Il trojan Madi attacca compagnie petrolifere, consolati e agenzie governative

Il trojan Madi attacca compagnie petrolifere, consolati e agenzie governative

Disponibili da Symantec alcuni dettagli relativi al trojam Madi che attacca compagnie petrolifere, consolati e agenzie governative e ha server in Iran e Azerbaijan

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Sicurezza
Symantec
 

Symantec ha reso pubblici alcuni dettagli relativi a Madi, un trojan attivo dallo scorso dicembre e utilizzato per attacchi mirati nei confronti di compagnie petrolifere, agenzie governative, aziende del settore energetico e obiettivi simili. Il Symantec Security Response ha rilevato che il Trojan comunica con server di command-and-control situati in Iran e più di recente in Azerbaijan.

Madi sfrutta tecniche di social engineering per raggiungere il proprio obiettivo e una volta attivo è in grado rubare informazioni e attivare un keylogger. Il malware pare essere attivo in particolare nel Medio Oriente ma alcuni attacchi sono stati rilevati anche in USA e Nuova Zelanda.

Per il momento non ci sono conferme che dietro Madi ci sia qualche stato o nazione - insomma non la solita organizzazione dedita al cybercrime - anche se alcuni indizi propendero per questa particolare natura degli ideatori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Hellraiser8318 Luglio 2012, 18:33 #1
skynet?
dasaint18 Luglio 2012, 19:44 #2
Chi di trojan ferisce...
X360X19 Luglio 2012, 07:11 #3
oggi si studia Mata Hari

un giorno si studieranno i Trojan informatici

vabè almeno non dovranno impararne la biografia
Baboo8519 Luglio 2012, 14:56 #4
Be', per una volta sono quasi contento, visto che attacca le compagnie petrolifere. Peccato che, in caso di danni, chi si deve sbattere e magari anche licenziato (per coprire le perdite, sia mai che guadagnino meno di millemilamilionidimiliardi al secondo) poi sono sempre i dipendenti che non c'entrano una bega.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^