblica, nè su quella personale.
Link ad immagine (click per visualizzarla)
e.cera17 Novembre 2008, 09:15 #4
io vieterei solo lo spam commerciale, le mail spam non commerciali non mi danno nessun fastidio, anzi...
avete notato che le mail spam parlano quasi tutte del tuo pisello?
io te lo faccio piu lungo, io te lo faccio più duro....
Volevo dunque fare un annuncio: il mio pene gode di ottima salute!
Wonder17 Novembre 2008, 09:41 #5
Comunque sarà merito di gmail e dei filtri che in anni ho pazientemente creato, ma ormai da un annetto non ricevo più alcuno spam, nè sulla mail pubblica, nè su quella personale.
Anche se è come togliere solo il dolore e non curare il male, purtroppo è l'unica cosa che un utente può fare
recoil17 Novembre 2008, 10:47 #6
Originariamente inviato da: flapane
Comunque sarà merito di gmail e dei filtri che in anni ho pazientemente creato, ma ormai da un annetto non ricevo più alcuno spam, nè sulla mail pubblica, nè su quella personale.


di recente gmail mi ha messo tra lo spam ben DUE mail con offerte di lavoro, che tra l'altro mi interessavano parecchio. l'oggetto era pure in italiano, uno addirittura con la parola colloquio...

da allora controllo quotidianamente la casella spam, mentre prima la guardavo al massimo una volta a settimana.
tutto per colpa di quei rompi maroni che mandano in giro porcherie, dovrebbero prenderli e fargli pagare delle multe da paura
diabolik198117 Novembre 2008, 10:56 #7
Originariamente inviato da: recoil
di recente gmail mi ha messo tra lo spam ben DUE mail con offerte di lavoro, che tra l'altro mi interessavano parecchio. l'oggetto era pure in italiano, uno addirittura con la parola colloquio...


il servizio mail di Gmail è penoso, e sinceramente affidargli mail importanti come nel tuo caso è davvero molto pericoloso.

Originariamente inviato da: recoil
da allora controllo quotidianamente la casella spam, mentre prima la guardavo al massimo una volta a settimana.
tutto per colpa di quei rompi maroni che mandano in giro porcherie, dovrebbero prenderli e fargli pagare delle multe da paura


prova ad usare altri servizi gratuiti per la posta che funzionino in modo normale.
!fazz17 Novembre 2008, 11:19 #8
Originariamente inviato da: diabolik1981
il servizio mail di Gmail è penoso, e sinceramente affidargli mail importanti come nel tuo caso è davvero molto pericoloso.



prova ad usare altri servizi gratuiti per la posta che funzionino in modo normale.


a mio avviso i filtro antispam di google funziona abbasta bene (meglio di quello di aruba di sicuro imho) ovviamente un sistema automatico a volte può sbagliare, per questo c'è la casella spam dove i messaggi rimangono per 30 giorni, un'occhiata alla casella spam è doverosa e necessaria
flapane17 Novembre 2008, 11:22 #9
vero, ogni tot giorni anche io lo controllo..
diabolik198117 Novembre 2008, 11:24 #10
Originariamente inviato da: !fazz
a mio avviso i filtro antispam di google funziona abbasta bene (meglio di quello di aruba di sicuro imho) ovviamente un sistema automatico a volte può sbagliare, per questo c'è la casella spam dove i messaggi rimangono per 30 giorni, un'occhiata alla casella spam è doverosa e necessaria


il grosso problema è che non è disabilitabile. Io scarico sempre tutta la posta con thunderbird, quindi dovrei andare sul sito a controllare. Ecco che di conseguenza la mail di Gmail passa in automatico come mail da non usare per cose importanti (per questo uso quella di email.it o di fastweb, ma anche quella di Yahoo è davvero ben fatta). E questo accade per la maggior parte dei servizi google che non siano il motore di ricerca (per quanto ultimamente pure quello fa uscire un po troppi siti pubblicitari).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^