Il ritorno di Magistr

Il ritorno di Magistr

Una nuova variante del virus Magistr è stata da pochi giorni isolata, non è ancora particolarmente diffusa, ma è potenzialmente molto pericolosa.

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 17:17 nel canale Sicurezza
 

W32.Magistr.39921@mm

Una nuova variante del virus Magistr è stata da pochi giorni isolata, non è ancora particolarmente diffusa, ma è potenzialmente molto pericolosa
Il virus si propaga a mezzo email, è infatti capace di autoinviarsi a tutti i contatti mail presenti nei più diffusi mail client. Questa volta, non è solo colpa di OutLook Express, ma anche Eudora e Netscape possono diventare un facile metodo di diffusione.
Gli effetti sono abbastanza preoccupanti: oltre alla possibile sovracscrittura dei dati presenti sull'hard disk, questo virus sembra essere ingrado di flashare il BIOS, creando quindi danni molto rilevanti.
Altro effetto di W32.Magistr.39921@mm è la propagazione via mail di documenti (è quindi possibile che dati sensibili e personali vengano diffusi a nostra insaputa).

Il messaggio email con cui si propaga questa nuova versione di Magistr è così composto:
Oggetto: generato in modo random
Nome dell'allegato: scelto in modo random tra i files eseguibili infettati. In alcuni casi, vengono allegati anche messaggi di testo ed immagini (gif).

Maggiori informazioni circa le modifiche al file win.ini e system.ini sono disponibili ai seguenti indirizzi:

I "soliti" consigli sono sempre validi: antivirus sempre aggiornato e diffidate degli allegati "sconosciuti".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^