I consigli di Trend Micro per studenti e docenti: la sicurezza della didattica a distanza

I consigli di Trend Micro per studenti e docenti: la sicurezza della didattica a distanza

La quarantena spinge la diffusione della didattica a distanza. Ma dinnanzi a molte soluzioni a volte un po' improvvisate si nasconde un rischio di sicurezza: ecco i consigli di Trend Micro

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Sicurezza
Trend Micro
 

Le misure di distanziamento sociale richieste in risposta alla pandemia COVID-19 e al fine di combattere la diffusione del nuovo coronavirus hanno imposto significative modifiche alle abitudini e allo stile di vita che fino a non molte settimane fa davamo per scontati. Oltre alle abitudini personali sono cambiate profondamente anche quelle professionali e di studio, con la diffusione di pratiche di smart working, telelavoro e didattica a distanza.

In particolare, così come altre tecnologie che vengono diffusamente utilizzate in questo periodo, anche gli strumenti per la didattica a distanza erano già presenti sul mercato da diverso tempo e con forti somiglianze alle soluzioni che le aziende hanno utilizzato per poter attuare lo smart working.

Forti somiglianze ma anche un'importante differenza: le soluzoni scelte da aziende e organizzazioni, spesso già adottate in precedenza, sono di tipo commerciale laddove chi ha dovuto allestire velocemente gli strumenti per rendere possibile la didattica a distanza si è affidato magari a versioni di prova o gratuite. La limitata disponibilità di funzioni nelle versioni di prova può andare ad avere un impatto anche sull'ambito della sicurezza che nel mondo della didattica a distanza sono svariati: non solo la sicurezza della piattaforma scelta, ma anche le possibili minacce alla privacy e al controllo di chi sfrutta le piattaforme di comunicazione e gli eventuali problemi di diritti d'autore sui documenti condivise su queste piattaforme e, non da ultimi, le tutele dei minori e delle persone che utilizzano la piattaforma stessa.

Trend Micro offre un prontuario di consigli pratici da adottare per tenersi al sicuro:

I consigli di Trend Micro per studenti e genitori

  • Installare un software Antivirus Commerciale e abilitare il Controllo Parentale sui computer utilizzati, per poter controllare eventuali malware, impostare i tempi di utilizzo del computer stesso, attivare le funzionalità di controllo privacy sui social network e controllare la navigazione web
  • Nel caso si utilizzi un router commerciale, non gestito da un operatore telefonico, verificare o far verificare a un tecnico specializzato che il firmware del router sia aggiornato
  • Verificare di aver installato tutti gli aggiornamenti sia del sistema operativo che dei programmi utilizzati, ad esempio la suite di office automation, il reader dei file pdf, il browser internet e tutti i programmi che vengono utilizzati per la didattica a distanza
  • Attivare le funzionalità di firewall, presenti ormai di default, anche nei sistemi operativi che hanno una configurazione standard

I consigli di Trend Micro per docenti e istituti

  • Scegliere piattaforme commerciali che offrono un servizio di prova, per verificare la possibilità di settare i parametri di sicurezza e privacy
  • Inviare i dettagli del collegamento in modo sicuro, preferire le sessioni che richiedono la registrazione dell’utente e controllare sempre (ad esempio invitando alla lezione via email) chi si collega in anticipo, in modo tale da verificare durante la lezione che il numero dei partecipanti non sia superiore a quello atteso. Se i numeri lo consentono, fare l’appello
  • Controllare i seguenti parametri nel momento in cui si attiva una lezione a distanza:
  • Disattivare la funzionalità di invito alla lezione per i partecipanti
  • Disattivare la funzionalità di poter vedere la lista di tutti i partecipanti
  • Disattivare la funzionalità di poter modificare l’evento per i partecipanti
  • Attivare le funzionalità di cifratura (Encryption) delle comunicazioni
  • Limitare o disattivare le funzionalità di File Transfer
  • Limitare o disattivare le funzionalità di chat private tra i partecipanti lasciando attiva solo quella pubblica
  • Se non indispensabile, disattivare le capacità video 
  • In generale attivare o disattivare tutte quelle funzioni che potrebbero violare il rispetto della privacy
  • Quando si utilizzano siti o tools per sessioni Q&A, accertarsi che le comunicazioni avvengano in modalità cifrata e verificare la gestione della privacy del servizio stesso
  • Verificare che non vengano violate le regole sul Copyright per i materiali utilizzati
  • Evitare di far collegare in video gli studenti se non strettamente necessario o attivare la sessione video singolarmente e non per la totalità dei partecipanti. Sostituire anche le foto con fotografie generiche. Non inserire nome e cognome al momento del collegamento, se possibile utilizzare solo il solo nome o dei nickname

Il consiglio in generale che si può dare è sempre quello della cautela e del giusto grado di diffidenza. In linea di massima evitiamo di condividere online troppe informazioni e in particolare quelle che non sbandiereremmo ad alta voce in un bar pieno di sconosciuti. Le informazioni che consapevolmente o meno disseminiamo online possono essere raccolte, conensate, incrociate e analizzate a scopo di profilazione ed essere poi usate per campagne di phishing, truffe, malware e ransomware.

Non solo: oggi esiste anche un altro rischio rappresentato dai deepfake. Audio e video ci rendono quindi potenziali vittime di fotomontaggi e video falsi dove, per fare un esempio, l'immagine di un insegnante può essere sfruttata per diffondere false comunicazioni ed indicazioni agli studenti i quali a loro volta potrebbero essere vittime di campagne criminali a sfondo estorsivo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^